Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Eccellenze Lombarde Arte Artisti lombardi nel mondo: Fulvio Filipponi
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Artisti lombardi nel mondo: Fulvio Filipponi

Città del Messico: Fulvio Filipponi è nato a Milano. Vive da vent’anni in Messico. Professore d’italiano. Artista plastico. Inquieto, creativo e diretto. Ci racconta e si racconta

Ci siamo conosciuti durante i miei anni in Messico, per pochi anni siamo stati colleghi nello stesso Istituto. Acuto osservatore, quando può circondarsi da amici trasforma lo stare insieme in qualcosa di unico. Non sta mai fermo. Ha una figlia che si chiama Azul.

 

Da quanto tempo vive in Messico e perchè?

Vivo in Messico dal 1989. Sono partito dall'Italia perché il mio carattere è molto inquieto ed ho sempre avuto voglia di esplorare il mondo, in particolar modo Latinoamerica.

Poi, negli anni '80 e '90 non mi piaceva più la routine della vita italiana ed il clima.

 

Lei è professore d'italiano da molti anni. Qual è il suo rapporto con l'insegnamento?

Al principio era una questione economica ed un modo per rimanere in rapporto con le mie origini. Poi, tutto si è trasformato in passione per l'insegnamento, anche facilitata dal modo di comunicare di questo paese, dove tutto può sfociare in un'amicizia.

 

Cosa ne pensa della diffusione della lingua italiana in Messico?

E’ un momento particolare, molto importante, dove si stanno raggiungendo livelli incredibili, di qualità e quantità. Basti pensare che intorno alla lingua italiana ruotano circa 10.000 studenti, solo qui a Città del Messico. Se poi consideriamo la provincia, queste cifre si raddoppiano.

La riflessione si fa più acuta quando consideriamo che il Messico, a differenza dell' Argentina e del Brasile, non ha avuto antecedenti forti di emigrazione italiana.

 

Tra l' Italia e il Messico, secondo lei,  quali sono i punti in comune e quali invece le differenze?

1- Forse l' immediatezza nelle relazioni umane, il carattere allegro,il rispetto storico fra i due paesi.

2- I valori della famiglia, il rapporto con la morte, la spensieratezza, l' irresponsabilità, l’ipocrisia, l’ assurdo...

 

In quali situazioni sente di "agire" da italiano e in quali no?

Cerco sempre di agire da Italiano, ma a volte è impossibile. Quindi ho imparato ad essere paziente e tollerante.

 

So che lei è una persona inquieta, oltre all'insegnamento è anche diciamo artigiano, ci parli di questa sua esperienza imprenditoriale e di come è riuscito a svilupparla.

Ma, sono stato imprenditore con ottimo successo fino alla separazione da mia moglie. Poi, per motivi strettamente famigliari ho dovuto fare delle scelte, quindi mi sono trasformato in artista plastico, con discreto successo. L’ultima mia esposizione è di questi giorni, con altri 34 artisti italiani residenti in Messico, al Museo Diego Rivera Anahuacalli.

 

Cosa ne pensa della politica e se crede che l’Italia si sia inserita nel mercato messicano?

Purtroppo credo che la politica è un freno per tutte le cose e continuerà a peggiorare. L’Italia nel mercato messicano si sta inserendo lentamente, colpa di ambedue i paesi. Uno, troppo lento nella sua voglia di crescere; l' altro troppo esigente (l' Italia).

 

Un aneddoto...

Una volta ero a Puerto Escondido,in un ristorante, ed abbiamo chiesto il menù.Dopo averlo letto attentamente, chiedemmo al cameriere la differenza tra "el pulpo a la marinera y el pulpo a la mexicana". Il cameriere ci guardò un po’ stupito e ci rispose con gran parsimonia che el pulpo a la marinera era con “ajo y perejil”. Allora io, ancora più curioso, chiesi com' era quello a la mexicana e lo stesso cameriere ancora più parsimonioso mi rispose con “ajo y perejil”.

A quel punto, ovviamente feci notare che erano la stessa cosa e lui annuì con un sorriso...

Questo è il surrealismo messicano!!!!

In questi giorni sto anche girando un film cortometraggio, dove faccio la parte di Gigio, da un racconto di Italo Calvino (la bonanza de las antillas).

 

Fonte Cognomi su: www.gens.labo.net

(Filipponi cognome presente in  304 comuni d`Italia)

 

Patrizia Marcheselli

Portale dei Lombardi nel Mondo

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Altro…