Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Rubriche Unesco:Italia candida pizza patrimonio dell'umanità
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Unesco:Italia candida pizza patrimonio dell'umanità

Ok da Commissione nazionale, "Arte pizzaiuoli ci rappresenta nel mondo"

"L'arte dei pizzaiuoli napoletani", apprende l'ANSA, sarà l'unica candidatura Italiana nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'umanità Unesco. Lo ha deciso all'unanimità la Commissione nazionale italiana per l'Unesco su proposta del Ministero dell'Agricoltura e con il sostegno del Ministero degli Esteri, dell'Università, dell'Ambiente, dell'Economia. Scelta perché "rappresenta l'Italia in tutto il mondo". "Proseguiamo a valorizzare il made in Italy dopo il grande successo di Expo" commenta il ministro Martina.

Ora il dossier sarà trasmesso all'Unesco e inizierà un lungo e complesso negoziato che coinvolgerà oltre 200 Paesi, "specialmente perché fino ad ora mai l'Unesco ha iscritto una tradizione connessa ad una produzione alimentare" osserva il curatore legale del dossier Pierluigi Petrillo. La candidatura dell' "L'arte dei pizzaiuoli napoletani" sarà valutata dall'Unesco, con sede a Parigi, nel 2017. Per la Commissione designatrice "l'arte dei pizzaiuoli ha svolto una funzione di riscatto sociale, elemento identitario di un popolo, non solo quello napoletano, ma quello dell'Italia. E' un marchio di italianità nel mondo". E questa candidatura evita il rischio "scippo" da parte degli americani che nei giorni scorsi avevano annunciato la candidatura della "pizza" american-style. La decisione conferma quanto la Commissione aveva già deliberato un anno fa ma che poi non aveva avuto seguito per motivi tecnici legati alle procedure Unesco. Non è stata invece ripresentata la candidatura della "Perdonanza Celestiniana dell'Aquila".

(Fonte ANSA 04 marzo 2016)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…