Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Felice Bernasconi con i “grandi” di Milano
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Felice Bernasconi con i “grandi” di Milano

Scomparso nel 2008, è stato tra i padri fondatori della Regione Lombardia ed ex sindaco della città di Como. Il suo nome sarà iscritto nel Famedio dei cittadini illustri.

Felice Bernasconi tra i “grandi” di Milano, a fianco di Mike Bongiorno e Giorgio Mondadori.

Il nome dell’ex sindaco di Como, uno dei padri fondatori della Regione Lombardia, verrà scritto nel Famedio del Cimitero Monumentale meneghino.

Il Famedio è un’ala del cimitero destinata ai personaggi illustri. Manfredi Palmeri, presidente del consiglio comunale di Milano e della commissione per le onoranze al Famedio, ha reso noti i nomi dei quindici “grandi” cui verrà assegnato il riconoscimento postumo.

Oltre a Felice Bernasconi, i consiglieri hanno indicato Franco Bettinelli, scrittore ed educatore della Diocesi di Milano; il presentatore televisivo Mike Bongiorno; l’imprenditore farmaceutico Fulvio Bracco; il presidente di Assolombarda e dell’istituto Javotte Bocconi Emanuele Dubini; la studiosa e divulgatrice dell’arte lombarda Maria Luisa Gatti Perer; il soprano e artista del Teatro alla Scala Leyla Gencer; lo sportivo e promotore della Stramilano Luigi Mauri; l’editore Giorgio Mondadori; la scrittrice Fernanda Pivano; il fondatore della cooperativa culturale “Il Diciotto” Mario Pria; la fondatrice di Emergency Teresa Sarti Strada, moglie di Gino Strada, morta all’inizio di settembre; lo scultore Carlo Sessa; l’oncologo Carlo Sirtori; il missionario Sandro Strohmenger.

Editore, imprenditore e politico comasco, Bernasconi è morto nella notte dell’Immacolata dell’anno scorso, l’8 dicembre 2008, all’ospedale cittadino Sant’Anna. «Siamo orgogliosi e soddisfatti - commenta l’avvocato Pietro Bernasconi, uno dei cinque figli di Felice Bernasconi - questo riconoscimento premia l’impegno di nostro padre non soltanto sul territorio comasco, ma anche su Milano e sull’intera Lombardia, come vicepresidente vicario di Confcommercio, come uomo politico e come presidente di Antenna 3». Bernasconi fu un editore televisivo di primo piano: nel 1983 fondò, insieme con Maurizio Giunco, l’emittente locale Espansione Tv. La sua attività editoriale assieme a Giunco lo portò anche alla presidenza di Antenna3 Lombardia.

La sua avventura nel mondo dell’impresa iniziò molti anni prima: nel 1949 fondò infatti la Baradello Trasporti, negli anni Sessanta la Baradello Viaggi. Per quarant’anni - dal 1965 al 2005 - guidò i commercianti comaschi quale presidente della Confcommercio provinciale. Ampia è anche la sua pagina politica. Uomo di punta della Democrazia Cristiana, fu tra i padri costituenti della Regione Lombardia, nel cui consiglio venne eletto quattro volte consecutive (dal 1970 al 1990). Più volte venne riconfermato alla presidenza della commissione Attività produttive. Venne eletto anche sindaco di Como: rimase alla guida della città per un biennio, all’inizio degli anni Novanta. «La sua attività, politica ed economica, ha interessato anche il territorio meneghino, quindi come famiglia siamo grati al consiglio comunale milanese: notiamo con piacere che le istituzioni non dimenticano l’impegno di nostro padre». Pietro Bernasconi ricorda come Felice Bernasconi sia stato tra i padri costituenti della Regione. «Negli anni Settanta la Lombardia nacque con mille speranze: lui fu tra i consiglieri regionali più longevi, rimase in carica dal 1970 al 1990». Bernasconi, nel 2006, era stato insignito anche dell’Abbondino d’Oro, la massima onorificenza comasca.

 

 

Andrea Bambace

Corriere di Como

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…