You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Europa Articoli Storia ed emigrazione Il Giorno della Memoria a Stoccarda
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Il Giorno della Memoria a Stoccarda

Un libro, un film, un concerto: Esther Bejarano a Stoccarda ospite delle ACLI
Il Giorno della Memoria a Stoccarda

Esther Bejerano

Giovedì 23 gennaio 2014, alle ore 19, presso la Haus der Katholische Kirche a Stoccarda (Königstrasse 7)  si celebrerà il Giorno della Memoria (che in tutto il mondo si terrà il 27 dello stesso mese) in onore delle vittime dell’Olocausto. Le ACLI del Baden – Württemberg, con i partner della manifestazione, presentano un incontro con Esther Bejarano, meglio conosciuta come la «ragazza della fisarmonica», una delle sopravvissute allo sterminio avvenuto nel Lager di Auschwitz-Birkenau, dove fu obbligata a suonare nell’orchestra femminile di quel campo di concentramento.

Esther Bejarano, impegnata signora di 88 anni molto conosciuta anche per i suoi concerti in Italia, pacifista e antifascista, proviene da una famiglia decimata dal nazionalsocialismo. La sua musica e il suo canto rimandano alla pace e all’amore per la vita, al coraggio e alla volontà.

Ricorda che è stata la musica a salvarla, senza cicatrizzare le ferite dell’anima. Che la musica e le letture nelle piazze, scuole e teatri, mantengono e tramandano la memoria degli anni della persecuzione razziale, politica e culturale, la vita e le sofferenze delle minoranze, la Resistenza e l’antifascismo.  

Nella Haus der Katholische Kirche, Esther Bejarano converserà con Antonella Romeo, la scrittrice che ha curato il volume «La ragazza con la fisarmonica» (Torino, 2013) e il documentario «Esther che suonava la fisarmonica nell’orchestra di Auschwitz» (in lingua tedesca e sottotitolato in italiano).

Dopo l'intervista, Esther Bejarano, accompagnata dalla fisarmonica di Gianni Coscia - uno dei grandi del jazz italiano - e dalla chitarra del figlio Joram, canterà canzoni della Resistenza in diverse lingue.

A Stoccarda, la sera del 23 gennaio prossimo, si diffonderanno sicuramente parole e musica di «Bella ciao», il più famoso canto popolare antifascista italiano.

 

a cura di L. Rossi (Bochum)

www.luigi-rossi.com

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali