Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli In dialetto Van De Sfroos: la canzone abbraccia il dialetto lombardo
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Van De Sfroos: la canzone abbraccia il dialetto lombardo

Davide Van De Sfroos è l'artista che più di ogni altro in questi hanni ha rilanciato la canzone dialettale lombarda. Conosciamo alcune delle sue canzoni in lingua originale con la relativa traduzione in italiano.

Nato a Monza (11.05.1965), Davide Bernasconi (in arte Van De Sfroos) cresce sul Lago, a Mezzegra, e fin da piccolo è un acuto osservatore della realtà che lo circonda. Nella sua carriera suona in gruppi dall'atmosfera vagamente punk, poi abbraccia l'utilizzo del dialetto e nelle sue canzoni inizia a mettere in campo un mondo che sembra avvicinare il lago di Como all'Irlanda incantata popolata da elfi, cavalieri e maghi.

 

Nell’ottobre del 2001 pubblica un Cd, dal titolo, significativo, "E Semm partì". L’album entra subito in classifica e registra un successo clamoroso infatti, dopo aver venduto 50.000 copie, nell’ ottobre 2002 riceve la Targa Tenco 2002 come migliore album in dialetto. I suoi testi sono pervasi da una sottile ironia e da una fervida immaginazione, che l'hanno reso discretamente popolare a livello non solo locale ma nazionale.

Leggiamo alcuni dei testi delle sue canzoni, tratti dal sito http://www.davidevandesfroos.com, con le relative traduzioni in italiano

 

"I ann selvadegh del Francu"

Puderisi cuntaf su qualsiasi storia inveci te cunti su
La storia di i ann selvadegh del Francu.
El Francu el sera piazzà su per la Val d’Intelvi
E l’era atacaa i so ann selvadegh a un ciò chel ghera
Picàà dent a la sua dona senza neanca dumandà il permess, yes.

El vendeva cadregh muderni per qui che lavùra in di ufizi
Qui cadregh che per fai sta fermi a ta ghet de tirac una sciupetada
El ghera la sua bela vetrina, e il so negozi su la tagenzial
I gheran fa un prestito de 30 milioni e il tatuac de una pesciada in del cù
E lù lera dà un anticip per una sorta de stanberga cunt un para de stanz de lec, lù che tant el durmiva mai


La sua dona la faseva propri schivi, l’era bruta come il pecàà
Ma la preparava una pulenta e brasàà che ta restavat lì cuma un gat de marmu
La verdeva quasi mai la buca, la parlava mai
La ghera un cagnorel volt in scì che vanzava mia sù de tera,
spurcelent cuma una bula cunt la rogna
el se ciamaca Carlo, el ghe cedeva un cazo

La sua dona la ghera anca vuna de qui cusin muderni de la salvarani
Cunt dent tutt i sò rop a posta e anca al furnu chel se neta de parlù
El Francu guidava un 128 cunt i sedil de pel de cricetu
La ghera un vulat cunt su la decalcomania del Papa Giuvan in sul clacson
I faseven propri una bela copia, propri una bella copia

Una sera, chi sa cusa cazo ghe gira in de la crapa, l’è scià del lavurà
El se ferma lì de fò del cunsorzi agrari, el va dent in de tarcisio gazusa
Crumpa un par de butegli de Vermout e ia stinca giò in tant che guida
El se ferma lì al’Agip el tira sù una tola de benzina el punta driz a ca sua
El vert la porta el pasà dent, benzina de scià benzina de la benzina de surà
Benzina de suta benzina sul tec benzina in del lec e brusa brusa brusa brusa
Una spuza de benzina che pareva de ves dent un de un accendino

El parcheggia de lultra part del la strada el varda la sua cà che brusa
El rid el bambù fermu lì cont tutt i denc in buca pareva la nocc de San Giuvan
Pareva l’ultim del ann, pareva la nocc de Natal quan che fan il falò e beven il vin broulè
El vardava la cà che brusava el rideva el rideva

El solta dent in macchina el piza el va via el se sintunizza su radio maria el ciapa
La strada che pasà dent per la Valsolda el punta il cunfin el va dent atraversa la dugana
E scapa in Svizzera

A lera mai potù supurtàl quel cagnurel de merda

***

"Gli anni selvatici di Franco"

Potrei raccontarvi qualsiasi storia invece vi racconterò la storia de "Gli anni selvatici del Franco"
Franco si era piazzato sulla Val d’Intelvi e aveva piantato i suoi anni selvatici ad un chiodo che era conficcato dentro la sua donna senza chiedergli neanche il permesso.

Vendeva sedie moderne per quelli che lavorano negli uffici quelle sedie che per farle star ferme dovevi tirargli una schioppettata.
Aveva la sua bella vetrina, e il suonegozio sulla tangenziale
Gli avevano fatto un prestito di 30 milioni e il tatuaggio di un calcio nel culo
Lui aveva dato un’anticipo per una sorta di casa con un paio di stanze da letto, lui che non dormiva mai

La sua donna faceva veramente schifo, era brutta come il peccato, ma preparava una polenta e brasato che restavi lì come un gatto di marmo
Non apriva quasi mai la bocca, non parlava mai
Aveva un cagnolino alto così che non avanzava su da terra sporco come una bula con la rogna
Si chiamava Carlo e non ci vedeva un cazzo

La sua donna aveva anche una di quelle cucine moderne della salvarani con dentro tutte le sue robe a posto e anche il forno che si puliva da solo
Franco guidava un 128 con i sedili di pelle di criceto
Aveva un volante con la decalcomania del Papa Giovanni sul clacson
Facevano proprio una bella coppia, proprio una bella coppia

Una sera, chissà cosa cazzo gli girava in testa, tornando dal lavoro,
si ferma fuori dal consorzio agrario, entra nel tarciso gazosa, compra un paio di bottiglie di Vermout e le beve mentre guida
Si ferma all’Agip prende una tolla di benzina e punta dritto verso casa sua
Apre la porta va dentro, benzina di quà, benzina di là, benzina di sopra,
benzina di sotto, benzina sul tetto, benzina sul letto e brucia brucia brucia brucia
Una puzza di benzina che sembrava di essere dentro un accendino

Parcheggia dall’altra parte della strada e guarda la sua casa che brucia
Ride lo stupido permo lì con tutti i denti in bocca, sembrava la notte di San Giovanni
Sembrava l’ultimo dell’anno, sembrava la notte di Natale quando fanno il falò e bevono il vin broulè
Guardava la casa che bruciava e rideva e rideva

Salta dentro in macchina, l’accende e va via, si sintonizza su radio maria e prende
la strada che va in Valsolda punta il confine attraversa la dogana
E scappa in Svizzera

Non aveva mai potuto sopportare quel cagnolino di merda

L’esercito delle dodici sedie

Sèmm che, sèmm che...Setàa giò in del Bar
a cercà l’Universo nel bucèer del Cynar,
Cosmonauti al tavolino cun la sigarètta in bùca...
Vèmm a cambià el Muund, appèna finìssum la Sambuca.
Quand che vèrdum la Gazzèta, se tàca a bestemà
e ghe spiègumm al Maldini cume lè che el g’ha de fà:
partì per un Mundiaal l’è cume partì per una Guèra,
se pèrdum dìsum che’l sèrum...Se vèngium tùcum piô tèra...

Tra una tazza de cafè e un Settbèll de Scùpa,
tàchen liit i Cyberpunk e i Figli della Lupa...
Giuvanènn l’ha faa la Guèra del Quindesdesdòtt,
l’ha vedûû murì i sò Classa, ma lûû l’è che a beev Chinòtt...
-M’hann mandaaa a fàss cupà per tacàmm là una Medàja,
el mè neuu el gira in Poorsc e l’ha faa gnanca la Naja...-


RIT: E sèmm l’esercito dei 125 cadreegh
se massàcrum de bàll ma sèmm sempru intreegh,
ghe n’ èmm vôena per tûcc e vôena per nissôen,
el bar l’è la nostra storia e la nostra religiòn...

Pûgnatori sura el tàvul, hann pizzàa la televisiòn...
Parla de tûtt quell che te vôret, ma mea de Pensiòn!
Altrimenti s’ciòpa la bumba e cròda anca el bancòn:
Va’bee diventà Vecc,m,a mea Cujòn...
E pàrlum...e pàrlum...e quanti paròll,
e chi che ghe l’ha dûû...e chi che ghe l’ha mòll,
Quaivôen el cifùla anca se ghe gira i ball,
quaivôen g’ha la dencèra e po’ mea fàll...

E se tirum sô el muraal cun la tùsa del fiurìsta,
e ghe vànn i bàll in tèra per el cûûnt del Dentista,
sèmm tûtt de chi se spùsa e de chi ha divurziaa
e urmai i affari nostri sèmm gnànca cum’ i hènn faa..
Sèmm tûtt de tûcc e tûcc sànn tûtt de nôen,
l’è una bàla che tìrum e che ghe rûva in sôl mûsòn...
Siam tutti poveracci, se –Il Silenzio e d’Oro...-
Làssumm a cà i medesèn...ma mai i Marlboro!

Gh’è chi che sta bee e chi che sta maa,
quaivôen l’è alle Maldive e quaivôen all’ Uspedàa..
El Tony l’è riûssii a nàcch insèma alla Francèsa,
el cûnta sô i dettagli e i hènn mea ròpp de Gèsa:
-L’è stàda dûra...ma alla fine ho fatto Gool...
La putènza l’è nagòtt senza el cuntròll!_

***

L’ESERCITO DELLE DODICI SEDIE

Siamo qui, siamo qui seduti nel bar
A cercare l’universo nel bicchiere del Cynar
Cosonauti al tavolino con la sigeretta in bocca
Andiamo a cambiare il mondo appena finaiamo la Sambuca
Quando apriamo la Gazzetta cominciamo a bestemmiare
E spieghiamo a Maldini com’è che deve fare:
partire per il Mondiale è come partire per la guerra
se perdiamo diciemo che si sapeva , se vinciamo non tocchiamo più terra

Tra una tazza di caffè e un settebello a Scopa
Litigano i Cyberpunk e i Figli della Lupa
Giovannino ha fatto la guerra del quindici-diciotto
Ha visto morire la sua classe ma lui è qui a bere Chinotto
Mi hanno mandato a farmi ammazzare per attaccarmi una medaglia,
Mio nipote gira in Porsche e non ha neanche fatto la naja

RIT: E siamo l’esercito delle dodici sedie
Ci massacriamo di balle ma siamo sempre interi
Ne abbiamo una per tutti e una per nessuno
Il bare è la nostra storia e la nostra religione

Pugni sul tavolo, hanno acceso la televisione…
Parla di ciò che vuoi ma mai di pensione!
Altrimenti scoppia la bomba crolla anche il bancone
Va bene diventare vecchi, ma non coglioni!
E parliamo, parliamo, e quante parole
Chi ce l’ha duro e chi ce l’ha molle
Qualcuno fischietta anche se gli girano le balle
Qualcun altro ha la dentiera e non può farlo…

E ci tiriamo su il morale con la figlia del fiorista
E ci van le balle in terra per il conto del dentista
Sappiamo tutto dichi si sposa e di chi ha divorziato
E ormai gli affari nostri non sappiamo più come son fatti
Sappiamo utto di tutti e tutti sanno tutto di noi
È una palla che tiriamo e gli arriva sul muso
Samo tutti poveracci se Il silenzio è d’oro…
Lasciamo a casa le medicine ma mai le Marlboro

C’è chi sta bene e chi sta male
Qualcuno è alle Maldive qualcun altro all’ospedale
Tony è riuscito ad andare con la Francese
Racconta i dettagli ma non é roba di chiesa
E’ stata dura ma alla fine ho fatto goal
la potenza è nulla senza i controllo…!

 


 

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…