You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Fondazione Cariplo Articoli Notizie 61° Lindau Nobel Laureates Meeting: testimonianza di Alessia Paccagnini
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

61° Lindau Nobel Laureates Meeting: testimonianza di Alessia Paccagnini

Paccagnini Alessia, Dottorato, Master e Laurea in Economia all’Università Bocconi di Milano, originaria di Castano Primo, provincia di Milano
61° Lindau Nobel Laureates Meeting: testimonianza di Alessia Paccagnini

Alessia Paccagnini

Un breve presentazione di te, Alessia?

Alessia Paccagnini, 30 anni, ricercatrice (Assistant Professor) presso l’Università degli Studi Milano – Bicocca. Precedentemente, sono stata Max Weber Fellow all’Istituto Universitario Europeo, in Intenship presso la Banca Centrale Europea e Professoressa a Contratto presso l’Universitá Bocconi e dell’Insubria. Ho ricevuto il dottorato di ricerca in Economia Politica nell’Aprile del 2009 presso la Bocconi con una tesi intitolata ‘Model Validation in the DSGE Approach’. Nella stessa Universitá ho conseguito il Master in Economics (2004) e la laurea in Scienze Economiche, Statistiche e Sociali (2003). I miei interessi di ricerca sono legati all’Econometria, Macroeconometria, Econometria Bayesiana, Macroeconomia Generale ed Internazionale. Tra le mie principali pubblicazioni, si ricordano:’On the Statistical Identification of DSGE Models’ con Agostino Consolo e Carlo Favero, pubblicato su The Journal of Econometrics, e ‘Does Trade Foster Institutions? An Empirical Assessment’ con Marcella Nicolini prossimamente su the Review of Economics and Institutions. I miei lavori di ricerca sono stati inoltre presentati in diverse conferenze internazionali, tra cui EEA-ESEM 2008 (Milano), ETSG 2008 (Varsavia), RES 2010 (Londra), CFE 2010 (Londra), AMES 2011 (Seoul).

Ci parli del 4to Meeting of Nobel Laureates in Economia finanziato dalla Fondazione Cariplo? In cosa consiste?

Il Meeting con i premi Nobel in Economia è un evento internazionale dove alcuni premi Nobel (17 presenti al meeting 2011) incontrano giovani economisti da tutto il mondo selezionati in base al loro percorso di studi e curriculo.

 

Quale percorso compiuto fino ad oggi, per arrivare fino a qui?

Durante i miei studi mi sono sempre chiesta come fossero in realtà i grandi economisti, i premi Nobel. Quando studiavo il modello di Mundell-Fleming oppure il McFadden Rsquared oppure l’equilibrio di Nash, mi sono sempre chiesta come uno studioso può arrivare ad un’idea tanto brillante! Grazie a questo meeting ho potuto incontrare tutti questi personaggi che per me sono stati compagni sui miei libri in molte materie studiate dalla laurea al dottorato.

 

Aspettative ad oggi

Oltre a poter conoscere dal vivo i premi Nobel, sono soddisfatta per aver potuto conoscere giovani economisti che come me sono entusiasti per questo meeting e soprattutto, di aver potuto capire come questi grandi nomi dell’economia sono diventati tali, ciò che vorrei portarmi a casa da questa esperienza è il loro entusiasmo e la loro tenacia che li ha resi tali!

 

Impressioni e testimonianza dell’evento?

Questa iniziativa è stata davvero emozionante e coinvolgente in quanto ha permesso a giovani di tutto il mondo di conoscere premi Nobel e di conoscersi.

 

Potresti condividere con i lettori alcune voci dei Premi Nobel incontrati nel corso del Meeting, o riportare alcune citazioni e impressioni rimaste nella tua memoria?

Non solo i giovani economisti erano entusiasti di conoscere i loro “miti”, ma anche i Nobel erano davvero entusiasti di conoscere i giovani economisti. Infatti, in varie occasioni hanno sottolineato come noi giovani siamo il futuro e per questo dobbiamo essere fiduciosi e pieni di speranze. Tutti i Nobel erano ben disponibili a chiacchierare coi giovani economisti su qualsiasi tema, dalla crisi finanziaria ad addirittura lo sport! Perché in fondo i Nobel sono persone normali come tutti! E molti di loro ballano davvero bene!

 

Aspettative e desideri per il futuro

Il mio più grande desiderio è che l’entusiasmo che ho potuto assaporare in questo meeting of Nobel si ripeta nel corso degli anni, e spero che la Fondazione Cariplo continui a sostenere la realizzazione di eventi filantropici e filo culturali come questi dando la possibilità ad altri giovani di vivere i momenti di cui sono stata testimone! Spero di rincontrare i Nobel conosciuti ed anche i giovani economisti che con me hanno condiviso questa fantastica esperienza!

 

Di Antonella De Bonis

4/10/2011

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali