You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale ASIA/PAKISTAN - Nuovo Rapporto di Human Rights Watch: “Garantire sicurezza e giustizia alle minoranze”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

ASIA/PAKISTAN - Nuovo Rapporto di Human Rights Watch: “Garantire sicurezza e giustizia alle minoranze”

Il governo del Pakistan deve assicurare la sicurezza delle minoranze religiose del Paese.

Islamabad (Agenzia Fides) – Il governo del Pakistan deve assicurare la sicurezza delle minoranze religiose del Paese, mettendole a riparo dall’ingiustizia in sede giudiziaria e dagli attacchi da parte dei militanti: lo afferma il nuovo Rapporto internazionale dell’Ong “Human Rights Watch” (HRW). Secondo il Rapporto 2014 di HRW, appena pubblicato e inviato a Fides, gli attacchi contro le minoranze religiose in Pakistan sono aumentati in modo significativo nel 2014, e questo testimonia il fallimento delle politiche del governo del Primo Ministro Nawaz Sharif.
“Il governo del Pakistan ha fatto ben poco nel 2014 per fermare il numero crescente di omicidi e la campagna di repressione dei gruppi estremisti che colpiscono le minoranze religiose”, ha detto Phelim Kine, vice direttore per l'Asia di Human Rights Watch. “Il governo sta fallendo nel dovere fondamentale di poteggere la sicurezza dei propri cittadini e di far rispettare stato di diritto”, ha aggiunto.
Secondo i dati contenuti nel testo, a Karachi la violenza settaria ha causato nel 2014 almeno 750 omicidi mirati. Un’are calda è il Balochistan dove si registrano sparizioni forzate, esecuzioni extragiudiziali, torture che restano impunite.
Notevoli gli abusi sulle donne (si ricordano i fenomeni di stupro e “delitti d'onore”, attacchi con ‘acido), mentre le donne delle minoranze religiose sono particolarmente vulnerabili: “Ogni anno – ricorda il Rapporto - almeno 1.000 ragazze appartenenti alle comunità cristiane e indù sono costrette a sposare uomini musulmani”.

 

(PA) (Agenzia Fides 31/1/2015)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali