You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Europa Articoli Dal mondo economico, istituzionale e sociale Trasferirsi in Germania: una guida per la città di Stoccarda (6)
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Trasferirsi in Germania: una guida per la città di Stoccarda (6)

La scelta di venire a vivere in Germania comporta momenti di difficoltà nell’orientarsi in un sistema lavorativo, sociale e culturale molto diverso da quello italiano. Le ACLI Baden-Württemberg, con il Patronato ACLI di Stoccarda, hanno cercato di mettere insieme alcune informazioni per permettere ai nuovi arrivati a Stoccarda di orientarsi più facilmente nel sistema burocratico amministrativo tedesco. Pubblichiamo la guida, gentilmente messa a disposizione del portale Lombardi nel Mondo.
Trasferirsi in Germania: una guida per la città di Stoccarda (6)

La torre della televisione

Lavorare in Germania

La ricerca di un lavoro si svolge di regola  secondo due canali:
- Rispondere a un preciso annuncio di un datore di lavoro – Stellenausschreibung
- Candidatura spontanea – Initiativbewerbung.
In entrambi i casi molta importanza ha il Curriculum – Lebenslauf – personale.

Annunci di lavoro si trovano sui quotidiani, sui motori di ricerca specializzati e presso agenzie per il lavoro.

Tra i siti più importanti, istituzionali e creati da privati, segnaliamo:

www.jobboerse.arbeitsagentur.de
www.ec.europa.eu/eures/page/homepage?lang=it
www.monster.de
www.job-suche.de
www.jobpilot.de
www.careerjet.de
www.jobs.de


Consigli utili:
Per i giovani sotto i 25 anni, che non hanno una qualifica professionale e/o intendono qualificarsi/specializzarsi in un determinato mestiere, c’è la possibilità di poter accedere, a determinate condizioni, al sistema di formazione professionale tedesco (sistema duale  scuola - lavoro). Informazioni e consulenza gratuita in lingua italiana presso il CET Center for European  Trainees.

ciane
Centro Informazioni ACLI
Nuova Emigrazione
Rothebühlstr. 84/1
70178 Stuttgart
Tel. O1575 2927602
aclibw@yahoo.de
www.acli-bw.de
Orari d’apertura
Lunedì e Mercoledì:
14:30 – 17:30

CET – Center for
European Trainees
Bildungswerk der Baden-Württembergischen Wirtschaft e.V.
Martinstrasse 42-44,
73728 Esslingen
Tel. 0711 – 310574-11
nucera.valentina@biwe.de
www.cet-eu.com

II riconoscimento del titolo di studio o della specializzazione conseguita in Italia agevola molto la possibilità di poter  trovare un lavoro (a condizione di conoscere la lingua!).
In Germania l’istruzione e la formazione professionale sono di competenza dei singoli stati federali – Länder.
Le regole per il riconoscimento di una professione o di un titolo di studio straniero possono così variare tra i diversi Stati federali.

È possibile ottenere informazioni al riguardo sul sito www.anerkennung-in-deutschland.de oppure nella banca dati ANABIN della Sede Centrale per il Riconoscimento  dell’Istruzione Straniera – Zentralstelle für ausländisches  Bildungswesen (ZAB) – www.anabin.kmk.org

A seconda del titolo di studio conseguito all’estero essa rilascia un acronimo che identifica lo stesso.
La procedura per il riconoscimento del titolo di studio è lunga e complessa, oltre che, a volte, costosa.
A Stoccarda per consulenza e informazioni ci si può rivolgere a: AWO Kreisverband Stuttgart e.V.

Ammissione all’università con il diploma di istruzione straniero

L’ammissione all’università è materia di competenza delle Università stesse e degli uffici incaricati da esse. Per essere ammessi a una facoltà bisogna presentare domanda presso l’Università di vostro interesse e sarà la stessa a valutare il vostro profilo. È necessaria tutttavia una verifica delle capacità linguistiche: il tedesco è condizione essenziale per l’ammissione a corsi di studio.

È richiesto un livello di tedesco alto, solitamente corrispondente  all‘Oberstufe (C1 dei livelli europei di competenza linguistica) .

Riconoscimento di professioni e di titoli di studio stranieri

AWO Kreisverband Stuttgart e.V.
Olgastrasse 63
70182 Stuttgart
Tel. 0711 21061-17
anerkennung@awo-stutt-gart.de
www.awo-stuttgart.de

Riconoscimento delle qualifiche professionali

Per coloro che vogliono accedere al mercato del lavoro da liberi professionisti è necessario richiedere il riconoscimento delle proprie qualifiche, processo lungo che, a volte, si traduce nel dover frequentare un anno di Master Universitario o un Referendariat (praticantato) o ancora il superamento di un Esame di Stato.

Per il riconoscimento delle qualifiche professionali acquisite all’estero sono competenti le Camere di Commercio e dell’Industria – Industrie und Handelskammer (IHK), le quali hanno uffici appositi a cui rivolgersi (Anerkennungsberatung o Beratungsstelle Anerkennung).

Competente per informazioni e consulenze per le procedure di riconoscimento per la regione di Stoccarda è l‘AWO Kreisverband Stuttgart e.V.

Traduzioni di documenti e certificati

Il riconoscimento dei titoli di studio richiede sempre la traduzione dei titoli da parte di traduttori giurati.
Informazioni e la lista dei traduttori giurati presso i quali ci si può rivolgere si possono trovare sul sito del Consolato generale d’Italia a Stoccarda (www.consstoccarda.esteri.it) e sui seguenti siti:

www.justiz-dolmetscher.de (anche in italiano)
www.bdue.de

Nota bene:  Traduttori giurati «www.justiz-dolmetscher.de» - «www.bdue.de».


Sesta puntata

In collaborazione con:

ACLI Baden-Württemberg
Jahnstrasse 30
70597 Stuttgart
Tel. 0711 97 91 137
Fax 0711 97 91 383 137
aclibw@yahoo.de
www.acli-bw.de

Patronato ACLI
Rotebühlstr. 84/1
70178 Stuttgart
Tel. 0711 60 09 46
Fax 0711 60 71 597
stoccarda@patronato.acli.it
a cura di L. Rossi (Bochum)
www.luigi-rossi.com

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali