You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Europa Articoli Storia ed emigrazione LE POSTE TASSIANE (5)
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

LE POSTE TASSIANE (5)

Per www.lombardinelmondo.org presentiamo “Le Poste Tassiane”, uno dei primi, e tra i più importanti, interventi dedicati alla famiglia dei Tasso di Camerata – Cornello (Bergamo), all’origine della posta moderna (italiana ed europea). Enrico Melillo, uno dei maggiori storici della Posta, segue passo passo gli sviluppi di questa casata impegnata in Italia e nell’Europa dei secoli XVI – XIX.
LE POSTE TASSIANE (5)

Percorso Mechelen-Innsbruck

Il Rübsam, dotto studioso di ricerche e di memorie Tas­siane, così accenna, in un suo accurato studio su Johan Ba­ptista von Taxis, al primo servizio di Francesco: «Il primo servizio postale organizzato da Francesco de Taxis percorse 1'Alemagna nel 1516; ma una lettera-patente di Filippo I, re di Spagna, del 1° marzo 1500, contiene, in base a con­tratto conchiuso col suo capitano e maestro Francesco de Taxis, un accordo, col quale Taxis prendeva impegno di stabilire una corrispondenza postale tra i Paesi Bassi, la Corte dell'imperatore Massimiliano I, la residenza del re di Francia e la Corte di Spagna. Il servizio postale incominciò nel 1504».­

E il De Stephan, nella sua «Storia delle Poste in Prussia», rileva che il primo servizio di corriere in Alemagna fu orga­nizzato tra Bruxelles e Vienna da Francesco Tasso e che l'annata in cui questi organizzò la prima Posta in quella re­gione è la stessa in cui i vascelli di Magellano fecero la prima volta il giro pel mondo.

L'Haass, in una Conferenza, tenuta nel Circolo di Geo­grafia Commerciale del Württemberg in Stuttgart, sulla Storia Universale delle Poste dagli antichi ai nostri tempi, dice: L'imperatore, sposatosi con Maria di Borgogna, s'ebbe in dote, con altri cespiti, anche il Brabante (Paesi Bassi), e dovendo spesso ricever notizie da quella contrada e inviarne, fondò al principio del XVI secolo il corriere postale tra Bru­xelles e Vienna addetto esclusivamente al suo servizio pri­vato. Tale servizio venne istituito da Francesco Tasso, che 1'Haass chiama cortigiano, da quello stesso che aveva im­piantata la corriera tra Vienna e l'Italia. Le spese per en­trambi [sic] le corriere erano sostenute dall'imperatore. Il corriere stabilito da Francesco Tasso nel 1516 era la prima vera posta del Württemberg. Il duca Ulrich per assicurare la continuità del servizio concesse i quattro procacci di Knittlingen, Enzweihingen, Cannstatt ed Ebersbach. Francesco li accettò come una straordinaria concessione, senz'alcun obbligo da parte del duca; ma i suoi successori invece la richiesero come un diritto: donde nacquero lunghe e dispendiose con­troversie.

Il Weber aggiunge che nel Württemberg la Posta inter­nazionale Tassiana, esercitata da corrieri in servizio tra i Paesi Bassi, la Corte imperiale e 1'Italia, dirigevasi su Hausen, Plochingen, Gingen a Fils, Söflingen, e attraversando loca­lità poco commercianti perché essa non si occupava del ser­vizio interno. Per il diritto di passaggio loro accordato, i corrieri dei Tasso trasportavano gratuitamente la corrispon­denza ducale. Il maestro delle Poste di Augsbourg, cui era affidata la sorveglianza delle stazioni che i Tasso possede­vano nel ducato, inviava sistematicamente al duca i gior­nali che arrivavano al suo ufficio; per sua amabilità il duca gli donava, ogni anno, una botte di buon vino del Neckar.

Nel «Relatorio postal do anno Economico de 1877 – 1878 – 1879», a proposito della creazione del servizio delle Poste, nel Por­togallo, si legge: «Essa coincide con l'epoca in cui Francesco Tasso organizzò le prime Poste nella monarchia spagnuola degli Asburgo».

E il Moser, che chiama maravigliose concezioni dell'in­gegno umano 1'organizzazione dei gesuiti e la Posta, dimo­stra che il servizio postale propriamente detto è una creazione dei Tasso, creazione che ha avuto delle sorprendenti conse­guenze, e che ha trasformato, sotto certi rapporti, il mondo. Oggi, in verità, non è, egli dice, difficile imitare, dopo Co­lombo, il viaggio d'America; ma se non si fosse avuto un Taxis o un Colombo chi avrebbe potuto valutare gli anni, forse i secoli, prima di sentir parlare di Poste e dell'America?

L'imperatore Ferdinando Il, in un diploma del 1621, de­signa chiaramente il Taxis come il primo creatore del ser­vizio postale in Alemagna.

Francesco Tasso trasportava le lettere da Innsbruck a Bru­xelles, di estate, in giorni 5 ½; d'inverno, in 6 ½. Da Bru­xelles a Parigi impiegava 44 ore; a Lione, 4 giorni; a Gra­nada, 15; a Toledo, 12. I ritardi, causati da forza maggiore, erano tollerati sempre; ma ciò avveniva ben di rado, ché il servizio di quest'uomo, dotato di un carattere ferreo e di una potente volontà, si svolgeva da per tutto rapido e sicuro.

 

Fine quinta puntata

 

A cura di Luigi Rossi (Bochum)

www.luigi-rossi.com

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali