Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Articoli Terzo settore e ONG Diritto allo svago, volontari cercasi per vacanza al mare.
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Diritto allo svago, volontari cercasi per vacanza al mare.

"Ogni individuo ha diritto al riposo e allo svago", anche i disabili e i loro familiari.

 

Da 37 anni la NOhA Onlus si occupa di rendere vivo questo diritto umano.
L’Associazione Nuovi Orizzonti Handicap, organizzazione indipendente è nata a Milano nel 1980 per favorire, promuovere e gestire attività educative, formative e culturali finalizzate all’integrazione della persona disabile nel tessuto sociale e opera nel campo del tempo libero, coinvolgendo disabili fisici e volontari in un progetto comune.
Per l'estate 2017 organizziamo un soggiorno in una località balneare per permettere un po di svago e relax in compagnia anche a chi vive quotidianamente la disabilità tra barriere e pregiudizi.
Per realizzare questo progetto occorrono volontari, risorsa preziosa, pronti anche a confrontarsi con un mondo fatto di difficoltà e paure, non solo quelle altrui.
Ad agosto vieni al mare con la NOhA, saremo a Viserba di Rimini, in un piccolo hotel autogestito a poca distanza dalla spiaggia.
I Volontari partecipano a turni alla gestione degli spazi comuni, alle uscite diurne (alla spiaggia) e serali e assistono le persone disabili nelle necessità quotidiane.
Non sono richieste competenze particolari e ogni nuovo volontario sarà seguito e indirizzato nei suoi compiti da un tutor. E' richiesta la maggiore età.
E' richiesta la partecipazione almeno ad una settimana ed è prevista una minima quota giornaliera di partecipazione che comprende il pernottamento, tutti i pasti e l'accesso alla spiaggia attrezzata.
Scopri come far parte di questo progetto!
Contattaci al nr. 349.069.4402 Email
Ente NOhA - Nuovi Orizzonti Handicap

Persona di riferimento
Noemi Peviani Tel 3490694402
Email Sito internet


"Cari amici, questa la mail che ricevo a fine luglio. Coinvolgo l’amico Raffaele e partiamo.
Si dice che quando una persona riesce a combinare qualcosa di buono, farebbe bene a tenersela per sé, senza troppa pubblicità. Sembra che valga di più ed in parte concordo.
Ma se a questa persona piace condividere un’esperienza positiva, perché no? Se vuole parlarne per cercare di coinvolgere altre persone a fare altrettanto, è forse da condannare?
Con questa premessa che suona un po’ da autoassoluzione, vi garantisco che a Viserba stiamo trascorrendo giorni indimenticabili, con gli ospiti della Noha e con gli altri volontari.
Perché vi dico questo? Perché c’è bisogno di nuovi volontari, tanto che, proprio a causa della carenza di personale per l’assistenza ai disabili, il periodo di vacanza preventivato ha dovuto essere ridotto.
Se pensiamo che per questi ragazzi e ragazze è l’unica possibilità di uscire dal loro solito contesto, di confrontarsi, almeno una volta l’anno con noi cosiddetti “normali”, trovo personalmente che sia un peccato limitarlo a poche settimane.
Se qualcuno volesse rendersi disponibile in futuro – ogni anno la NOhA organizza una vacanza in località diverse - deve sapere che trascorrerà un periodo in ottima compagnia, con altri volontari e con i disabili, ai quali non dovrà necessariamente far loro da infermiere, ma semplicemente aiutarli amichevolmente e come riesce, nelle loro necessità quotidiane. In cambio riceverà non solo riconoscenza e gratitudine ma la loro amicizia, che non è un’amicizia da bar sport. E’ un’amicizia speciale. Qualcuno sostiene che il Signore abbia creato i disabili per educare gli altri all’umiltà. Per ottenere lo scopo è necessaria la convivenza, il confronto. C’è bisogno che ognuno di noi faccia uno sforzo in più, almeno per una settimana.
Per maggiori info potete contattare il sottoscritto o direttamente la Noha.

Con l’occasione ringrazio le organizzatrici Noemi e Mascia, gli ottimi cuochi Marco, Damiano con la mamma di Marco signora Marianna (un personaggio!) e tutti i partecipanti… Grazie di cuore!
Un grande abbraccio, fer"

Ferruccio Brambilla +39 348 827 9062

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…