Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Le grandi interviste Valerio Bettoni: un consigliere lombardo nel mondo
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Valerio Bettoni: un consigliere lombardo nel mondo

In esclusiva per Lombardi Nel Mondo, il Consigliere Valerio Bettoni (UDC) testimonia l’impegno da lui profuso per l’amministrazione di Regione Lombardia e per il mantenimento del legame con l’emigrazione bergamasca: ritenuta una ferita storica trasformabile in un’opportunità economica
Valerio Bettoni: un consigliere lombardo nel mondo

Valerio Bettoni

Sulla destra una matrioshka di trenta centimetri di altezza poggiata su un rushnyk, e, sulla sinistra, una minigalleria di dipinti della tradizione paesaggistica russa. Non lascia indifferenti l’accoglienza che riserva a Lombardi nel Mondo il Consigliere Valerio Bettoni: Presidente Emerito della Provincia di Bergamo con una carriera politica di tutto rispetto alle spalle, ma una voglia di fare per nulla sopita.

Un Consigliere proiettato sì al Mondo, come dimostra l’allestimento del suo ufficio – frutto di un gemellaggio tra Bergamo e Tver’ da lui voluto nel 1989 – ma per nulla dimentico della sua terra natia.

 

“Sono una persona radicata sul territorio – ha dichiarato Bettoni – giro per i paesi della bergamasca e parlo con la gente: sono loro la risorsa più preziosa su cui noi che facciamo politica possiamo contare. E’ grazie al dialogo costante con gli elettori che si capiscono le vere priorità da difendere: ad esempio, il miglioramento dei trasporti, il rispetto dell’ambiente, la tutela della caccia e della pesca”.

Tuttavia, se si è bergamaschi lo stretto legame col territorio non può prescindere dal Mondo: infatti, la Provincia di Bergamo ha pagato un forte tributo in termini di emigrazione lombarda verso Europa, Stati Uniti e Sud America. Lo sa bene Bettoni che, dopo aver scherzosamente evidenziato le origini bergamasche della moglie dell’ex-Presidente brasiliano, Lula da Silva, ha ricordato fieramente il suo ruolo di Presidente dell’Associazione Bergamaschi Nel Mondo.

“L’emigrazione è un prezzo che ha pagato il popolo – ha illustrato Bettoni – i nostri connazionali che hanno lasciato l’Italia hanno arricchito altri Paesi, ma molto si può ancora guadagnare se Regione Lombardia, che per ora poco ha fatto, investisse su di essa. Occorre valorizzare i legami con i parenti d’oltreoceano, e rendere loro

interessante il ritorno nella terra natia. E’ una questione di cuore che riguarda anche la cultura e l’economia”.

 

L’opinione del consigliere bergamasco sull’emigrazione va di pari passo con i progetti per l’EXPO 2015. Secondo Bettoni, da un’occasione unica di carattere culturale occorre trarre benefici economici per il territorio che durino anche a Esposizione Internazionale conclusa.

“L’EXPO è un po’ troppo divinizzato – sottolinea Bettoni – la gente si muove a prescindere da questo evento, che non è più quello di una volta. Per questa ragione, occorrerebbe creare una sorta di turismo low cost da collegare a stretto giro con il Made in Italy. L’Italia, e soprattutto la Lombardia, sono un patrimonio di luoghi, uomini e

creatività che, da Consiglieri regionali, dobbiamo assolutamente valorizzare”.

 

Eletto al Consiglio Regionale della Lombardia nella lista dell’Unione Di Centro, Bettoni – come da lui stesso illustrato a Lombardi nel Mondo – per sua precisa scelta è stato inserito, e partecipa attivamente, ai lavori di molte commissioni, tra cui la I “Bilancio e Programmazione”, la IV “Attività Produttive e Occupazione”, la VI “Ambiente e Protezione Civile”, e l’VIII “Agricoltura, parchi e Risorse Idriche”.

 

Matteo Cazzulani

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…