You are here: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Da Madrid a Parma i giovani chef vincitori di "Nuovi talenti cucina italiana”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Da Madrid a Parma i giovani chef vincitori di "Nuovi talenti cucina italiana”

Madrid, 21 febbraio 2019 - Uno spagnolo e un italiano, residenti a Barcellona, sono i due vincitori della seconda edizione del concorso “Prepara il tuo futuro - Nuovi talenti della cucina italiana”, lanciato dall’Ambasciata d’Italia a Madrid

di Monia Rota

José Luis Guardado Buelga, asturiano di 26 anni, e Paolo Mangianti, trentatreenne originario di Domodossola, hanno conquistato la giuria con alcuni piatti tipici della cucina italiana, mettendo in campo creatività e inventiva. Il primo è architetto di professione, ma con la passione per i fornelli sin da piccolo; il secondo lavora già da alcuni anni in un ristorante italiano di L’Hospitalet de Llobregat, vicino Barcellona, dopo alcune esperienze in Svizzera e Australia.

La finale del concorso, organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Madrid, in collaborazione con l‘Agenzia Italiana del Turismo (ENIT) e la Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna (CCIS), si è svolta lo scorso 18 febbraio  al “The Kitchen Club” di Madrid e ha visto la partecipazione di sei giovani concorrenti, valutati da una giuria d’eccezione: l’Ambasciatore Stefano Sannino, lo chef spagnolo Ramón Freixa, lo chef italiano Fabio Giacopelli, la direttrice di “Canal Cocina” Mandi Ciriza, il giornalista e critico gastronomico Alberto Luchini.

Fornelli e creatività, questi sono stati gli ingredienti perfetti per aggiudicarsi il concorso. La giuria infatti ha valutato le competenze, ma anche la capacità di apprendere e trasmettere i dettami della cucina italiana, l’esperienza dei candidati e il loro potenziale di apprendimento e sviluppo professionale della nostra cucina.

I due vincitori accederanno ora ad un corso di perfezionamento di 14 settimane, a partire dal 29 aprile prossimo, presso la scuola di alta cucina Alma di Colorno (Parma), e proseguiranno la loro formazione con un periodo di stage in alcuni importanti ristoranti italiani.

“Alma è il più autorevole centro di formazione della Cucina Italiana a livello internazionale. La Scuola – che ha sede nella Reggia di Colorno, a pochi chilometri da Parma – forma cuochi, pasticceri, sommelier, professionisti di sala e manager della ristorazione di domani, grazie a programmi di alto livello realizzati con gli insegnanti più autorevoli”: parola del grande chef e maestro Gualtiero Marchesi.

“Siamo molto soddisfatti di questa seconda edizione del concorso in cui le istituzioni italiane si avvalgono della collaborazione di prestigiosi esponenti spagnoli del mondo della cucina, ai quali siamo molto grati. Soprattutto, siamo molto felici che in questa occasione il progetto sia stato organizzato con la collaborazione di grandi imprese italiane come Pasta Garofalo e Reale Seguros” ha dichiarato l’Ambasciatore Sannino. “Il positivo riscontro ci conferma l’importanza di continuare ad investire sui giovani, spagnoli o italiani residenti in Spagna, che andranno in Italia per acquisire una formazione specifica che li aiuti ad inserirsi nel mercato del lavoro e che li trasformi nell’anello di congiunzione tra i nostri due Paesi. Ragazzi e ragazze che conosceranno il meglio della gastronomia italiana e che potranno farla conoscere qui in Spagna.”

Il progetto ITmakES e il concorso “Prepara il Tuo Futuro - Nuovi talenti della cucina italiana” si inquadrano nella strategia di promozione integrata “Vivere all’Italiana” promossa dal Ministero degli Affari Esteri italiano.

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali