Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale Weah nuovo presidente della Liberia: vince con il 61,5% dei voti
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Weah nuovo presidente della Liberia: vince con il 61,5% dei voti

L'ex stella del Milan sconfigge il vice presidente Joseph Bokai. L'avvicendamento con la presidentessa Sirleaf avverrà il 22 gennaio.

Ora è ufficiale. George Weah ha vinto le elezioni presidenziali in Liberia. Lo afferma la commissione elettorale liberiana, dopo il conteggio del 98,1% delle schede: l'ex campione del Milan ha ottenuto il 61,5% dei voti, battendo così lo sfidante Joseph Boakai, finora vice presidente. Il primo turno delle presidenziali si era tenuto lo scorso 10 ottobre. Per il ballottaggio, invece, si è votato martedì 26 dicembre. Al primo turno Weah era arrivato in testa ottenendo il 38,4% dei voti, mentre Boakai si era fermato al 28,8%. L'avvicendamento con la attuale presidente Ellen Johnson Sirleaf è in programma per il 22 gennaio. Si tratterà della prima transizione democratica fra due presidenti eletti nel Paese dal 1944.

RICORDO — Non è stupito della vittoria del suo ex compagno di squadra Demetrio Albertini in un'intervista alla Stampa: " Weah aveva doti da leader anche in campo. La sua personalità era già molto delineata. Per me fare politica significa donarsi, e lui in questo senso era molto predisposto. Si è sempre impegnato per il suo popolo, per i suoi `fratelli´, come li chiama". —

PROVACI ANCORA — Weah in realtà si era già candidato alla presidenza: "La prima volta lo fece soprattutto con il cuore ma negli anni ha studiato per diventare presidente. Perché anche la politica si studia", osserva Albertini, che all'ex compagno di squadra augura di "aiutare la Liberia a trovare stabilità. È il suo sogno e il suo obiettivo, e lo sport ti allena a superare le divisioni proprio per raggiungere obiettivi comuni". Il campione liberiano si era già presentato alle elezioni nel 2005 e a quelle del 2011 come numero due di Winston Tubman, ma perse di nuovo.

EREDITÀ — Proprio nel 2005 era stato battuto dalla attuale presidente Ellen Johnson-Sirleaf, prima donna capo di Stato di un Paese africano e vincitrice di un Nobel per la pace. Sotto il suo mandato è stato ottenuto il ritiro della missione di pace dell'Onu dalla Liberia, attiva dal 2003 al 2016, e di tutte le sanzioni che l'Onu aveva imposto al Paese per il conflitto, ottenendo importanti risultati nel processo di stabilizzazione nazionale, elogiati dall'allora segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Weah nel suo programma ha promesso istruzione gratuita dall'asilo alle superiori, nonché l'accelerazione nella creazione di posti di lavoro.


28 Dicembre 2018 (Fonte www.gazzetta.it)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…