Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale L’Ambasciata d’Italia in Sudan lancia “Ape Felice”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

L’Ambasciata d’Italia in Sudan lancia “Ape Felice”

Khartoum 12/07/2018 - L’Ambasciata d’Italia in Sudan ha lanciato una nuova iniziativa di solidarietà dal titolo “Ape Felice”

Con l’occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica, l’Ambasciata d’Italia in Sudan ha lanciato una nuova iniziativa di solidarietà dal titolo “Ape Felice”.

Recentemente acquisita a Khartoum un’Ape City a tre ruote per il trasporto di persone dell’azienda Piaggio (la ditta è in negoziato avanzato per finalizzare un’alleanza commerciale con un partner sudanese), le istituzioni italiane in Sudan si preparano a utilizzare il comunissimo mezzo di trasporto locale per raggiungere enti, organizzazioni, associazioni bisognose e donare i proventi delle numerose attività di fundraising a scopo caritatevole, organizzate nel corso dei mesi a venire.

Spiega l’Ambasciatore italiano Fabrizio Lobasso: “trattasi di un esperimento di diplomazia solidale ed interculturale, di stampo tutto italiano, che mira a beneficiare le fasce più vunerabili della società civile sudanese, utilizzando proprio un’icona locale quale il veicolo a tre ruote (rickshaw, o anche tuc tuc) per attraversare Khartoum, raggiungere i sudanesi più bisognosi e fare dono della solidarietà e dell’amicizia di chi desidera partecipare alla loro felicità e al loro benessere”.

L’Ape Felice (anche Happy Bee) è già in moto in queste ore per le strade di Khartoum. Destinazione: l’orfanatrofio della capitale gestito dalle Missionarie di Calcutta per donare i proventi di un recente fundraising organizzato nella residenza italiana “Casa d’Italia” con la vendita di prodotti alimentari dell’associazione femminile sudanese Al Raidat, sostenuta dall’AICS Khartoum-Cooperazione Italiana nell’ambito del progetto di sviluppo e gender balance “Tadmeen”.

Fonte: Farnesina

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…