You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Cultura e curiosita' Come cambiano i viaggiatori cinesi: ecco dove vanno e cosa vogliono trovare in albergo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Come cambiano i viaggiatori cinesi: ecco dove vanno e cosa vogliono trovare in albergo

Nel 2013 sono stati 97 milioni i cittadini della Repubblica Popolare Cinese in viaggio nel mondo, ben 14 milioni più dell’anno precedente. E, a sentire gli albergatori di 28 paesi – inclusa l’Italia – il flusso di ospiti cinesi sarà uno dei fattori che maggiormente incideranno sul business del 36% di essi nei prossimi due anni.

Alla crescita dell’outgoing cinese stanno contribuendo diversi elementi: la ricchezza della nuova classe media in ascesa, il cambiamento culturale che vede aumentare il numero dei viaggiatori abituali, le condizioni meno rigide per il rilascio dei visti e il miglioramento delle infrastrutture locali, soprattutto aeroportuali.

Secondo il Chinese International Travel Monitor (CITM) di Hotels.com la tecnologia è divenuta un fattore determinante nei processi decisionali dei viaggiatori cinesi: la Cina ha chiuso il 2013 con 618 milioni di utenti attivi in rete, con una penetrazione di Internet in crescita del 45,8%; di questi, 500 milioni accedono al web tramite mobile e più del 90% ha un proprio profilo sui social media. Il Monitor, che è basato su interviste a 3mila viaggiatori cinesi e 3mila albergatori in tutto il mondo, indaga l’evoluzione dei comportamenti di viaggio dei cittadini cinesi; l’edizione 2014 ha rilevato che più della metà dei viaggiatori intervistati prenota gli alberghi tramite web o applicazioni per mobile, e che quasi la metà utilizza i siti di prenotazioni di hotel e legge le relative recensioni per organizzare il proprio itinerario. Un terzo, infine, controlla le informazioni veicolate tramite i social media.

La tipologia di albergo preferita: Quando fuori dal proprio paese, il 57% dei viaggiatori cinesi sceglie alberghi a 3 o 4 stelle, mentre il 17% opta per le 5 stelle e il 7% per i resort all inclusive. La classificazione in stelle, insieme ai servizi e alle dotazioni, è il principale fattore di scelta di un albergo: secondo il Monitor la reputazione del brand della struttura e il prezzo della camera sono fattori meno rilevanti. Il 43% degli intervistati predilige inoltre alberghi caratteristici del luogo, anche se sale il gradimento per gli hotel delle catene internazionali. Solo l’11% dei cinesi cerca strutture in stile o a conduzione cinese: lo fanno più gli uomini delle donne e più gli over 55 dei giovani, ma complessivamente il 19% del campione dichiara di preferire un albergo che, qualunque ne sia lo stile o la conduzione, offra servizi pensati espressamente per gli ospiti cinesi.

Cosa comprano in hotel e cosa vogliono trovarci: Le 2 voci per cui gli ospiti cinesi dichiarano di spendere di più in hotel sono il ristorante e il servizio in camera; secondo gli albergatori, anche il bar e il minibar in camera costituiscono voci di spesa significative, addirittura superiori a quelle legate al cibo. Fra le facilities ritenute più importanti in albergo ci sono il ristorante interno (55% degli intervistati), il business centre (25%) e i negozi (18%). Nonostante poco interessati allo sport quando lontani da casa, il 17% dei viaggiatori cinesi esprime comunque una preferenza per la piscina e il 16% per la presenza della palestra interna. Per i viaggiatori cinesi i servizi più importanti che un albergo può offrire sono il wi-fi gratuito, la possibilità di pagare con carta di credito di China Union Pay o Alipay e la presenza di staff che parla la loro lingua.

Secondo gli albergatori, invece, i servizi che i clienti cinesi richiedono più frequentemente vedono al primo posto il wi-fi gratuito, seguito dal bollitore per l’acqua come dotazione della camera e dalla possibilità di soggornare in camere per fumatori. Il 17% dei viaggiatori cinesi, dicono gli albergatori, richiede programmi tv cinesi, e un’eguale percentuale vuole guide e materiali turistici disponibili nella propria lingua.

L’Italia non è fra le destinazioni più desiderate, ma è fra quelle più visitate: Il Monitor di Hotels.com rileva che i viaggiatori cinesi preferiscono scoprire destinazioni internazionali nuove invece che tornare in luoghi che hanno già visitato. Interessante notare che il 75% degli intervistati ha espresso il desiderio di recarsi in Europa nei prossimi 12 mesi; a livello di singoli paesi quello più “desiderato” è l’Australia, seguita da Francia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Svizzera. Seguono il Canada, il Regno Unito, Singapore, Hong Kong e la Germania. L’Italia non figura nella top ten delle destinazioni più desiderate, forse perché già visitata: la classifica delle destinazioni dove i viaggiatori intervistati si sono già recati vede infatti gli Stati Uniti al primo posto e poi Hong Kong, Thailandia, Giappone, Francia, Regno Unito, Italia (al 7° posto), Corea del Sud, Taiwan e Malesia.

Le destinazioni considerate più accoglienti: Fra le destinazioni già visitate, i turisti cinesi hanno dichiarato che quella più accogliente, cioè che maggiormente ha risposto alle loro esigenze, è l’Australia. Al secondo posto Singapore e al terzo, inaspettatamente, la Francia. Poi ci sono Nuova Zelanda, Corea, Hong Kong, Stati Uniti, Taiwan, Canada, Regno Unito e Germania: anche in questa classica l’Italia non figura, a conferma che l’ospitalità italiana, non solo alberghiera, ha ancora parecchia strada da fare per guadagnarsi il consenso dei viaggiatori cinesi.

Il principale fattore che determina la scelta della destinazione è il livello di sicurezza personale: paesi poco sicuri, anche a causa di turbolenze politiche, vengono scartati a priori dai viaggiatori cinesi. Il secondo fattore di scelta è la presenza di siti storici e monumentali, mentre il terzo è l’offerta gastronomica. Il rapporto qualità/prezzo è soltanto al quarto posto, mentre sale il gradimento per le opportunità di shopping, che per il 23% degli intervistati contribuiscono a orientare la decisione in merito alla meta del viaggio.

Fonte: www.eventreport.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali