Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Area opportunità Premio di studio «Cesare Mozzarelli 2016» sulla storia del Mantovano XX°edizione
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Premio di studio «Cesare Mozzarelli 2016» sulla storia del Mantovano XX°edizione

Per ricordare la figura del professor Cesare Mozzarelli, la sua insigne opera di studioso e il suo impegno di promotore e di organizzatore di cultura a Mantova, per iniziativa dei cugini Bottoli, l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea indice un premio da assegnare all'autore o agli autori di studi, ricerche e tesi di laurea o di dottorato, sulla storia di Mantova e del suo territorio in età moderna e contemporanea.

 

Il premio – reso possibile grazie al contributo di Alberto e Giuseppe Bottoli; di Andrea e Vanna Mozzarelli; di monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio e abate di Pomposa; di Michele e Giovanni Mozzarelli; del Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; dell'impresa Bottoli Costruzioni s.r.l.; dell'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea onlus, della Fondazione BPA di Poggio Rusco e del Comune di Mantova – sarà così suddiviso:
-un primo premio di euro 2.000
-un secondo premio di euro 1.500
-un terzo premio di euro 1.000.
I concorrenti dovranno far pervenire la domanda di partecipazione e il testo della loro ricerca redatto (o tradotto) in lingua italiana, in tre copie (due in formato cartaceo e una su supporto informatico), entro il 2 maggio 2016.
La commissione giudicatrice sarà composta da rappresentanti indicati dai promotori e dai sostenitori del premio, da rappresentanti dell'Accademia Nazionale Virgiliana, dell'Archivio di Stato di Mantova, del Comune di Mantova, della Fondazione BPA di Poggio Rusco e della Soprintendenza per le Belle Arti e il Paesaggio per le province di Brescia, Cremona e Mantova, dall'editore Gianluigi Arcari. La commissione provvederà a scegliere, a suo insindacabile giudizio, i lavori cui assegnare i premi e potrà segnalarne altri ritenuti particolarmente meritevoli o degni di pubblicazione.
Il premio sarà consegnato nel corso di un incontro pubblico, di cui verrà data notizia sulla stampa locale.
Le copie dei lavori presentati dai concorrenti saranno conservate presso l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea e presso e presso l'Archivio di Stato di Mantova.
La domanda di partecipazione, a firma autografa dei concorrenti, deve contenere:
a) nome e cognome, data e luogo di nascita, residenza e indirizzo al quale si desidera siano fatte pervenire eventuali comunicazioni;
b) un breve curriculum su supporto elettronico degli studi (indicazioni complete della laurea, se triennale o specialistica,o del dottorato di ricerca e punteggio del diploma di maturità) e delle attività svolte;
c) la dichiarazione Mantova, 1 marzo 2016 La presidente del premio Daniela Ferrari che la ricerca presentata non ha ricevuto altri premi, non è stata già pubblicata, né integralmente, né parzialmente, e non è in corso di pubblicazione;
d) l'eventuale autorizzazione alla consultazione e alla fotoriproduzione secondo la normativa vigente. I lavori dovranno pervenire presso la sede dell'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, corso Garibaldi 88, 46100 Mantova.

1 marzo 2016
La presidente del premio Daniela Ferrari
Informazioni:
Nicoletta Beccari, tel. 0376-352713, fax. 0376-352712
Istituto Mantovano di Storia Contemporanea ist.storia@comune.mantova.gov.it
Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…