Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Eccellenze Lombarde Giovani Giovani lombardi nel mondo: Barbara Origlio
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Giovani lombardi nel mondo: Barbara Origlio

Ha partecipato alla recente Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo come delegato dal Messico. Attualmente é la coordinatrice del primo Centro Multi-istituzionale Italiano, di prossima apertura, che ha sede a Playa del Carmen

Barbara Origlio, nata a Gallarate (VA) e cresciuta a Busto Arsizio (VA), é residente in Messico dal 2002, dove é arrivata dopo un anno di permanenza nel Regno Unito, paese in cui ha vissuto dal 2000 al 2001 per motivi di studio.

 

Attualmente é la coordinatrice del primo Centro Multi-istituzionale Italiano, di prossima apertura, che ha sede a Playa del Carmen, nella regione della penisola dello Yucatan. Si tratta di un’iniziativa realizzata con l’Istituto Italiano di Cultura di Cittá del Messico, che coinvolge anche la Camera di Commercio Italiana, e  si attua in collaborazione con le istitituzioni governative locali e statali messicane, per rispondere alle esigenze di offerta formativa e culturale per e con la comunità italiana, messicana e straniera residente nella zona.

Dal suo arrivo in Messico ha collaborato con l’Istituto Italiano di Cultura come docente di lingua italiana, e parallelamente si é affermata nell’ambito accademico come docente universitaria e ricercatrice nel campo delle scienze sociali, linguistiche e della comunicazione. Dal 2002 al 2005 è stata infatti docente di vari corsi presso il Dipartimento di Comunicazione (Semiotica Applicata, Comunicazione Interculturale, Metodi di Ricerca Sociale, Teorie della Comunicazione)  e il Dipartimento di Lingue Straniere e Filologia (Inglese e Italiano) della Facoltà di Scienze Umanistiche e Sociali del Instituto Tecnològico y de Estudios Superiores de Monterrey, un’importante università messicana che ha campus in tutto il paese e in Centro America. Nella stessa università è stata coordinatrice dei corsi di Lingua Italiana e membro attivo della Cattedra in Semiotica.

 

Nonostante la giovane età, ha già alle spalle un’intensa attivitá di diffusione accademica attraverso la partecipazione a decine di congressi nazionali e internazionali tenutisi in Finlandia, Germania, Venezuela, Tailandia e Messico, come relatrice, conferenzista e organizzatrice. È membro della rete di ricercatori EUKO (European Communication and Culture in Organizations), della FELS (Fedeazione Latinoamericana di Semiotica), dell’ALAIC (Associazione Latinoamericana di Ricercatori della Comunicazione) e dell’AMIt (Associazione Messicana di Italianisti),  ed autrice di vari articoli e saggi accademici sui temi della comunicazione, dei mezzi di comunicazione e le minoranze, la partecipazione democratica, tra gli altri. I suoi interventi sono stati pubblicati in libri usciti in Argentina, in Germania, in Messico e negli Stati Uniti.

 

Formazione

Barbara Origlio ha seguito un percorso formativo  nell’area delle scienze sociali e umane, iniziato con la Laurea in Lingue e Letterature Straniere con specializzazione in Scienze della Comunicazione, conseguita  con 110 e lode presso l’Universitá Cattolica del Sacro Cuore di Milano, con una tesi sul  multiculturalismo e la televisione in Gran Bretagna. In seguito ha ottenuto un Master in Analisi Culturale alla Coventry University, Gran Bretagna, con un lavoro di ricerca, anch’esso premiato con la lode, centrato sulla percezione della diversitá culturale in Lombardia (uomini senegalesi e italiani a confronto). Attualmente sta terminando un Dottorato in Scienze Politiche e Sociali, con orientamento in Scienze della Comunicazione presso la massima casa di studi del mondo iberoamericano, l’UNAM (Universidad Nacional Autònoma de Mèxico) di Cittá del Messico. Per la tesi di dottorato ha svolto un lavoro di ricerca estensivo sul mondo dell’industria turistica legata alla presenza degli italiani (turisti e residenti) nella zona caraibica messicana e alla loro relazione con il multiculturalismo in ambito lavorativo. La discussione della tesi è prevista per l’autunno di quest’anno, 2009.

