You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale AFRICA/SOMALIA - Malnutrizione e conflitti armati mettono a rischio la vita di migliaia di bambini
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

AFRICA/SOMALIA - Malnutrizione e conflitti armati mettono a rischio la vita di migliaia di bambini

Gli ultimi dati delle Nazioni Unite affermano che in questo paese martoriato dalla guerra ormai da tempo immemore, 38000 bambini rischiano di morire di fame.

Mogadiscio (Agenzia Fides) - Oltre 38 mila bambini somali rischiano seriamente di morire di fame nel Paese che continua ad essere martoriato dalla guerra. Questa triste statistica, basata sugli ultimi dati delle Nazioni Unite, si rivela a distanza di tre anni dalla grave siccità e dai conflitti armati che hanno scatenato la carestia nel Corno d’Africa, uccidendo oltre un quarto di milione della popolazione. In totale, oltre 731 mila persone, compresi 203 mila bambini gravemente malnutriti, vivono in condizioni di insicurezza alimentare acuta, secondo uno studio congiunto del Food Security and Nutrition Analysis Unit delle Nazioni Unite (FSNAU) e l’US-funded Famine Early Warning Systems Network (FEWS NET). Nonostante verso la fine del 2014 nel Paese siano state registrate piogge copiose che hanno favorito i raccolti e fatto calare del 29% il fenomeno, molti bambini rimangono gravemente malnutriti. Circa 202,600 al di sotto di 5 anni di età soffrono di malnutrizione acut a, compresi 38.200 che sono gravemente malnutriti e con un elevato rischio di morbilità e di morte. Tre quarti di quelli che hanno più disperato bisogno sono quelli che sono stati costretti ad abbandonare le loro abitazioni a causa dei conflitti armati. I tassi di malnutrizione rimangono costantemente elevati e le prospettive per il 2015 sono preoccupanti. Più di 250 mila persone, metà delle quali bambini, sono morte a causa della devastante carestia del 2011. (AP) (31/1/2015 Agenzia Fides)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali