You are here: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Al Palais des Nations di Ginevra la mostra “Federico Fellini, Genius of humanity – A tribute to the Human Rights”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Al Palais des Nations di Ginevra la mostra “Federico Fellini, Genius of humanity – A tribute to the Human Rights”

La mostra, aperta fino al 28 febbraio, offre ai visitatori, attraverso l’esposizione di 50 opere, un'immersione in un'opera unica, più attuale che mai in quanto porta alla ribalta il tema della libertà di espressione, tanto caro al Maestro

 

di Monia Rota

 

Una mostra sul genio Fellini è stata inaugurata il 19 febbraio al Palazzo delle Nazioni di Ginevra.

L'evento, organizzato dalla Missione Italiana presso l'ONU e dalla Fondazione Fellini di Sion, nel quadro delle attività culturali della sede ginevrina delle Nazione Unite, vuole essere un omaggio a uno dei più grandi Maestri del cinema, ma anche all'impegno dell'Italia in tutti i processi di civiltà, dall'antichità ai tempi contemporanei.

L'esposizione, che resterà aperta fino al 28 febbraio, offre documenti originali come foto, copioni costumi di scena delle opere di Fellini, ma anche proiezioni di film del regista e momenti musicali con omaggi a Nino Rota, autore di molte delle colonne sonore delle pellicole di Fellini.

Una cinquantina di opere (foto, posters, video, disegni, etc.) provenienti dalla collezione della Fondazione Fellini di Sion in Svizzera, riunite ed esposte per celebrare l'entrata dell'Italia nel Consiglio dei Diritti Umani ma anche segnalare Fellini come regista “campione” dei diritti umani.

Gli ospiti hanno potuto ammirare anche alcune litografie in omaggio al Maestro, realizzate dal visionario regista statunitense David Lynch.

Inoltre, nel corso della serata di inaugurazione, è stato presentato in anteprima mondiale il prototipo dell'archivio digitale, dedicato al maestro riminese, realizzato dalla Nanyang Technological University, Institute of Science and Technology for Humanity.

Commenta Stéphane Marti, Presidente della fondazione: “È per noi un onore presentare questa esposizione in omaggio a Federico Fellini al Palazzo delle Nazioni a Ginevra in occasione dell’ingresso dell’Italia nel Consiglio dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite. In questo luogo storico dove la più importante organizzazione internazionale al mondo che opera per la pace e la sicurezza difende con il concorso della comunità delle nazioni i diritti umani che sono l’elemento fondante della nostra civiltà, la cultura ricorda oggi attraverso il cinema l’importanza dei valori umani al centro del processo artistico. Alla vigilia delle celebrazioni per il Centenario della nascita di Federico Fellini (2020), l'esposizione “Federico Fellini Genius of humanity – A tribute to the Human Rights” propone di rivisitare una delle più importanti opere della storia del cinema e più ampiamente dell'arte del XX° secolo.”

 

 

Tre sono i temi attraverso cui si dipana l'esposizione: la libertà dell'artista-saltimbanco, con la rappresentazione del mondo del circo che attraversa tutti i film di Fellini e vuole essere una satira della società, in particolare dei giochi del potere. La raffigurazione della condizione umana di cui il Maestro è stato un grande pittore, con la sua attenzione alle figure più umili della società: ne sono un esempio i protagonisti dei film “La Strada” e “Le Notti di Cabiria”. Infine la modernità dello sguardo di Fellini sulla storia, in particolare le allegorie contenute nei suoi film, come la caduta dell'Europa alla vigilia della prima guerra mondiale resa in "E la nave va" (1983) o l'annuncio delle grandi sfide del mondo contemporaneo, come il potere dell'immagine dei media raccontato in "Ginger e Fred" del 1986.

La mostra offre ai visitatori un'immersione in un'opera unica, più attuale che mai. I valori fondamentali che sottendono il lavoro di Fellini, l'indipendenza dell'artista, la coscienza di un'umanità comune, il sospetto dei rituali del potere, fanno ben comprendere l'importanza di uno dei diritti umani fondamentali, la libertà di espressione.

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali