Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Eccellenze Lombarde Giovani Giovani lombardi nel mondo: Gabriela Soccol Zucchetti
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Giovani lombardi nel mondo: Gabriela Soccol Zucchetti

Ha 24 anni, è nata a Serafina Corrêa – Rio Grande do Sul – Brasil e le origini della sua famiglia sono bergamasche. Ha partecipato al Viaggio Studio in Valcamonica e in quest'intervista ci racconta gli aspetti più interessanti di questa esperienza.

1)        Puoi fornirci una tua breve presentazione?

Mi chiamo Gabriela Soccol Zucchetti, ho 24 anni e sono nata a Serafina Corrêa – Rio Grande do Sul – Brasil.

 

2)        Come giudichi la tua partecipazione al Viaggio di studio in Valle Camonica?

Faccio ormai parte della terza e anche quarta generazione però l'interesse riguardo alle nostre origini rimane. Sono cresciuta in un ambiente dove la passione per la cultura italiana è sempre stata forte. Questo lo porto da mia madre (Solange Soccol) e spero di portare avanti.

Ho vissuto per il periodo di tre anni nel Veneto, dove ho potuto conoscere le radici dei Soccol, comunque ho sempre voluto conoscere anche le radici dei Zucchetti, che si trovano nella Regione Lombardia. Questo l'Associazione Gente Camuna me lo ha regalato, e per questa opportunità sarò eternamente grata a loro. È stata una esperienza davvero fantastica, indimenticabile. Ho fatto molte conoscenze, molte scoperte, ed anche amicizie vere e profonde. Sicuramente ho molte belle storie da raccontare, e porterò nel cuore per sempre tutte le persone che ho conosciuto in questa magnifica avventura.  

 

3)        Puoi raccontarci la storia delle tue origini lombarde?

I miei antenati dalla parte di mio padre, o sia, dei Zucchetti, sono partiti da Ciserano – Bergamo con un buon grado di istruzione. Sono arrivati in Brasile e si sono sistemati all'inizio nella "colonia" di Alfredo Chaves, attuale città di Veranópolis – Rio Grande do Sul. Lì, nel 1888, i Zucchetti, insieme ad altre due famiglie, hanno costruito una chiesetta in onore a San Marco, avendo poi inaugurato il campanile nel 1901. Queste informazioni si possono trovare sui libri del grandissimo Frate Rovilio Costa. Dopo invece si sono trasferiti a Nova Araçá (nella frazione che si chiama fino ad oggi Vila Zucchetti) e nel 1926 hanno inaugurato la prima fabbrica, che si chiamava "Frigorífico Zucchetti" (salumicifio) la quale fino al 1997 era quella che dava lavoro alle persone del paese.

 

4)        Qual è il tuo rapporto attuale con la tua Regione d’origine, la Lombardia e la tua Provincia?

Ho sempre avuto curiosità di conoscere anche la Regione Lombardia. Ci sono stata soltanto una volta a Milano alcuni anni fa, quando  ho vissuto nel Veneto, però purtroppo in quegli anni non ho avuto l'opportunità di conoscerne di più. Al termine di questa esperienza in Valle Camonica mi sento molto più vicina di prima e cercherò di mantenere forte questo legame.

 

5)        Il Portale Lombardi nel Mondo è uno strumento giornalistico nato per rafforzare i legami tra la Lombardia e i suoi emigrati. Quali strumenti utilizzi per rimanere informato su quanto accade nella tua Regione d’origine e in Italia?

Oggigiorno l'internet è il mezzo più diffuso. Anch'io ne faccio un uso quotidiano e cerco sui vari siti tutte le informazioni sulla nostra bella Italia.

 

6) Partecipate alla vita delle associazioni lombarde ed italiane all'estero?

Sì. Ci sono tantissime associazioni italiane da noi, anche quelle lombarde. Mia mamma aveva creato pure lei una associazione che si chiamava "Associazione Origine". Lei forniva gratuitamente anche informazioni sull'origine dei cognomi delle persone con lo scopo di poter fare la Cittadinanza Italiana.

 

Intervista di Fabio Veneri/Portale Lombardi nel Mondo

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Mattarella nelle Repubbliche Baltiche, dove si respira voglia d’Italia

Piccole, ma molto dinamiche le comunità italiane che il Capo dello Stato ha potuto incontrare. Numerosi gli imprenditori attivi nel campo dell’import-export, e fra essi molti lombardi. continua>>
Altro…