You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Fondazione Cariplo Articoli Notizie Circuito lirico lombardo: quattro teatri in rete, 3700 posti
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Circuito lirico lombardo: quattro teatri in rete, 3700 posti

Aderiscono il Teatro Grande di Brescia, il Sociale di Como, il Ponchielli di Cremona e il Fraschini di Pavia e a cui collaborano la Fondazione Teatro alla Scala, la Fondazione Orchestra i Pomeriggi Musicali, l'As.Li.Co e la Fondazione Cariplo

Milano, 24 ottobre 2011 - Un grande teatro da 3700 posti, cinque titoli prodotti ogni anno per oltre 45 repliche. Sono i numeri del Circuito Lirico lombardo, la rete promossa da Regione Lombardia a cui aderiscono il Teatro Grande di Brescia, il Sociale di Como, il Ponchielli di Cremona e il Fraschini di Pavia e a cui collaborano la Fondazione Teatro alla Scala, la Fondazione Orchestra i Pomeriggi Musicali, l'As.Li.Co e la Fondazione Cariplo. L'argomento è stato affrontato oggi, a Palazzo Pirelli, in un convegno, organizzato dall'Assessorato regionale alla Cultura, a cui sono intervenuti, tra gli altri, il presidente dell'Associazione Nazionale Critici Musicali, Angelo Foletto, il presidente della Fondazione i Pomeriggi Musicali, Riccardo Bertollini, il presidente di Agis Lombarda, Fiorenzo Grassi e i dirigenti dei settori culturali delle Regioni Lombardia, Veneto, Marche e Toscana.

"Il Circuito Lirico Lombardo - ha sottolineato l'assessore regionale alla Cultura, Massimo Buscemi, commentando l'iniziativa - da sempre si pone l'obiettivo di valorizzare il ricco repertorio operistico dei 'Teatri di tradizione' lombardi e avvicinare al melodramma anche fasce di pubblico solitamente non legate al teatro in musica. Il suo modello, che negli anni si è dimostrato vincente, prevede che le fasi di produzione, distribuzione e promozione siano realizzate in sinergia dalle Fondazioni che gestiscono i teatri di Brescia, Como, Cremona e Pavia, con l'Orchestra della Fondazione I Pomeriggi Musicali di Milano. Quest'esperienza si è rivelata fondamentale per offrire al territorio opere di qualità contenendo, grazie alla realizzazione di economie di scala, i costi di produzione e permettendo di avere così prezzi vantaggiosi sui biglietti".

L'assessore Buscemi ha sottolineato come un contributo fondamentale arrivi anche dalla Fondazione la Scala di Milano. "Grazie ad essa - ha ribadito - tramite un accordo di collaborazione pluriennale, il Circuito ha a disposizione allestimenti, costumi e attrezzature". Nella stagione 2011/2012 saranno rappresentati, nei teatri del Circuito, queste opere: I Puritani, Rigoletto, Il cappello di paglia di Firenze, Romeo e Giulietta, Il barbiere di Siviglia. I titoli saranno ripresi anche dal teatro Pergolesi di Jesi, quello dell'Aquila di Fermo, il Teatro dell'Opera Giocosa di Savona, il Teatro Sociale di Rovigo. Per la prima volta, il Teatro degli Arcimboldi ospiterà, il 3 e 5 novembre, Rigoletto.

 

Fonte: www.mi-lorenteggio.com

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali