You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale Cina: i nuovi timonieri
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Cina: i nuovi timonieri

A conclusione del suo XVIII congresso e dopo oltre un biennio di asperrime lotte di potere, il Partito Comunista Cinese – per mano dell’opaco e ristrettissimo nucleo di leader che ne segna il destino negli snodi critici – ha infine imboccato la direzione di un apparente arroccamento istituzionale e politico.

A un quarto di secolo di distanza da quel XIII congresso che nel 1985 sembrò consegnare la Rpc ai riformisti eredi di Deng Xiaoping, stampa internazionale e osservatori qualificati hanno reagito con più sconcerto e apprensione del previsto alla presentazione della nuova nomenklatura di vertice del Pcc, apparsa a molti come circondata di un’aura brezneviana.

In realtà, ciò cui si è assistito altri non è che la traduzione in termini di promozione del personale politico della linea del “mantenimento della stabilità”.

 

I profili dei nuovi componenti del Comitato permanente dell’Ufficio Politico:

 

Xi Jinping , 59 anni

Rango: numero 1 (primus inter pares)

Portafoglio: indirizzo politico complessivo del Pcc, suprema verifica della politica estera della Rpc, garante del controllo civile sull’Esercito Popolare di Liberazione, rapporti con Taiwan (selezionato Segretario Generale del Pcc e Presidente della Commissione Militare Centrale, attesa per marzo 2013 la nomina a Presidente Rpc)

Posizione precedente: Vice Presidente della Rpc, Vice Presidente della Commissione Militare Centrale

Politiche passate: prudenza e ricerca del consenso, crescita economica, interazione economica con Taiwan

Orientamenti attesi: conservazione del monopolio del Pcc, economia di mercato con ruolo dello Stato-Partito attraverso campioni nazionali, ascesa della Cina e promozione del benessere materiale nella società

Studi: laurea in ingegneria chimica e dottorato in legge

Impatto Rivoluzione culturale: al confino rurale 1969-75

Rete di patronato: “principe rosso”, figlio di Xi Zhongxun, artefice delle Zone Economiche Speciali nella Cina negli anni ’80. Vicino a Jiang Zemin ma figura di consenso; ampie aderenze nell’Esercito Popolare di Liberazione

Esperienze di governo locale: Fujian (1985-2002), Zhejiang (2002-07), Shanghai (2007)

Esposizione internazionale: Notevole, sin dagli anni ’80

 

Li Keqiang , 57 anni

Rango: numero 2

Portafoglio: economia nazionale (attesa per marzo 2013 la nomina a Premier della Rpc)

Posizione precedente: Vice Premier

Politiche passate: da studente, schierato a favore di una rappresentanza studentesca democraticamente eletta; prudente durante la carriera, da Vice Premier si è speso con successo solo parziale per riforme che rendano più sostenibile lo sviluppo del paese

Orientamenti attesi: tutela dell’occupazione, rafforzamento dei presidi di sicurezza sociale, economia verde e a maggiore valore aggiunto

Studi: laurea in legge e dottorato in economia presso l’Università di Pechino. Già allievo di Gong Xiangrui (esperto di diritto costituzionale occidentale) e Li Yining (teorico dell’apertura dell’economia cinese)

Impatto Rivoluzione culturale: confino rurale 1974-76

Rete di patronato: Lega della Gioventù Comunista; Hu Jintao

Esperienze di governo locale: Henan (1998-2004), Liaoning (2004-07)

Esposizione internazionale: buona, maturata da Vice Premier; conosce e utilizza frequentemente l’inglese

 

Zhang Dejiang, 66 anni

Rango: numero 3

Portafoglio: affari legislativi (attesa per marzo la nomina a Presidente dell’Assemblea Nazionale del Popolo)

Posizione precedente: Segretario del Pcc nella municipalità autonoma di Chongqing

Politiche passate: tra i pochi leader ad esprimersi contro l’apertura del Pcc agli imprenditori nel 2001

Orientamenti attesi: fortemente conservatore in campo politico ed economico

Studi: laurea in lingua coreana; economia (in Corea del Nord)

