You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Europa Articoli Storia ed emigrazione Artisti Lombardi in Spagna (15)
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Artisti Lombardi in Spagna (15)

Offriamo ai lettori una serie sugli Artisti Lombardi attivi in Spagna tra i secoli XII e XIX, un primo passo per comprendere l’estrema mobilità di artisti, artigiani, idee e materiali nel corso dei secoli.
Artisti Lombardi in Spagna (15)

Real Museo del Prado

RUSCA Andrea

(Sec. XVIII)

 

Architetto.

Nato a Mondonico (Canton Ticino). Si reca in Spagna nel 1739. Lavora per 23 anni al Palazzo Reale di Madrid come uno dei quattro subalterni del Sacchetti.

Il 2 luglio 1739 è nominato capo sezione; l'8 luglio 1742 è nominato architetto, carica che mantiene fino al 1760, con assegno di 30 reali al giorno.

 

Opere:

 

MADRID, Palazzo Reale (soffitto della Cappella) in collaborazione con G. B. Botta. - Chiesa di San Justo y Pastor, Altar maggiore (collaborazione).

 

 

RUSCA Antonio

(Sec. XVIII)

 

Architetto.

Dal 1743 lavora con Virgilio Rabaglio alla Chiesa di S. Michele in Madrid, progettandone, assieme a Taddeo Orsolino, la Cappella Mag­giore, la Sacrestia e le dipendenze.

Negli archivi di Palazzo Reale viene indicato come aiutante di Giacomo Bonavia, assieme a Felice Fedeli.

 

Opere:

 

MADRID, Chiesa di S. Michele, Facciata, Sacrestia e dipendenze.

 

 

RUSCA Bartolomeo

(Rovio, Lugano, 1680 - Milano, 1745)

 

Pittore.

Dopo aver lavorato al Convento di Santa Margherita a Lugano, è ingaggiato dal Marchese Scotti e dal Conte Rocca per lavorare in Spagna. Vi giunge nel 1734 e con F. Fideli fa parte del gruppo di pittori, che, sotto la direzione di G. Bonavia, affresca scenografie per il Teatro del Buen Retiro.

E' aiutante dell'Amigoni.

Affresca la Galleria bassa del Palazzo de la Granja (1742-1745), il Palazzo di Riofrío, nonchè la Chiesa di S. Michele a Madrid (1745).

 

Opere:

 

LA GRANJA, Palazzo (pianterreno), “Storia di Ercole” (affreschi); “Allego­rie” (affreschi); “Vergine col Bambino”.

MADRID, Chiesa di S. Michele (volta), “Apoteosi dei Santi Justo e Pastor” (affreschi: 1745); “Allegorie delle Virtù”; “Blasone del Card. Infante” (grisaglia).

 

 

RUSCONI Camillo

(Milano, 14 luglio 1658 - Roma, 8 dic. 1728)

 

Scultore.

Fratello di Giuseppe Rusconi, scultore del Papa, allievo del Rusnati a Milano e del Ferrata a Roma. Amico di Carlo Maratta.

E' in Spagna dal 1723 al 1727. Filippo V gli ordina il Retablo di San Francesco de Regis per la Cappella del Noviziato dei Gesuiti di Madrid (che il Pascoli vuole composto a Roma).

In origine il Retablo si componeva di una statua del Santo, col­locata in un'urna che fungeva da altare (opera di Agostino Cornacchi­ni), un bassorilievo con l'apoteosi di San Francesco de Regis (opera del Rusconi) e di due angeli laterali, opera di Giovanni Betti (in Spagna: Gambetti). Un incendio nel 1931 distrugge definitivamente la statua giacente del Cornacchini, di cui esistono peraltro fotografie.

Il bassorilievo del Rusconi e gli angeli del Betti furono trasferiti nel Convento delle Descalzas Reales ed ivi ricomposti in un nuovo Retablo.

Col Procaccini il Nostro conduce le trattative per l'acquisto a Roma delle sculture appartenenti alla Collezione della Regina Cristina di Svezia, poi disposte dal Sani nella Galleria bassa del Palazzo de La Granja.

 

Opere:

 

MADRID, Convento delle Descalzas Reales, Retablo, “Apoteosi di San Francesco de Regis” (bassorilievo).

PONTEVEDRA, Museo, “S. Matteo” (terracotta).

 

 

SACCHI Giulio

(Sec. XVII)

 

Scultore in legno.

Nato a Casalmaggiore (Cremona). Intorno al 1690 raggiunge la Spagna in compagnia di G. Bertesi di cui è alunno e collaboratore.

 

 

SESTO Francesco

(Sec. XV)

 

Incisore milanese.

Lavora a Roma e a Toledo. Nel giugno 1497, Isabella la Cattolica gli conferisce il titolo di intagliatore della «Casa de la Moneda» di Toledo.

 

 

SOLDATI Antonio

(Bergamo, 1752 - Neggio, Canton Ticino, 1822)

 

Scultore.

Appartiene a una famiglia di stuccatori ticinesi che, nella secon­da metà del Settecento e nei primi decenni del secolo scorso, operano nell'isola di Maiorca (Baleari).

 

Opere:

 

MANACOR, Chiesa Parrocchiale, Cappella di San Francesco, Stucchi

PALMA DI MALLORCA, Cattedrale, Stucchi del Battistero; Stucchi della Cappella di San Pietro. – Chiesa di San Francesco, Imitazione mar­mo; Figure delle virtù. – Chiesa della Madonna de la Esgleieta, Retablo. - Casa Marchese Sollerich, Decorazioni.

SAN JUAN, Parrocchia, Stucchi della Cappella di Sant'Antonio.

SINEU, Parrocchia, Stucchi del pulpito.

VILLAFRANCA, Parrocchia, Stucchi della Cappella della Trinità.

 

 

A cura di Luigi Rossi (Bochum)

www.luigi-rossi.com

 

Fine quindicesima puntata

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali