Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Area Sport Per il Consigliere regionale Carolina Toia, la salute vien … camminando
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Per il Consigliere regionale Carolina Toia, la salute vien … camminando

Milano 25 gennaio 2018 - I benefici psico-ficisici derivati dal movimento all’aria aperta. Fare Nord Walking per combattere la sedentarietà, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari per un migliore e sano stile di vita, senza affaticarsi e in tutta armonia con l’ambiente naturale che ci circonda

Milano 25 gennaio 2018 - L'Avv. Carolina Toia, Consigliere regionale della Lombardia e Vicepresidente Commissione Speciale Riordino delle Autonomie, questa mattina ha presentato il convegno “La salute vien camminando” presso la Sala Pirelli annessa alla Sede del Consiglio regionale.

La Consigliere, più volte nel corso di questa legislatura, ha portato in discussione argomenti legati alla salute e al benessere psico-fisico delle persone e del praticare lo sport all'aria aperta come forma di prevenzione contro tutte le forme d'invecchiamento a cui gli individui vanno incontro con l'avanzare dell'età.

All’interessante iniziativa medico-scientifica hanno preso parte autorevoli esponenti della Medicina anche applicata allo sport. Insieme hanno dibattuto sul tema del benessere psico-fisico come viatico per un sano stile di vita che nella ginnastica amatoriale, fatta di movimenti soft e sotto la supervisione di istruttori qualificati in questo campo, trova il punto focale del suo successo, considerati i molti over 65 che a questa pratica si avvicinano sempre più con rinnovato interesse.

All’incontro erano presenti: Il Dr. Giovanni Del Favero, Medico Chirurgo con formazione specifica Medicina generale Geriatria - che ha affrontato il tema dei benefici per la salute e l’attività fisica nella terza età; la Dr.ssa Lucia Politini, Medico Chirurgo Specialista in Neurologia - che ha spiegato il tema dei benefici per alcune patologie neurodegenerative; Il Dr. Federico Valli, Medico Chirurgo Specialista in Ortopedia e Traumatologia - che ha affrontato la relazione tra movimento e gesto chirurgico, due azioni che devono parlarsi per il bene del nostro paziente e Angela Cacamo, istruttore Libertas Nordi Walking Team - che ha parlato dell’importanza di praticare Nord Walking a beneficio di uno stile di vita sano.

 

GUARDA IL VIDEO


Il Nordic Walking consiste in una camminata con utilizzo sapiente di bastoncini. Si svolge all’aria aperta ed è adatto a tutti, giovani e anziani, praticabile in qualsiasi periodo dell’anno, in pianura come in montagna, nei parchi cittadini e persino sulla spiaggia.

I benefici derivanti dalla pratica del Nordic Walking consentono uno sviluppo più armonico e muscolare del nostro fisico e delle articolazioni che hanno un migliore utilizzo delle cartilagini e stimolano la produzione del liquido sinoviale che funge da lubrificante delle nostre articolazioni.

il NW è consigliato a tutti e a tutte le età. In particolare a bambini ed anziani, uomini e donne, sportivi e non, in quanto richiede un limitato impegno scheletrico, muscolare, cardiorespiratorio e vascolare. Molte persone in sovrappeso o poco motivate a fare movimento, trovano nel Nordic Walking lo stimolo per iniziare a superare e vincere la pigrizia generata dalla sedentarietà.

La Camminata Nordica non richiede abbigliamento specifico, se non indumenti comodi: tuta o maglietta, kee-way, cappellino, scarpe da ginnastica o scarponcini da trekking leggeri per lasciare l’articolazione del piede abbastanza libera.

Molto importante è la scelta dei bastoncini per il Nordic Walking. Ve ne sono di diversi prezzi a seconda che siano fissi o allungabili, in alluminio, in fibra di vetro o in carbonio. Da non confondersi con quelli utilizzati per l’escursionismo, ben diversi per quanto riguarda lunghezza, peso, bilanciamento e impugnatura.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…