Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Storia ed emigrazione "Pane e Riso" di Rosanna Tontini: la biografia del Professor Novello Novelli
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

"Pane e Riso" di Rosanna Tontini: la biografia del Professor Novello Novelli

Nel libro di Rosanna Tontini si ricostruiscono le vicende del padre della moderna risicoltura e creatore di alcune qualità. Una storia e un personaggio da riscoprire, messo ingiustamente in ombra per ragioni di convenienza politica

Nel libro di Rosanna Tontini si ricostruiscono le vicende del padre della moderna risicoltura e creatore di alcune qualità, come la pregiata "Vialone Nano", che ha contribuito con i suoi accorgimenti a incrementare esponenzialmente la produzione di riso nel mantovano e in Sud America dai governi che lo ingaggiarono appositamente, accorgimenti poi adottati persino da paesi "tradizionalmente" risicoltori come nell'allora Cocincina francese (l'attuale Vietnam). Una storia e un personaggio da riscoprire, messo ingiustamente in ombra per ragioni di convenienza politica.

Nel 2015 appena concluso, si è tenuto a Milano un evento di risonanza mondiale, l'ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO), che ha evidenziato, nella sua tragicità, il dramma della malnutrizione e della necessità del risparmio idrico con lo slogan "diritto al cibo e all'acqua per tutti i popoli".
Molte sono state le iniziative e i progetti presentati, sperando che l'umanità sappia (e voglia) trovare, per ogni problema, la soluzione idonea, come venne trovata ai primi del secolo scorso (XX° sec.) per risolvere la fame in Italia.

A quel tempo la soluzione venne trovata da un agronomo mantovano che si dedicò con abnegazione alle rinascita della risicoltura, tanto da essere soprannominato "padre della moderna risicoltura".
La produzione di riso, unita a quella frumentaria coprì tutto il fabbisogno alimentare italiano, contro le previsioni degli increduli suoi superiori.

Il grande genio innovatore è il prof.Novello Novelli, nato a Mantova nel 1877 da una famiglia di contadini. Laureatosi all'Università di Pisa nel 1901, iniziò con il recupero delle terre incolte e acquitrinose della pianura Padana, trasformandole in risaie. Introdusse la nuova tecnica del trapianto abbandonando il vecchio sistema della "semina a spaglio" e riuscì a far diventare la coltivazione da povera, malarica e indesiderata, in un'attività sana, moderna e redditizia.

Dopo molte prove in laboratorio ottenne l'ibridazione artificiale, incrociando diverse varietà di riso tra loro, portando la produzione dai 12-14 quintali per ettaro della fine del 1800 ai 100 quintali in appena un decennio, con la varietà "Americano 1600".

Le nuove tecniche vennero esportate anche in altri paesi risicoli, dando altrettanti notevoli risultati, per esempio in America Latina, sopratutto in Brasile, Argentina e Paraguay, dove risiedono tanti nostri connazionali e dove il prof. Novelli venne specificatamente ingaggiato dai governi locali a tal fine, esportandovi la sua metodologia. Qui le condizioni geografiche hanno consentito alle sue innovazioni di acclimatarsi e il riso divenne la prima fonte di sostentamento alimentare. Così è accaduto anche in Vietnam, al tempo la Cocincina francese, in cui il trapianto è tuttora praticato e permette tre raccolti di riso all'anno.

"Pane e Riso" è la sua biografia.
E' stata presentata nell'ambito di EXPO MILANO 2015 e ripercorre la sua vita, la sua carriera, i sacrifici e gli ostacoli che ha incontrato, senza mai arretrare davanti a tali difficoltà... e nel periodo più difficile della storia del nostro paese: dal 1900 al  1953, attraversando due guerre mondiali, crisi economiche, sanzioni internazionali e razionamento alimentare. Per finire posto in quiescenza, nonostante che il risultato delle sue innovazioni era in grado di sfamare 5 miliardi di persone nel mondo a lui contemporaneo.
Il Professor Novelli è stato dimenticato dalla storia e dalla sua/nostra nazione e l'autrice Rosanna Tontini si è prefissa l'obbiettivo di farlo riscoprire.

Contatti:
Rosanna Tontini 3332847714

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…