You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Asia/Africa Articoli Storia ed emigrazione Urbanistica zoologica nel Sudan del Sud?Progetti in corso
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Urbanistica zoologica nel Sudan del Sud?Progetti in corso

Il governo del Sud Sudan ha annunciato dei progetti per rimodellare 10 città in base a forme di animali e frutta. Secondo questa proposta, la capitale regionale Juba prenderebbe la forma di un rinoceronte. Wau sarà rimodellata come una giraffa

Eilert Sundt deve aver avuto una settimana intensa e felice. In quanto Presidente della Società Carto-zoologica Norvegese, Sundt è probabilmente l'ambasciatore più importante al mondo dell'oscura disciplina della "carto-zoologia" (1). Quest'improbabile incrocio tra cartografia, zoologia e pianificazione urbana ha ricevuto un enorme spinta la scorsa settimana, quando il governo del Sud Sudan ha annunciato dei progetti per rimodellare 10 città in base a forme di animali e frutta.

Secondo questa proposta, la capitale regionale Juba prenderebbe la forma di un rinoceronte. Wau, capitale dello stato di Bahr el-Ghazal e seconda città del Sudan del Sud, sarà rimodellata come una giraffa. Una terza città verrebbe trasformata in un ananas. Anche le altri capitali verrebbero riprogettate per assumere la forma della flora o della fauna dei loro emblemi di Stato. "Finalmente, finalmente, il mondo sta cominciando a vedere le cose a modo mio", deve aver detto esultando Eilert Sundt.

Ma essendo un tipico scandinavo coscienzioso, la sua newsletter trionfante conteneva anche un avvertimento: "Ci dispiace dirlo, ma per quanto l'idea sia bellissima, temiamo che le autorità sudanesi (del Sud) non abbiano considerato bene le priorità in campo."

Il carto-zoologista si riferisce ovviamente alle gravi difficoltà, finanziarie e umanitarie, in cui versa attualmente il Sudan. La riprogettazione zoomorfica (2) costerebbe oltre 10 miliardi di dollari USA e richiedebbero 20 anni di lavori.. Il bilancio annuale complessivo del Sudan del Sud è di appena 2 miliardi di dollari. Il Sudan del Sud, cristiano, animista e nero africano, sta ancora riprendendosi dalla guerra civile durata 21 anni combattuta contro il Sudan del Nord, che è pe rlo più arabo e musulmano. L'ONU stima che 9 su 10 sudanesi del Sud vivano con meno di 1 dollaro al giorno. La fame è comune, le strade asfaltate sono rare.

Il referendum previsto per il prossimo gennaio dovrebbe portare all'indipendenza, facendo del Sudan del Sud (3) non solo la più recente, ma anche una delle nazioni più povere della Terra. I livelli di corruzione sono tali che si parla già, in maniera non troppo scherzosa, di "Stato pre-fallito". Gran parte di quella corruzione, nonché la principale speranza per il progresso futuro, è basata sulla ricchezza petrolifera della regione, che fornisce il 98% del bilancio nazionale già citato.

Possiamo cioè ritenere il progetto di trasformare Juba, la futura capitale, nella città Rinoceronte, un grossolano esempio di corruzione e spreco di denaro (4)? Oppure si tratta di un modo intelligente per aumentare la visibilità del Sudan del Sud per attirare visitatori che non siano petrolieri e operatori umanitari?

Nonostante le perplessità di Sundt, quest'ultima ipotesi non è così impensabile. Pur non essendo esattamente carto-zoologiche, le Isole al largo della costa di Dubai, modellate artificialmente, hanno attirato ampio intreresse mediatico (e probabilmente analoghi investimenti). Le città-Rinoceronte, Giraffa, Ananas e altre a forma di animali o piante potrebbero rivelarsi abbastanza attraenti da attirare una discreta nicchia di viaggiatori in cerca di curiosità.

Un esempio concreto, anche se meno noto, di carto-zoologia è stato già discusso su questo blog: Ciudad Evita, uno sobborgo di Buenos Aires sagomato per assomigliare al profilo di Evita Peron, moglie del Presidente argentino Juan Domingo Perón (1946-1955, 1973-1974). Ma un altro esempio pubblicato in precedenza su Strange Maps mostra un grave inconveniente della carto-zoologia - intenzionale o meno che sia.

Il pachiderma che emerge quando si gira di un 90 gradi la mappa dell'Ontario meridionale, non mostra solo una bella proboscide e una coda felicemente sollevata, ma anche - nella città di Owen Sound - l'evidente sedere di elefante. Per questo motivo, nessuno vorrebbe vivere più o meno in prossimità di un posto equiparato al sedere di un rinoceronte (immaginate le indicazioni: "Girate a sinistra alla zampa posteriore, e poi, ehm ..."). Le autorità del Sudan del Sud stanno cercando di aggirare la questione, dimostrando tuttavia di saper apprezzare gli aspetti migliori dell'urbanistica carto-zoografica:

* L'ufficio del presidente a Juba si troverebbe nell'occhio del rinoceronte.

* La sede della polizia dello Stato di Equatoria Centrale sarebbe nella bocca del rinoceronte.

* L'orecchio del rinoceronte ospiterebbe un parco divertimenti.

* Un'area industriale verrebbe situata lungo la schiena del rinoceronte.

* Le quattro zampe del rinoceronte sarebbero utilizzate per le zone residenziali.

* A Wau, il fondoschiena della giraffa verrebbe occupata da un impianto di trattamento delle acque di scolo.

Note:

(1) La Norsk Kartozoologisk Forening definisce così la carto-zoologia come: "Lo studio degli animali la cui forma emerge in maniera paradigmatica dalla struttura stradale, soprattutto per quanto riguarda i segnali fisici della presenza degli animali sul corrispondente terretorio."

(2) 'A forma di esseri viventi.'

(3) Se questo sarà il nome del nuovo Stato. Mi sembra uno spreco di energie condurre una lotta separatista, semplicemente per definire la direzione di un Paese da cui ci si è decisi comunque a secedere.

(4) Il Parlamento del Sudan del Sud deve ancora approvare tali paini, ma sono già in corso trattative con imprese edili straniere per sviluppare progetti urbanistici a forma di animali e vegetali.

Testo originale: Animal, Vegetal, Municipal: South Sudan's Zoomorphic Cities, ripreso da Strange Maps, blog di curiosità cartografiche. 

FRANK JACOBS, TRADOTTO DA ELENA INTRA

Ripreso dal blog Strange Maps

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/vociglobali/grubrica.asp?ID_blog=286&ID_articolo=155&ID_sezione=654&sezione=

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali