Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Lombardia ed Emilia Romagna tra le migliori regioni d'Europa secondo il Financial Times
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Lombardia ed Emilia Romagna tra le migliori regioni d'Europa secondo il Financial Times

Investire in Lombardia conviene, lo dice il Financial Times. Nel recente rapporto FDI Strategy Award, una prestigiosa classifica redatta dal FT, considerata tra le più affidabili a livello mondiale, la Lombardia è inserita al terzo posto come miglior regione dell'Europa meridionale nella quale investire

Il ranking è stato effettuato sulla base di 5 parametri: potenziale economico, capitale umano, opportunità, connettività e clima favorevole agli investimenti.

 

In testa al ranking vi è la Catalogna. Quasi ad accendere la rivalità in seno alla penisola iberica, al secondo posto del ranking vi è la Regione di Madrid. Al terzo posto, come già menzionato, segue la Lombardia, incalzata dalla regione di Istanbul e da quella di Lisbona.

 

Degna di nota è anche la parte del ranking inerente alle migliori regioni in grado di attrarre investimenti stranieri, nella quale la Lombardia si è classificata al quarto posto, seguita, al quinto, dall'Emilia-Romagna.

 

Per quanto riguarda questa sezione, la Catalogna si conferma in testa, seguita dalla Westfalia e dalla Scozia.

 

Il ranking è consultabile, a pagamento, al seguente link https://www.fdiintelligence.com/fDi-Tools/fDi-Magazine

 

Per una analisi dettagliata gratuita, invitiamo a consultare il sito della Generalitat de Catalunya (il Governo della Catalogna)

 

http://premsa.gencat.cat/pres_fsvp/AppJava/notapremsavw/304839/ca/grup-financial-times-reconeix-catalunya-millor-regio-invertir-sud-deuropa-2018-2019.do

 

Matteo Cazzulani

Coordinatore Editoriale

Lombardi nel Mondo

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…