Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Gli Editoriali di Lombardi nel Mondo Alcune riflessioni dovute e di cuore
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Alcune riflessioni dovute e di cuore

Ero presente alla commemorazione dei tre amici trentini scomparsi nel tragico volo Air France da Rio a Parigi. Vi posso assicurare che il clima generale di commozione è stata un'esperienza molto toccante...

Ero presente alla commemorazione dei tre amici trentini scomparsi nel tragico volo Air France da Rio a Parigi. Vi posso assicurare che il clima  generale di commozione è stata un'esperienza molto toccante .Mi ha veramente colpito la comunità trentina che si è stretta intorno ai propri concittadini

caduti: essa ha dato una grande esempio di dignità e di unità,esprimendo  valori civili e morali a cui tutti dovremmo ispirarci.Ho avuto la possibilità di parlare con Laura,la figlia più grande di Rino Zandonai,così giovane,così esile ma così orgogliosa del padre.Non sarà facile per lei e gli altri superare un dolore così forte, ma sappiamo che oltre che l'affetto  ricevuto da tante persone,certamente quello che potrà aiutarle sarà il fatto che tanti prenderanno il padre a modello ,come esempio di vita. Questo non perchè Rino fosse un eroe,un missionario,un leader ma perchè egli nella sua normalità manteneva sempre alti i suoi valori come l'amicizia,l'onestà,la

correttezza e l'amore per i giovani.La sua grandezza è stata quella di dare l'esempio senza imporre il suo punto di vista,di dare una disponibilità totale senza secondi fini,di dirti in faccia sempre sinceramente quello che pensava. Quello che mi dispiace è che solo la morte e la violenta emozione

che essa provoca esalta i veri eroi che lavorano intorno a noi. Solo il dolore fa emergere le qualità di coloro che a volte non vedi o che per  sobrietà evitano di autopromuoversi o di mettersi in evidenza. Ho parlato di Rino come di una persona dolce. Ho scoperto che egli ,agli inizi della sua  vita professionale, insegnava in un scuola per bambini in Belgio...forse da qui  derivava la sua dolcezza e quella sua delicatezza.

 

Oggi è stata una lezione di vita per tutti noi perchè solo in questi  momenti,dico purtroppo,capisci il senso della vita e quello che conta veramente.

 

Dopo la cerimonia ci siamo ritrovati tutti nella sede dei Trentini nel Mondo.Tutta l'Unaie era presente,la nostra Federazione delle Associazioni degli Italiani all'estero.Vi era la vecchia madre in carrozzella di Rino Zandonai con la sorella,vi il Presidente uscente Pisoni vi era era la Vicepresidente dei Trentini Maria Carla e tutti i vari collaboratori.....la  sobrietà trentina si è così sciolta in tanti abbracci e pianti liberatori. Questo tragico evento ci ha segnato tutti ma ci anche rafforzato nell'animo e nei valori in cui crediamo...una giornata molto particolare nella quale mi sono sentito parte di un'Italia impegnata a fare dei fatti e delle azioni solidali....la campagna elettorale,i suoi clamori e le sue esagerazioni le ho sentite lontane..e così i tanti gesti eclatanti di

appartenenza politica....senza offesa per nessuno..molti mi sono sembrati dei fans oppure dei vuoti propagandisti di parte..se potessi parlare con costoro gli direi di fare qualcosa di "italiano",di fare qualcosa per unire la gente e soprattutto fate qualcosa di proprio in termini di solidarietà...con meno cattiveria e con meno faziosità...starebbero meglio loro e renderebbero migliore il nostro paese..

 

Daniele Marconcini

Vice Presidente dell'UNAIE (Unione Nazionale Associazioni Immigrati ed Emigrati)

 

Altre testimonianze

 

06-06-2009

Cattedrale stracolma per la commemorazione religiosa dei tre trentini

scomparsi

 

Monsignor Bressan: «Impariamo a seguirne l'esempio»

L'intera comunità trentina - la comunità trentina delle istituzioni,

dell'associazionismo, della città e delle valli, la comunità trentina

rappresentata dai testimoni e dai vessilli dei numerosi circoli dei

discendenti dei nostri emigranti nel mondo - si è raccolta stamani nella

Cattedrale di San Vigilio e attorno al Duomo, per partecipare alla cerimonia

religiosa dedicata con la Santa Messa a Giovanni Battista Lenzi, Luigi

Zortea e Rino Zandonai, morti il 1° giugno nel viaggio di ritorno dalla

missione di solidarietà compiuta fra le comunità trentine in Brasile,

vittime della tragedia aerea sull'Atlantico nella quale hanno perso la vita

altri 225 passeggeri.

 

L'INTRODUZIONE DELL'ARCIVESCOVO

Presenti le massime autorità civili, tra le quali i presidenti del Consiglio

provinciale Giovanni Kessler che ha promosso la commemorazione, quello della

Giunta Dellai, il Commissario del Governo Michele Mazza - delegato della

presidenza del Consiglio dei Ministri - il Sindaco di Trento Andreatta con

molti Primi Cittadini fasciati nel tricolore e i consiglieri provinciali

colleghi di Lenzi anche nella precedente legislatura, Mons. Luigi Bressan,

che ha presieduto la cerimonia concelebrata dal Vescovo della diocesi

brasiliana di Curitiba Jose' Moacyr Vitti, discendente da emigranti

trentini, si è reso interprete fin dalla preghiera introduttiva dei

sentimenti di tutti.

 

«Chiediamo al Signore - ha esordito il prelato - che accolga nella sua pace

Gianni, Luigi e Rino, di sostenere i loro familiari in questa difficile

prova e di concedere a noi la capacità di sviluppare il messaggio e

l'eredità che questi fratelli ci hanno lasciato, di una fede capace di farsi

solidarietà operosa".

 

"Le nostre condoglianze - ha proseguito Bressan - vanno anche alla

Associazione Trentini nel Mondo presso i cui circoli i tre defunti hanno

portato aiuto". Per questo le offerte raccolte sono andate ai discendenti

dei trentini dello stato brasiliano di S. Caterina, che l'anno scorso era

stato colpito da una devastante alluvione."

 

L'OMELIA DI MONSIGNOR BRESSAN

Dopo i canti eseguiti anche da un gruppo musicale cileno, la lettura di un

brano tratto dal Vangelo di San Matteo (nel quale Cristo ricorda: "ero

straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito.....tutto quello che

avrete fatto al più piccolo di questi miei fratelli l'avete fatto a me"),

nell'omelia l'Arcivescovo ha osservato che "la tragicità della scomparsa di

Gianni, Luigi e Rino, ci fa riflettere sulla fragilità della condizione

umana.

 

Sappiamo però che Dio stesso ha sperimentato con Gesù l'abbandono, la

sofferenza e la morte. Per questo anche in circostanze come questa non siamo

destinati a rimanere senza speranza. Ora queste tre persone sono avvolte nel

mare, ma nella fede le immaginiamo avvolte nell'abbraccio dell'amore di Dio,

perché Gesù ha preparato una speciale beatitudine per coloro che, come loro,

costruiscono la pace mettendosi a servizio degli altri nell'associazionismo

e nel volontariato rivolti al mondo intero".

 

"La nostra vita - ha aggiunto Bressan - vale se orientata a fare del bene

agli altri, ai piccoli di cui parla il Vangelo, che sono gli emarginati, gli

sradicati, chi soffre perché ha bisogno di cibo e di un senso alla vita.

Anche i nostri emigrati hanno sofferto molto e contribuito con i loro

sacrifici al nostro sviluppo: di ciò siamo grati a loro e a chi li ha

sostenuti.

 

Il nostro Dio è il Dio della vita - ha concluso - continua ad amarci perché

Gesù che è venuto a condividere le nostre sofferenze, anche le più

laceranti."

 

LE PREGHIERE DEI FEDELI

Le preghiere dei fedeli hanno visto alternarsi sul pulpito molti

rappresentanti dei circoli dell'emigrazione trentina, in particolare del

Brasile. Nelle numerose invocazioni è stata rivolta a Dio la richiesta di

poter seguire l'esempio dei tre defunti, di confortare i loro cari e quelli

di tutte le vittime della tragedia.

 

LE TESTIMONIANZE CONCLUSIVE

La Santa Messa è terminata con alcune toccanti testimonianze portate dai

familiari di Rino Zandonai - in particolare quella del figlio giunto in

Brasile proprio mentre suo padre partiva per l'ultimo viaggio - e di Gianni

Lenzi, cui è seguito il saluto e il ringraziamento del Vescovo di Curitiba

Jose' Moacyr Vitti, che ha sottolineato "la gioia trasmessa da questi tre

amici lieti di trovarsi nelle comunità trentine del Brasile per alleviare la

sofferenza di molti. Che Dio conceda loro la felicità e alle loro famiglie -

ha concluso - la grazia di poter superare questo momento difficile".

 

La commemorazione è poi proseguita con la cerimonia pubblica in Sala Depero

(vedi articolo sotto).

 

 

Antonio Girardi

 

 

TRENTO - Commozione e gratitudine nel corso della cerimonia pubblica

 

Nel corso della cerimonia pubblica promossa dal Consiglio in Sala Depero

Commozione e gratitudine

 

E' un sentimento di profonda commozione quello che si respira in sala

Depero, alla cerimonia in ricordo di Giovanni Battista Lenzi, Rino Zandonai

e Luigi Zortea, morti nel tragico incidente aereo del primo giugno scorso.

La sala, che rappresenta il "cuore" dell'autonomia trentina, è affollata, ma

silenziosa, quasi che le parole in più potessero in qualche modo sminuire

quel senso di rispetto, stima e gratitudine nei confronti dei tre scomparsi,

emerso poi in tutti gli interventi delle autorità.

 

GIOVANNI KESSLER

Il primo a prendere la parola è un Giovanni Kessler visibilmente commosso.

Il Presidente del consiglio provinciale ha tracciato un ritratto del

consigliere scomparso Lenzi, ricordandone la doppia figura di "uomo delle

istituzioni" e di "uomo del popolo", tanto la sua attività di rappresentante

pubblico si è intrecciata con l'impegno di tenere sempre vivo un quotidiano

e fecondo rapporto con la sua comunità di origine e con i valori che sono

stati da sempre alla base delle sue scelte.

 

"Gli piaceva ricordarmi che eravamo chiamati nello stesso modo", ha

proseguito il Presidente ricordando l'uomo Gianni Lenzi, oltre che il

politico, "con la sua modestia, la sua rettitudine, la sua disponibilità a

spendersi per gli altri, la sua tenacia nell'imparare, la saggezza e la

bontà: un uomo cresciuto alla scuola e nella tradizione del miglior

cattolicesimo democratico degasperiano".

 

Kessler ha rivolto il suo pensiero anche alle altre due vittime strappate

all'affetto dei propri cari ed unite a Lenzi da un unico destino, Rino

Zandonai e Luigi Zortea. Una morte tragica, avvenuta al ritorno da una

missione di solidarietà, quella solidarietà e quel senso di servizio che

aveva accomunato anche le loro vite. Kessler ha richiamato le istituzioni ad

un impegno e un dovere: "dobbiamo fare tutto quanto in nostro potere" ha

detto "affinché sia fatta piena luce su quanto avvenuto su quell'aereo e

vigilare perché non rimangano ombre o misteri, magari per coprire interessi

economici o di Stato".

 

MARCO DEPAOLI

Un pensiero di riconoscenza e commozione a Lenzi, Zandonai e Zortea lo ha

rivolto anche il Presidente del Consiglio regionale Marco Depaoli che

prendendo la parola "con grande fatica" ha ripercorso la storia politica ed

istituzionale, oltre che di amicizia, che lo legava alle tre vittime.

 

In particolare, Gianni Lenzi, "uomo di rara umanità e di onestà che non

conosceva ostacoli", era stato suo compagno e collega fin dall'inizio della

carriera amministrativa. Il ritratto che emerge del consigliere scomparso è

quello di un uomo genuino e vero, che si è speso con inconfondibile

schiettezza ed umanità per la propria gente e la propria valle, mai

dimenticando le proprie origini. Un messaggio, questo, che ha trasmesso

anche attraverso la sua morte avvenuta proprio al ritorno da una missione di

solidarietà e servizio. "Una missione condivisa nel cuore e nell'azione" ha

detto Deapoli "con Rino Zandonai e Luigi Zortea, per tutti noi e le nostre

comunità esempi di solidarietà ed umanità: una straordinaria lezione di vita

anche per le nuove generazioni".

 

MARINO SIMONI

Il Presidente del Consorzio dei Comuni trentini Marino Simoni ha richiamato

alla memoria la cerimonia avvenuta non molto tempo fa nella stessa sala

Depero a ricordo del defunto Beniamino Andreatta. In quell'occasione c'erano

anche Lenzi, Zandonai e Zortea: "sicuramente allora nessuno avrebbe mai

immaginato che oggi saremmo stati qui a ricordare loro, proprio in questa

sala, "cuore dell'autonomia trentina" e proprio per questo tragico evento"

ha detto Simoni che ha ricordato i tre sfortunati trentini come "uomini,

padri e figli di questa terra, oltre che amministratori, nel solco di una

lunga tradizione ed un filo che ci conduce assieme a costruire comunità".

 

Il suo ricordo personale è andato in particolare a Luigi Zortea, collega

sindaco, chiamato simpaticamente "il Gigi delle Acli" per il suo forte

impegno nel sociale, secondo quegli ideali che ha trasferito anche

nell'attività politica ed amministrativa. "C'è un filo rosso che ci

accompagna" ha concluso Simoni "ed è la convinzione che la nostra vita ha un

senso e a noi non spetta determinarlo, ma semplicemente scoprirlo".

 

ALBERTO TAFNER

Faticoso ed interrotto da silenzio e commozione il saluto del Presidente

della Trentini nel mondo Alberto Tafner, che ha confessato di non riuscire a

trovare parole che non scadano nella retorica e non risultino inopportune in

questo momento di profondo dolore.

 

"Rino probabilmente starà ridendo perché porto la cravatta, lui che

detestava le cravatte" ha detto Tafner. "E starà ridendo anche perché lui,

che non voleva mai essere protagonista, oggi è diventato suo malgrado un

protagonista".

 

Il Presidente della Trentini nel mondo ha ricordato la figura del collega e

amico ringraziandolo per il lavoro di quarant'anni ed anche per l'ultimo

messaggio che ha saputo lasciare anche attraverso questa sciagura: "noi

tutti abbiamo perso il senso delle cose, il senso dei valori" ha detto

Tafner che ha auspicato che questa terribile disgrazia che a lui stesso ha

fatto riscoprire una nuova lettura delle cose, possa rappresentare "l'inizio

di una continuità ed una speranza vera per un futuro migliore".

 

MICHELE MAZZA

Ha portato le parole del Capo dello Stato Giorgio Napolitano il Commissario

del governo Michele Mazza. "Profondamente colpito...." scrive Napolitano

"esprimo la mia commossa adesione.... e partecipazione al dolore delle

famiglie e di coloro che hanno conosciuto le vittime della tragedia

dell'airbus...".

 

In particolare, Napolitano ha ricordato le vittime che tornavano dal Brasile

per lavoro o dopo aver prestato la propria opera in missione di solidarietà,

circostanze che testimoniano il senso del dovere e lo spirito di servizio

civile.

 

L'APPLAUSO DEL PUBBLICO

La cerimonia si è conclusa con un lungo applauso dedicato a Gianni Lenzi,

Rino Zandonai e Luigi Zortea. Un applauso che è suonato come un ultimo,

affettuoso abbraccio dell'intera comunità trentina, quella delle istituzioni

e quella di coloro che li hanno conosciuti per il grande valore, oltre che

di amministratori, di uomini.

 

 

Monica Casata

 

 

 

http://www.consiglio.provincia.tn.it/attualita/attualita.it.asp?ar_id=103317

 

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Mattarella nelle Repubbliche Baltiche, dove si respira voglia d’Italia

Piccole, ma molto dinamiche le comunità italiane che il Capo dello Stato ha potuto incontrare. Numerosi gli imprenditori attivi nel campo dell’import-export, e fra essi molti lombardi. continua>>
Altro…