 

Professione

Oltre alla carriera nella docenza universitaria, Barbara Origlio è formatrice professionale specializzata nell’insegnamento della lingua-cultura italiana a stranieri e docente certificata di spagnolo per non ispanofoni. Opera inoltre nel settore dell’alta formazione d’azienda come consulente certiicato in training e formazione nelle aree della comunicazione e delle relazioni umane in ambito organizzativo, con abilitazione come istruttrice e disegnatrice di programmi formativi. Ha lavorato inoltre come traduttrice per l’Istituto Italiano di Cultura, ha tradotto programmi giornalistici per Capital 21, televisione locale di Cittá del Messico,  e saggi di storia e sociologia per l’Istituto Nazionale di Storia (Messico) e per l’Università Cattolica di Milano.

 

Comunità Italiana

Un lungo passato nel volontariato sociale a livello cittadino e nella zona di Milano, sia di stampo cattolico che di stampo laico, si è tradotto all’estero in un impegno con il territorio e con la comunità che si è intensificato.soprattutto negli ultimi anni. È stata membro della collettivitá AlterITA e del Corpo Docente dell’Istituto Italiano di Cultura, collaboratrice di istituzioni italiane quali Camera di Commercio e Istituto Italiano di Cultura e vicina alle attività del COMITES del Messico.

È stata la promotrice di varie iniziative per la comunità italiana della Riviera Maya, la prima delle quali il festival di cinema italiano “Cinema in Piazza”, nell’agosto 2007, una settimana di proiezioni di film in lingua italiana gratutite nella piazza principale di Playa del Carmen, con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura e del Municipio di Solidaridad. Dal 2007 ha disegnato e gestito il progetto di creazione di un centro culturale italiano  che coinvolga la comunità della zona caraibica messicana, progetto che oggi si sta finalmente attuando e che coordina.

Ha spinto e promosso nel gennaio 2007, insieme al Corpo Docente dell’Istituto Italiano di Cultura e il COMITES, l’incontro di Tlaxcala di riflessione sulle modifiche alle leggi sulla diffusione della lingua e cultura italiana nel mondo (Legge 153/71) dal quale è scaturita la proposta e la firma del Contratto Etico, avallato dall’Ambasciatore e firmato dalle principali istanze italiane che si occupano di insegnare e promuovere la lingua e la cultura italiana in Messico.

Durante tutto il 2008  è stata elemento attivo negli  incontri della commissione giovani promossa dal COMITES e dal CGIE, e nel dicembre del 2008  ha partecipato come delegata per il Messico e referente della zona Messico e Centro America alla prima Conferenza Mondiale dei Giovanni Italiani nel Mondo, dove é stata nominata portavoce dei giovani dell’America Latina ed eletta presidente della commissione Identitá Italiana e Multiculturalismo a livello mondiale,  respondabile quindi della stesura dei documenti finali della conferenza in quell’area tematica. Esperta convocata dal CGIE continentale per le questioni giovanili, Barbara Origlio sta gestendo ora l’organizzazione della prima  conferenza nazionale dei giovani italiani in Messico, per continuare a stimolare la riflessione e le iniziative proposte alla conferenza di Roma nel dicembre 2008.

Il suo impegno con le collettività italiane all’estero continua con la promozione della fondazione dell’associazione Lombardi nel Mondo della Riviera Maya, insieme all’attuale Agente Consolare locale e a un gruppo di imprenditori, giovani e famiglie lombardi  residenti nella zona,  e di attività culturali e di aggregazione che favoriscano l’integrazione e il dialogo interculturale sul territorio, così come il recupero e il rafforzo del legame degli italiani con la loro identità di origine, sia a Città del Messico, sia nella penisola dello Yucatan.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Manifesto dei Lombardi nel Mondo

Milano 12 gennaio 2018 - Appello per una maggiore rappresentanza dei Lombardi nel Mondo. Il Manifesto si prefigge di promuovere una serie di azioni positive, concrete e incisive, atte a restituire quella dignità che gli emigrati lombardi e le loro famiglie meritano di vedere riconosciuta non solo in ambito istituzionalecontinua>>
Altro…