Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Cultura Convegno, Oriente e Occidente: linguaggio, costumi e analisi nelle cronache giornalistiche
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Convegno, Oriente e Occidente: linguaggio, costumi e analisi nelle cronache giornalistiche

Milano 3 ottobre 2018 – Il convegno/corso formativo, si terrà lunedì 29 ottobre - dalle ore 10:00 alle 13:00 presso la Sala Pirelli annessa a Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia

 

 

 

di Maurizio Pavani

 

 

Un Convegno/corso formativo organizzato presso il Consiglio regionale Lombardia, ente che ha sempre dato ampio spazio istituzionale alla comunicazione e all’informazione attraverso eventi finalizzati ad approfondire varie tematiche di particolare interesse e attualità per media e operatori della comunicazione.

In sinergia con Ordine Giornalisti Lombardia e con il patrocinio di Corecom Lombardia, si è voluto organizzare l’incontro formativo per giornalisti “Oriente e Occidente: linguaggio, costumi e analisi nelle cronache giornalistiche”, approvato dal Ministero e previsto per lunedì 29 ottobre 2018 dalle ore 10:00 alle 13.00 presso la Sala Pirelli, sede del Consiglio regionale.

L’incontro affronta un tema di grande attualità: il dialogo inter-religioso attraverso il confronto ideologico tra due generazioni di donne musulmane (madre e figlia) alle prese con le molteplici incoerenze e contraddizioni delle religioni, e non solo di quella musulmana. Un’analisi di costume e del linguaggio nella cronaca più che mai attuale di fatti e storie legate alla discriminante religiosa, dalla quale può emergere come ognuno sia artefice del proprio destino e che la libertà di espressione e scelta deve sempre essere conservata e difesa. (Fonte Corecom Lombardia - foto Libero dominio)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…