You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Cultura e curiosita' Comunicazioni dirette in fibra ottica tra Cina e India. È “la nuova via della seta”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Comunicazioni dirette in fibra ottica tra Cina e India. È “la nuova via della seta”

Il progetto coinvolge China Telecom Corp e l’indiana Reliance Communications. Centinaia di chilometri di fibra ottica con una capacità di 4,8 terabyte. La nuova rete supererà l’Himalaya attraverso il passo Nath La, che congiunge la città tibetana di Yadong con Siliguri, centro del distretto di Darjeeling nello Stato indiano del West Bengala.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta Cina e India avranno una linea diretta di comunicazione via cavo. È già stata ribattezzata “la nuova via della seta”: centinaia di chilometri di fibra ottica, separati rispetto alle rispettive linee locali già esistenti, che verranno posati dalla China Telecom Corp e dall’indiana Reliance Communications.

 

Han Yihu, amministratore delegato della China Telecom Corp, Punit Garg, presidente di Reliance Communications, afferma che “questo nuovo cavo aiuterà i nostri clienti in Asia, ed oltre, a competere in modo effettivo su scala globale”. ha definito il progetto come “una pietra miliare” destinata “a migliorare le opportunità di sviluppo per gli affari internazionali” e dei due Paesi.

 Secondo le due parti “la nuova via della seta” avrà un influsso benefico “a lungo termine” anche sulle economie di Paesi vicini come Nepal, Buthan, Sri Lanka, Pakistan e Bangladesh.

 Il nuovo sistema via cavo avrà una iniziale capacità di 20 giga al secondo, ma è destinato a raggiungere una potenza di 4,8 terabyte, centinaia di volte superiore all’attuale larghezza di banda tra i due Paesi. Le trasmissioni avverranno in DWDM ed SDH.

 Ad oggi le comunicazioni ad alta capacità tra i due Paesi devono usufruire della la linea sottomarina che passa da Hong Kong e Singapore, mentre le chiamate telefoniche fanno sponda su Europa e Stati Uniti. China Telecom Corp e Reliance Communications affermano che l’operazione permetterà di salvaguardare le linee di comunicazione dalle calamità naturali che colpiscono in modo sistematico le reti già esistenti nei due Paesi.

 Il percorso definito per la posa della nuova rete supererà la catena dell’Himalaya attraverso il passo Nath La che congiunge la città tibetana di Yadong con Siliguri, centro del distretto di Darjeeling nello Stato indiano del West Bengala.

 

http://www.asianews.it/index.php?l=it&art=16172&size=A

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali