You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Fondazione Cariplo Articoli Notizie Fondazione Cariplo. 18 anni, giovane e impegnata
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Fondazione Cariplo. 18 anni, giovane e impegnata

“A dicembre 2009 Fondazione Cariplo compie 18 anni, un compleanno che di solito un’istituzione non festeggia. Noi però vogliamo confrontarci con i giovani e celebrare una ricorrenza che proietta verso la maturità e l’impegno civile”.

“A dicembre 2009 Fondazione Cariplo compie 18 anni, un compleanno che di solito un’istituzione non festeggia. Noi però abbiamo due motivi per spegnere le candeline: vogliamo confrontarci con i giovani - nostri “coetanei” - e celebrare una ricorrenza che proietta verso la maturità e l’impegno civile”.

Il programma della manifestazione si aprirà il 22 dicembre alle 16 al centro congressi di via Romagnosi, a Milano, con gli interventi di Giuliano Amato su “Le fondazioni, da “mostri” a figliocci?”, Andrea Olivero, rappresentante del Forum Terzo Settore, con la relazione “Voci silenziose che continuano a lavorare”, Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo e Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia.

Saranno presenti inoltre Roberto Mazzotta e Ottorino Beltrami, ex presidenti di Fondazione Cariplo.

 

Ripercorriamo in sei tappe la storia di Fondazione Cariplo.

Nasce fondazione Cariplo

Fondazione Cariplo prosegue la missione della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde (Cariplo), la storica banca lombarda che affiancava attività di credito e attività di beneficenza, come nella tradizione delle antiche Casse di Risparmio. La legge Amato del 1990 ha imposto alle Casse di Risparmio di separare queste due attività, avviando un grande processo di ristrutturazione e privatizzazione del sistema bancario italiano. Da quel momento, l’attività di credito è stata affidata esclusivamente alle Casse di Risparmio, divenute società per azioni, mentre l’attività di beneficenza è stata destinata alle Fondazioni (per questo definite “di origine bancaria”).

Inizialmente, la Fondazione ha elargito contributi per far fronte alle richieste più varie, senza adottare una precisa linea d’azione. Dal 1997, invece, ha cominciato a pianificare una propria strategia di intervento. Non più erogazioni “a pioggia”, ma concesse sulla base di precise idee progettuali.

Gennaio 1998: un’altra tappa decisiva per la Fondazione. Per sette anni, infatti, Fondazione Cariplo aveva mantenuto il controllo di Cariplo Spa, la società per azioni in cui si era trasformata la Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde. Ora, invece, il controllo viene ceduto, in seguito a un’importante operazione finanziaria che consente a Cariplo Spa di divenire nel tempo Banca Intesa (e poi Intesa Sanpaolo) e a Fondazione Cariplo di raccogliere i proventi dell’iniziativa. Ciò ha permesso alla Fondazione di collocarsi tra le prime dieci al mondo per consistenza del patrimonio.

Con la legge Finanziaria del 2002 il governo tenta di avviare un processo di acquisizione dei patrimoni delle Fondazioni. Ne scaturisce un contenzioso tra governo e Fondazioni, chiuso l’anno successivo da una sentenza della Corte Costituzionale. La sentenza conferma la natura giuridica privata delle Fondazioni, definite con l’espressione “soggetti dell’organizzazione delle libertà sociali” che ne sottolinea efficacemente il ruolo intermedio tra le istituzioni pubbliche e la comunità dei cittadini.

Dalla sua nascita ad oggi Fondazione Cariplo ha percorso un lungo cammino di modernizzazione, con l’obiettivo di creare autentici professionisti della filantropia. Per questo, ha posto particolare attenzione nel gestire le proprie attività in chiave manageriale, dotarsi di personale giovane e specializzato e aprirsi costantemente al panorama internazionale.

Non solo Bill Gates e Warren Buffett, grandi filantropi americani: le realtà impegnate nella beneficenza con l’investimento di grosse somme si sono moltiplicate. A livello mondiale, Fondazione Cariplo è uno tra i principali organismi filantropici. Dal 1991 ad oggi ha erogato circa 2 miliardi di euro (con una media di 190 milioni di euro e 1000 progetti all’anno) a sostegno di enti nonprofit che operano nel campo dell’arte e della cultura, dei servizi alla persona, della ricerca scientifica e dell’ambiente, favorendo in modo determinante l’innovazione e la coesione sociale.

www.fondazionecariplo.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali