Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli In dialetto Una poesia in dialetto del Nord Italia
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Una poesia in dialetto del Nord Italia

Da Rio de Janeiro, per la precisione dal celebre quartiere della Lapa (chiamata la Montmartre dei tropici), ci arriva questa poesia in dialetto di Ary Sebastião Vidal

I NOSTRI ANTENATI

Ntela Itália i zera como s-sciávi tuti poareti , ma sempre col sogno che un di vegnea la libertá ! E pur sempre con grande coraio de ndar avanti ma la so vita ghe scomiassea scambiá .

I ghe tochea pareciarse par ndar in "Mèrica'' , I sui fagoti i ga scominssià far . Ma el pensier l'era solche la libertá ! Dopo de tuto pareciá tel bastimento i ze rivá .

Tanti amighi bisognea saludar , La so zente tea Itália l' restá ! Parché el so paese el tochea dassar , par la "Mèrica'' drio ndar .

De tanti ricordi tanta zente pianzeva , tanto pianto vegnea fora de tanto ricordar . De tant' amor par la Itália che i gaveva , ma par el Brasile i tochea ndar .

Ntel bastimento i Taliani ga ingressà , a narghi solche vedea l'onde l'aque del mar , la nostalgia l'era drio scominssiar , de tanti ricordi i ga messi cantar .

Scominssea con la Valsugana poi La Vilanela , La Montanara el Massolin De Fior , Cosi ricordeva la so tera che i gaveva tant' amor .

Ntel basimento se ga messi tuti misurai , L'era tuti fameie di contadini . Genovezi , Vèneti , Trentini , Lombardi , con pochi zorni di viaio ' i ghenavea tanti ricordi .

Ma l' Italiani 'gaveva tanta fede e coraio ! I ghe diseva sù la corona tuti i di , anca i pi cei el discoreva el rosàrio , fursi la so Itália no la vedesse mai pi .

Alora tea nova tera i ze rivá , tanti laori bisognea far , tel mez del busc' i ga scominssiá laorá . Adesso la "Mérica" l'era la so tera , Tuto l'era drio scominziar .

I "Taliani" par la "Mèrica" se ga scarmenà , tanti paesi l'Italiani' ga fondá , su par zo dei monti dal Rio Grande al Paraná , con tanto laoro i "Taliani" ga vansá , dapertut i posti dela tera dela libertá !

traduzione

I NOSTRI ANTENATI

Nell'Italia erano come schiavi, tutti poveri, ma sempre con il sogno che un giorno arrivava la libertà ! E pur sempre con grande coraggio per andare avanti , Ma la vita iniziava a cambiare .

Cominciavano a prepararsi per andare in "America", I suoi bagagli cominciavano a preparare. Ma il pensiero era solo la libertà ! Dopo tutti i preparativi alla nave sono arrivati.

Tanti amici dovevano salutare, La gente che in Itália rimaneva Perché il loro paese dovevano lasciare, per viaggiare verso l'America.

Dei molti ricordi la gente piangeva, tanto pianto veniva dai tanti ricordi. Dell'amore verso l'Italia che avevano, ma che in Brasile dovevano andare .

Nella nave gli Italiani si sono imbarcati, Durante la navigazione si vedevano solo le onde del mare, e la nostalgia già era iniziata , presi dai tanti ricordi hanno cominciato cantare.

Cominciavano con la Valsugana, poi La Vilanela, dopo veniva Il Mazzolin di fiori. Ricordavano la loro terra che amavano tanto .

Nella nave stavano tutti insieme, erano tutte famiglie di contadini, Genovesi, Veneti, Lombardi, Trentini, Dopo pochi giorni di viaggio avevano gia molti ricordi .

Ma gli Italiani avevano molta fede e tanto coraggio! Recitavano il S.Rosario tutti i giorni , anche i più piccoli pregavano con la corona, forse la loro Italia non la vedranno mai più .

Finalmente arrivarono nella nuova terra, Molti lavori bisognava fare , In mezzo al bosco hanno iniziato a lavorare . Adesso l'America era la loro terra , Tutto era da fare, da iniziare.

Gli Italiani in America si sono sparpagliati, Molti paesi fondarono, gli Italiani , Su e giù dai monti, dal Rio Grande al Paraná , Con molto lavoro gli Italiani portarono avanti , in tutti i luoghi della terra, la libertà !

Ary Sebastião Vidal

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…