Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Giovani corrispondenti lombardi nel mondo Legame architettonico italiano nella città di Salto (Uruguay)
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Legame architettonico italiano nella città di Salto (Uruguay)

Tra la fine del secolo 19 e l´inizio del 20 e terminata la prima guerra mondiale , migliaia di persone hanno abbandonato i propri paesi e sono venuti a vivere in Uruguay e altri paesi di Latinoamerica. Queste importanti presenze hanno lasciato un segno profondo nella società uruguaiana e nella sua cultura popolare. Di Belèn Ambrosini

Tra la fine del secolo 19 e l´inizio del 20 e terminata la prima guerra mondiale , migliaia di persone hanno abbandonato i propri paesi e sono venuti a vivere in Uruguay e altri paesi di Latinoamerica.

 

 

Queste importanti presenze hanno lasciato un segno profondo nella società uruguaiana e nella sua cultura popolare, creando aspetti inediti, completamente nuovi. Di conseguenza, l´elemento distintivo non è un modello europeo di adattamento, ma diviene originario di questo luogo.

 

Ho realizzato un´indagine che ha lo scopo di mostrare l´influenza italiana nella città di Salto, concentrata soprattutto nella sua eredità architettonica, considerando come, non a caso la maggior parte dei suoi abitanti siano stati immigranti italiani. Quindi, questo vuole essere un invito a scoprire ed a godere delle bellezze architettoniche della città di Salto.

 

“Templi, monumenti, teatri ed uffici: tutte le costruzioni che qui, gli italiani hanno realizzato sono un segno del loro profondo senso della bellezza, che da sempre e ovunque hanno portato con sè.”

 

 Tantissimi edifici sono fatti da loro, che con molto impegno, lavoro e sacrificio hanno costribuito al progresso della città di Salto.

 

Per esempio, la Società Italiana di Salto che è stata inaugurata nel 1884, fu progettata da Antonio Invernizzi (1858 - 1909), conosciuto architetto e inmigrante lombardo, proveniente dalla provincia di Como, Lombardia.

 

Alcune Caratteristiche Architettoniche sono: possiede quattro colonne addossate di ordine dorico e altre due dello stesso ordine, ma lisce e che ne sostengono il fregio. Nella parte superiore possiamo osservare la balaustra che si trova a lato del frontone semicircolare con l'iscrizione: "Società Italiana Unione e Benevolenza“.

 

Anche nella Questura di Polizia ha lavorato l´architetto Antonio Invernizzi. La data d´inaugurazione è del 1862. Oggi si conserva solo l'atrio ed è in costruzione il "Museo del Salto Oriental.”

 

La porta d’ingresso possiede due colonne di ordine corinzio addossate ai lati, un arco centrale poggiato su piloni e, nella parte superiore, un frontone triangolare fiorito con lo scudo di Salto.

 

La sua caratteristica architettonica è un richiamo all´arco di Settimio Severo, nel Foro di Roma, anch´esso a tutto sesto con colonne laterali addossate di ordine corinzio.

 

D´altra parte, il Salesiano Ernesto Vespignani realizzò il progetto della Cattedrale di  San Giovanni Battista, che si trova nel centro della città. La decorazione della facciata fù realizzata da Angelo Romeo Ambrosini, di Varese, Lombardia, (mio bisnonno) insieme ad un suo compaesano, anche lui lombardo, Antonio Mentasti.

 

I lavori si hanno iniziato nell´anni “20. Le caratteristiche architettoniche sono: tre sono le entrate principali ad arco a tutto sesto con un frontone triangolare centrale e pilastri laterali, mentre, nella parte superiore, sei colonne, sempre di ordine corinzio, ma a fusto liscio, armonizzano la  struttura della Cattedrale completata con un altro frontone ornato da una croce nel vertice superiore. Ai lati due campanelli e due cupole che richiamano stili architettonici tipici di alcune basiliche romane.

 

Altro edificio importante che si trova a Salto e il Teatro Larrañaga, progettato da Antonio Gueggeri, inmigrante italiano. Il Teatro fù inaugurato nel 1882, e ristruturatto in quattro occassioni: 1947, 1977, 1980 e 2007. Le caratteristiche architettoniche più importanti sono: nella parte inferiore si trova una scalinata sostenuta da colonne. Anche la terrazza poggia su colonne di ordine ionico, mentre di ordine corinzio sono addosate alle pareti, adornandone la parte superiore. Il fregio del frontone è ornato con un basso rilievo. La terrazza è la continuazione del “foyer”, la balaustra é di marmo nel frontezpizio dell´arco si legge: “Teatro Larrañaga 1882”.

 

Anche la Piazza di San Pietro a Roma, presenta molte delle stesse carateristtiche architettoniche: splendido il famoso colonnato di ordine ionico.

 

La bellezza architettonica dipende da un lavoro di tante persone – chi progetta, chi lavora, anche da chi osserva. Se qualcuna di queste venisse a mancare  non esistirebbe più la magia.

 

“Per il solo fatto di alzare lo sguardo ed osservare  intorno a noi... scopriremo una città nuova, ci sorprenderemo e potremo godere delle meraviglie che incontreremo...”

 

María Belén Martínez Ambrosini

Corrispondente Lombarda in America Latina ,Salto, Uruguay

belum29@hotmail.com

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…