You are here: Home Lombardi nel Mondo Eccellenze Lombarde Giovani Giovani lombardi nel Mondo: Antonela Castoldi
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Giovani lombardi nel Mondo: Antonela Castoldi

Ha 24 anni, è nata a Esperanza, Argentina e le origini della sua famiglia sono comasche. Ha partecipato al Viaggio Studio in Valcamonica e in quest'intervista ci racconta gli aspetti più interessanti di questa esperienza.

 

1) Puoi fornirci una tua breve presentazione?

 

Mi chiamo Antonela Castoldi, ho 24 anni. Sono nata in una piccola città dall’Argentina chiamata Esperanza e quando ho cominciato l´Universita sono andata a abitare a Cordoba. Dopo essermi laureata in Turismo ho lavorato come guida turistica in diversi luoghi nel mio paese. Poi, a Marzo scorso sono andata a vivere a Citta del Capo in Sudáfrica per lavorare e imparare l’Inglese, dunque da 9 mesi, lavoro in un agenzia turistica in questo bellissimo paese.

 

 2) Come giudichi la tua partecipazione al Viaggio di studio in Valle Camonica?

 

Personalmente penso che questo viaggio di Studio é stato molto importante e fruttuoso.

 

Da quando ero bambina e avevo studiato l’italiano avevo voglia di conoscere la mia regione e cultura dei miei antenati. Ho sempre che l’Italia é un paese molto interessante: l’ho trovato meraviglioso.

 

Questo viaggio mi ha dato la possibilità di scoprire, imparare e capire tantissime cose. Prima di tutto la bellezza naturale e la bellezza dalla gente dalla Lombardia. Ho scoperto la importanza economica e turistica dalla regione, la cultura, la lingua. Ho conosciuto la gente camuna, ho stretto tantissimi amicizie e soprattutto ho praticato il mio italiano.

 

Mi piacerebbe sottolineare due cose importanti:

 

-          il viaggio é stato organizzato benissimo e gli organizzatori sono stati carissimi e sempre presenti.

 

-          Tutte le guide turistiche sono professionalmente molto capaci e preparate

 

 3) Puoi raccontarci la storia delle tue origini lombarde?

 

I miei antenati provenivano dal Lago di Como, erano cugini e quando si sono innamorati i rispettivi genitori si sono arrabbiati. La storia familiare racconta che il papa dalla mia bisnonna era il sindaco del paese mentre suo fratello, il papa del mio bisnonno, non era un cittadino molto ben visto. Dunque sono dovuti fuggire in Argentina per motivi sentimentali

 

4) Qual è il tuo rapporto attuale con la tua Regione d’origine, la Lombardia e la tua Provincia?

 

Quando studiavo Italiano, 6 anni fa, partecipavo delle attività alla Dante Alighieri dalle mia città. Questo viaggio mi ha aperto una porta per rimanere in contatto con la Lombardia, sopprattutto perché l anno prossimo voglio ritornare in Italia per lavorare nel turismo e continuare a imparare la vostra lingua.

 

5) Il Portale Lombardi nel Mondo è uno strumento giornalistico nato per rafforzare i legami tra la Lombardia e i suoi emigrati. Quali strumenti utilizzi per rimanere informato su quanto accade nella tua Regione d’origine e in Italia?

 

Dato che sono una viaggiatrice giramondo, lo strumento che uso maggiormente per rimanere informata è internet.

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali