Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Area opportunità Contributi regionali per i grandi eventi sportivi 2016
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Contributi regionali per i grandi eventi sportivi 2016

Regione Lombardia, con Dgr n. X/4763 del 28 gennaio 2016 ha approvato i criteri e le modalità per l’erogazione dei contributi alla realizzazione dei grandi eventi sportivi che si terranno in Lombardia nel 2016:

 

Pallavolo - Volley Land - Final Four Coppa Italia SuperLega Serie A1 e Finale Coppa Italia Serie A2
Ciclismo - 18° Trofeo Alfredo Binda - UCI Women’s Worldtour
Canottaggio - Coppa del Mondo
Canottaggio - Regata internazionale para rowing / qualificazioni paralimpiche / regata internazionale master
Ginnastica - Coppa del Mondo trampolino elastico
Motociclismo - World Championship motocross MX GP di Lombardia
Vela - Campionato Mondiale 420 Team Race
Golf - 3° Open d’Italia

Inoltre, vengono definiti i requisiti dei soggetti che possono presentare domanda di contributo e delle iniziative oggetto di sostegno finanziario, le modalità per la presentazione delle domande, le spese ammissibili, le modalità e tempistiche per la presentazione della rendicontazione, i criteri di determinazione del contributo erogabile e i termini di conclusione dei procedimenti.


Possono presentare domanda di contributo i seguenti soggetti organizzatori dei grandi eventi sportivi individuati dall’art. 1, comma 11 della l.r. n. 43 del 30 dicembre 2015Legge di stabilità 2016 – 2018” ed altri Grandi Eventi Sportivi che dovessero essere individuati successivamente con legge regionale:
Federazioni sportive nazionali e internazionali, anche attraverso i rispettivi comitati regionali, singolarmente o in collaborazione con un Comitato organizzatore senza scopo di lucro appositamente costituito;
Comitati organizzatori appositamente costituiti, senza scopo di lucro;
Associazioni sportive dilettantistiche e Società sportive dilettantistiche senza scopo di lucro organizzatrici dell’evento;
• Altri soggetti senza scopo di lucro organizzatori dell’evento aventi nel proprio statuto/atto di costituzione come finalità l’organizzazione di eventi/manifestazioni sportive;
Enti Locali anche in collaborazione con uno dei soggetti individuati ai precedenti punti.


Qualora l’evento sia realizzato da Federazioni Sportive in collaborazione con un Comitato Organizzatore appositamente costituito o da Enti Locali in collaborazione con uno dei soggetti indicati ai precedenti punti, beneficiario del contributo sarà unicamente il soggetto che ha presentato la domanda. Il soggetto beneficiario potrà ricevere ulteriori contributi da altri enti pubblici e privati per la realizzazione del medesimo evento.

La domanda, debitamente sottoscritta, ed i relativi allegati dovranno pervenire tramite consegna a mano al protocollo generale o presso le sedi territoriali oppure via PEC, all’indirizzo sport@pec.regione.lombardia.it, almeno 20 giorni prima della data di inizio dell’evento al quale si riferisce. Per le Pubbliche Amministrazioni, cosi come previsto dal codice dell’amministrazione digitale vigente (art. 47 d.lgs. 82/2005) vige l’obbligo di trasmettere esclusivamente via PEC la domanda e i relativi allegati, sottoscritti con firma elettronica o digitale (tramite CRS/CNS).


Per gli eventi la cui data di inizio è fissata a meno di 20 giorni dalla data di pubblicazione del presente provvedimento, la domanda di contributo potrà essere presentata, in deroga alla prescrizione temporale di cui sopra, dopo l’approvazione del presente provvedimento e comunque entro e non oltre la data di inizio dell’evento. Anche nel caso di eventi che dovessero essere individuati successivamente con legge regionale, qualora la data di inizio fosse fissata a meno di 20 giorni dalla data di pubblicazione della legge medesima, la domanda di contributo potrà essere presentata entro e non oltre la data di inizio dell’evento.


I LINK DEI PDF ALLEGATI SCARICABILI DEL BANDO SONO QUI.

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…