Impatto Rivoluzione culturale: confino rurale 1968-70

Rete di patronato: Un “principe rosso”, vicino a Jiang Zemin

Esperienze di governo locale: Jilin (1990-98), Zhejiang (2002)

Esposizione internazionale: limitata soprattutto alla Corea del Nord

 

Yu Zhengsheng , 67 anni

Rango: numero 4

Portafoglio: rapporti con il “Fronte unito” (attesa per marzo la nomina a Presidente della Conferenza Politica Consultiva del Popolo Cinese)

Posizione precedente: Segretario del Pcc nella municipalità autonoma di Shanghai

Politiche passate: governo fermo in Hubei, per consenso a Shanghai

Orientamenti attesi: prudenza, attenzione alla responsività rispetto alle istanze sociali, interessamento alla gestione del mercato immobiliare

Studi: laurea in tecnologia missilistica

Impatto Rivoluzione culturale: gravi sofferenze nella famiglia

Rete di patronato: di famiglia aristocratica sotto l’Impero, il padre fu marito di Jiang Qing (ultima moglie di Mao). Molto vicino alla famiglia di Deng Xiaoping e a Jiang Zemin

Esperienze di governo locale: Shandong (1987-97), Hubei (2002-07), Shanghai (2007-12)

Esposizione internazionale: limitata

 

Liu Yunshan , 65 anni

Rango: numero 5

Portafoglio: media, propaganda, formazione

Posizione precedente: Direttore del Dipartimento Propaganda del Pcc

Politiche passate: duro contro il dissenso sui media, artefice di media più sofisticati e internazionali, e di campagne di propaganda rurale

Orientamenti attesi: forte controllo sui media (no ai media come attori di verifica e pressione circa l’azione di governo), internazionalizzazione dei media cinesi controllati dallo Stato, persistenza di capillare proiezione ideologica e narrativa del Partito sulla società e nel mondo (specie sinofono)

Studi: magistero; amministrazione pubblica

Impatto Rivoluzione culturale: confino rurale 1968-69

Rete di patronato: Hu Jintao ma vicino a Jiang Zemin

Esperienze di governo locale: Mongolia Interna (1982-93)

Esposizione internazionale: limitata

 

Wang Qishan , 64 anni

Rango: numero 6

Portafoglio: lotta alla corruzione (selezionato Capo della Commissione per la Disciplina del Pcc)

Posizione precedente: Vice Premier

Politiche passate: gestione della crisi finanziaria in Guangdong, promozione del turismo a Hainan, governo di Pechino durante la SARS

Orientamenti attesi: lotta alla corruzione senza intaccare gli interessi delle grandi famiglie del Pcc

Studi: laurea in storia e attività di ricerca storica presso la Chinese Academy of Social Sciences

Impatto Rivoluzione culturale: confino rurale 1969-71

Rete di patronato: un “principe rosso”, è vicino a Jiang Zemin

Esperienze di governo locale: Guangdong (1997-2000), Hainan (2002-03), Pechino (2004-07).

Esposizione internazionale: ampia anche in quanto co-leader per parte cinese del US-ChinaStrategic and Economic Dialogue

 

Zhang Gaoli , 66 anni

Rango: numero 7

Portafoglio: Economia nazionale (attesa per marzo 2013 la nomina a Vice Premier della Rpc)

Posizione precedente: Segretario del Pcc nella municipalità autonoma di Tianjin

Politiche passate: esperienza in grandi imprese di Stato nel settore idrocarburi; promozione crescita economica accelerata (anche con ricorso squilibrato a investimenti)

Orientamenti attesi: crescente apertura dell’economia, attenzione benevola a grandi imprese controllate dal Partito-Stato

Studi: statistica

Impatto Rivoluzione culturale: -

Rete di patronato: Jiang Zemin

Esperienze di governo locale: Guangdong (1985-97), Shenzhen (1997-2001), Shandong (2001- 07), Tianjin (2007-12)

Esposizione internazionale: limitata

Fonte: Orizzonte Cina

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali