Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Guida ragionata al dialetto romano: minacce, insulti e ... battute
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Guida ragionata al dialetto romano: minacce, insulti e ... battute

Minacce e insulti in romanaccio, da utilizzare come deterrente o legittima difesa ... visti i tempi che corrono..

di Daniele Marconcini

 

 

Dopo la tristezza, ecco un fantastico “zibaldone” di battute in romanesco, tutte da ridere! Aho’ damose n’a mossa: tiè, piglia, incarta e porta accasa.

TE STO A 'MBRUTTI': la tua antipatia mi irrita notevolmente

MO TE PARTO DE CAPOCCIA/DE TESCHIO: mi hai fatto proprio irritare

TE SPORVERO/TE SPARECCHIO LA FACCIA: ti prendo a ceffoni sul viso

T'APPOGGIO/TE PARCHEGGIO 'NA MANO IN FACCIA: vedi sopra

TE MISCHIO COME UN MAZZO DE CARTE/TE RIBARTO COME 'NA COTOLETTA: rivedi sopra

TE RIVORTO COME 'N CARZINO/'NA CARZA/TE APRO COME 'NA COZZA: rivedi sopra

TE APRO COME 'NA SDRAIO/TE CHIUDO COME 'NA GRAZIELLA: rivedi sopra

ME T'APRO COME 'N DIVANO LETTO/'NA COZZA/'NA TELLINA: rivedi sopra

TE APRO COME 'N FIASCO DE VINO/'NA DAMIGIANA: rivedi sopra

TE GONFIO COME 'NA ZAMPOGNA/TE SUCCHIO COME 'N GAMBERETTO: rivedi sopra

TE CIANCICO E POI TE SPUTO: rivedi sopra

TE STRAPPO LE GAMBE E TE CE PIJO A CARCI: rivedi sopra

APPARECCHIA ER CULO CHE LA CICCIA E' PRONTA: rivedi sopra

T'ADDOBBO COME 'N ARBERO DE NATALE/TE DO 'NA ZACCAGNATA: rivedi sopra

TE DO 'NA PIZZA CHE T'ARESTANO PE' VAGABONDAGGIO: rivedi sopra

STA A PARTI' 'NA PIZZA DAR BINARIO 5/MANZO, CHE TE CINQUINO ER TESCHIO: rivedi sopra

TE 'NFILO 'NA MANO 'N CULO, TE SFILO LA SPINA DORZALE E TE CE FRUSTO: rivedi sopra

TE FACCIO 'N BUCO 'N TESTA E ME TE BEVO COME 'N'OVETTO FRESCO: rivedi sopra

TE PIJO PE' LI BUCHI DER NASO E T'ARIBBARTO COME LI PORPI: mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli)

TE PIJO PELLE RECCHIE E TE SCARTO COME 'NA/CARAMELLA/GOLIA: il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo operero un movimento rototraslatorio sulle tue estremita auricolari

TE STACCO LE RECCHIE E CE FACCIO LE FRAPPE: ti prendo a ceffoni

TE METTO 'N DITO 'N BOCCA, UNO AR CULO E TE SCIAQQUO COME 'NA DAMMIGGIANA: vedi sopra

TE DO' 'NA CRICCA 'N FACCIA: rivedi sopra

TE GIRO COME 'NA TROTTOLA CHE QUANNO TE FERMI I VESTITI SO' PASSATI DE MODA: tramite un'abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo

TE FACCIO DU' OCCHI NERI CHE SE TE METTI A MASTICA' ER BAMBU' ER WWF TE PROTEGGE: ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi

 

TE DO' 'N CARCIO AR CULO CHE SE PER ARIA NUN TE PORTI DA MAGNA' TE MORI DE FAME: la potenza del mio piede e direttamente proporzionale all'irritazione dovuta alla tua presenza

TE STRAPPO 'N BRACCIO E TE LO METTO PE' CCRAVATTA: se continuerai a non star fermo con le mani le conseguenze saranno terribili

ME TE METTO 'N TASCA E TE MENO QUANNO CIO' TEMPO: indica disprezzo per la consistenza fisica dell'avversario

TE DO' 'NA CRICCA SUR PETTO CHE TE FACCIO VENI' 'A NICCHIETTA PER CONTATORE DER GAS: ti faccio cosi male da lasciarti il ricordo

TE FACCIO 'N CULO COME 'N CASALE/'N CESTO: ti faccio un sedere grande come...(espressione indicante l?entita delle violenze a cui verra sottoposto il maltrattato)

T'ARIVORTO COME 'M PEDALINO: ti rigiro come un calzino

TE SFRAGNO ER GRUGNO: ti spacco la faccia

TE PJO A CAPPELLATE/PISELLATE SU'E GENGIVE: ti prendo a ceffoni

C'HAI LI CAMPANELLI AR CULO: ti trovero ovunque andrai seguendo il tuo tintinnio (da intendersi come una minaccia)

TE DO' 'N CULO E FOCO AI CAPELLI: ti sodomizzero incendiandoti le chiome per procurarti un dolore insopportabile

S*INA SULLA PANZA DE TU' MADRE GRAVIDA, COLL'OSSA DE LI' MEJO MORTACCI TUA: pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri

T'ATTEGGI, T'ATTEGGI MA SUR CAZZO MIO NUN CE SCUREGGI: "non darti troppe arie che con me non attacca"

BUTTAJELO AR CULO: incitamento ad aggredire qualcuno ovvero a superarlo in una competizione

TE POTESSI RISVEJA' FREDDO: spero fortemente che tu possa morire

TE DO 'N CAZZOTTO CHE TE FA' GIRA' LA TESTA COSI' DOPO I BRUFOLI TE LI STRIZZI CO'N C*IRPO DE TACCO: se non te ne vai potrei non rispondere piu delle mie azioni

TE DO' 'NA CAZZATA/MAZZATA SU'LA SPALLA CHE TE FACCIO FA' LA VIA CRUCISE: pagherai lo sgarbo che mi hai fatto con pene pari a quelle di Cristo sul Calvario

L?ANIMA DE LI MORTACCI TUA E DE CHI NON TE LO DICE CO' 'NA MANO ARZATA/'N DITO AR CULO/SARTELLANDO: brutale forma di rimprovero

FATTE LA MAPPA DE LI' DENTI, CHE MO' TE MISCHIO: ti prendo a ceffoni

TE CACCIO TRE DITI 'N CULO E TE SCARAVENTO SU LI' BIRILLI COME 'NA PALLA DE BULING: se non la smetti di importunarmi saro costretto a prendere provvedimenti poco puliti

SI' TE PIJO TE SDRUMO: se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto

VE FAMO/V'AVEMO FATTO LI BOZZI: la nostra superiorita e (stata) notevole

TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO: provo il desiderio di arrecarti del non meglio specificato dolore fisico

RIDI SU 'STO CAZZO/SU 'STA CEPPA/SU ?STA NERCHIA: risposta retorica da rivolgersi ad una persona intenta a manifestare gioia per un evento considerato poco piacevole dal diretto interessato

TE STACCO LE BRACCIA E TE CE MENO: provo un incontenibile desiderio di picchiarti

TE STACCO 'A CAROTIDE E TA 'A METTO 'N MANO: ulteriore forma di incivile minaccia

TE DO 'N CARCIO AR CULO CHE TE CE LASCIO DENTRO 'A SCARPA: il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche

SI' TE PIJO TE SMONTO COME 'NA RADIOLINA: potrei procurarti delle gravi lesioni ossee femorali

TE DO LI SCHIAFFI A DUE A DUE FINCHE' NUN DIVENTENO DISPARI: ti faccio male all'infinito

TE DO' 'NO SCHIAFFO CHE 'R MURO TE NE DA' 'N'ALTRO: percuoterò il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te

TE DO 'NA PIZZA 'N FACCIA CHE QUANNO RICASCHI LI VESTITI TUA SO' PASSATI DE MODA: verrai percosso violentemente sul volto in modo talmente inurbano da farti aleggiare in aria

TE MANNO A 'FFANCULO COLL'ELASTICO, COSI' QUANNO ARITORNI TE C'ARIMANNO 'N'ARTRA VORTA: doppio, simpatico invito a darsi a gambe levate

TE DO 'NA PIZZA CHE TE CHIUDE COME 'N PASSEGGINO CHICCO: ti prendo a ceffoni

TE DO 'N'APERTA CHE T'ARISVEJI A CAPODANNO COI BOTTI: verrai percosso cosi tanto che solo i fuochi d'artificio ti risveglieranno

SI' TE METTO LE MANO ADDOSSO TE RIDUCO COME ER PUZZLE DELLE MERENDINE: ti consiglio di starmi alla larga

TE DO 'NA PIZZA CHE T'AROTOLO COME 'NA GIRELLA MOTTA: sto per darti un ceffone che ti fara girare ripetutamente attorno al tuo asse

SI' TE METTO LE MANO ADDOSSO, PE' RICONOSCETE TE DEVONO DA PIJA' LE IMPRONTE DIGITALI: dopo che ti avro percosso ripetutamente e pesantemente, i tuoi connotati saranno fortemente confusi

ME TE 'NCULO A PASSO DE CAMMELLO/CANE: ti faro davvero del male

TE PIJO PE 'NA REKKIA E TE SVENTOLO COME 'NA BANDIERINA: ti faccio molto male

ME FAI 'N PIPPONE/'NA PIPPA A QUATTRO MANI: non ho nessun timore di te

FATTE 'NA PADELLATA/CARTOCCIATA DE CAZZI TUA: non immischiarti in faccende che non ti riguardano

SE LI STRONZI VOLAVANO TU MADRE TE DAVA DA MAGNA' CO' LA MAZZAFIONNA: non sei il massimo della simpatia

C'HAI PIU' COMPLESSI DER CONCERTO DER PRIMO MAGGIO: dicesi di persona che si fa molti problemi inutili

MICA T'HO DETTO COTICA: non mi e parso di averti offeso in modo tale da provocare una simile reazione

ME STAI A SGARA' LI COJIONI: i tuoi discorsi iniziano a farsi tediosi.

TE SPANO ER CULO: desidero farti del male

TE STACCO LE GENGIVE A MOZZICHI: mi hai fatto adirare a tal punto che utilizzerò su di te un colpo particolare che non deve essere assolutamente confuso con un bacio appassionato

TE STACCO LE PALLE E CE GIOCO A STECCA: ennesima fantasiosa minaccia di atroce dolore fisico

TE FACCIO 'N CULO COME 'NA CASA/COME 'NA CAPANNA/COME 'N DIRIGGIBBILE/COME 'NA MONGORFIERA: le mie percosse ti faranno soffrire alquanto

E' ARIVATO FRA-CACCHIO/FRA-CAZZO DA VELLETRI: dicesi di persona sbruffona

TE DO TANTE DE QUELLE BOTTE/SVEJE CHE TU MADRE NUN TE RICONOSCE PIU' MANCO DA LA PUZZA DEI PIEDI: ti picchio a tal punto da renderti irriconoscibile

TE DO 'NA PIZZA CHE PE STACCATTE DAR MURO TOCCA CHIAMA' MAZINGA: sto per danneggiare definitivamente il tuo fisico

SE NUN TE SBRIGHI ANN'ATTENE T'ACCARTOCCIO COME 'N FOJO DE CARTA VELINA: potrei seriamente ledere la tua integrita fisica senza sforzarmi troppo

TE GONFIO E POI TE SCOPPIO: minaccia di violenza fisica addolcita da una deflagrazione simile a quella di un palloncino

TE FACCIO DU' OCCHI A PALLA CHE SI' VAI ALLO STADIO TE TOCCA GUARDA''A PARTITA COLL'OCCHI CHIUSI SINNO' TE PIJANO A CARCI 'N FACCIA: ho intenzione di provocarti un trauma ai bulbi oculari

STO COSI' 'NCAZZATA CHE LI GLOBBULI ROSSI ME STANNO A EVAPORA': mi ribolle il sangue per l'arrabbiatura

TE FICCO DU' DITI NER CULO, TE APRO COME 'NA BOLLETTA DER GAS E ME TE LEGGO L'INTESTINO: tramite la sodomia, voglio risvegliare l'aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che e in me

TE FICCO 'NO YO-YO AR CULO E POI TE CARCIO IN ARIA COME 'N'AQUILONE: voglio tenerti sotto controllo

TE DO 'NA PIZZA CHE PE STACCAMME LA MANO DALLA TUA FACCIA DOVEMO CHIAMA' ER FALEGNAME: non costringermi a passare alle vie di fatto

TE CRICCO LA SPINA DORSALE CHE PE STA' DRITTO TE DEVI FA 'N CRISTERE DE CEMENTO: ho intenzione di renderti inoffensivo

TE METTO 'NA MANO AR CULO E TE PORTO A SPASSO COME 'N CREMINO: voglio dimostrare a tutti la mia superiorita nei tuoi confronti

S*INA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO: smettila di suonare il clacson della tua automobile

LAZZIALE: il peggior insulto concepibile nella Metropoli Periferica

DEVI SOLO CHE ABBOZZA': e impensabile che tu possa reagire ai miei soprusi

M'HAI FATTO SCENDE TARMENTE TANTO LI COJONI CHE POTREI FAJE FA ER GIRO DER COLLO E USALLI COME SCIARPA: la tua presenza mi ha sfinito

'N TE SPUTO, CHE T'AMPROFUMO: del tuo dir poco mi cale

TE DO 'N CARCIO AR CULO CHE PE' RIDAMME LA SCARPA TE DEVI PIJA' 'NA PURGA: non insistere ad infastidirmi perche potrei diventare violento

T'APPOGGIO 'NA MANO SULLE CHIAPPE, TE 'NFILO ER DITO MEDIO AR CULO E TE TIRO COME 'NA PALLA DA BOWLING: ti do una leggera spintarella sul tergo in modo da farti finire supino

M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO: mi hai palesemente seccato

CACATE 'N MANO E DATTE 'NO SCHIAFFO: prima che io ti metta le mani addosso ti esorto a farlo da solo

SI' TE PIJO T'AROVINO/TE CORCO: se riesco ad acciuffarti saro costretto ad usare maniere poco gentili

TE DO 'NA PIZZA 'N FACCIA CHE NUN TE RESTAURA MANCO MICHELANGELO: ti sto per sfregiare il volto irrimediabilmente

SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI: le mie mani si stanno orientando verso di te per provocarti un dolore incommensurabile

TE STACCO LI DITI E CE GIOCO A SHANGAYE: mi hai fatto arrabbiare

SEI POPO DA 'A LAZZIO: cos'altro ci si potrebbe aspettare da una persona con interessi sportivi come i tuoi?

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…