You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Fondazione Cariplo Articoli Notizie La Fondazione Cariplo: una presentazione
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

La Fondazione Cariplo: una presentazione

E' un soggetto filantropico che concede contributi a fondo perduto alle organizzazioni del Terzo Settore per la realizzazione di progetti di utilità sociale e interviene prevalentemente in Lombardia e nelle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola.

La Fondazione Cariplo rappresenta la continuazione storica della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, istituita a Milano il 12 giugno 1823. Sin dagli inizi, la Cassa di Risparmio ha operato al servizio dell’economia del territorio e ha sostenuto la crescita sociale e culturale della comunità lombarda, conformando la propria attività ai principi di autorganizzazione e di sussidiarietà.

Formalmente, la Fondazione Cariplo è nata nel dicembre 1991 in seguito al processo di ristrutturazione del sistema creditizio italiano dettato dalla legge Amato-Carli e finalizzato ad avviare un ampio processo di razionalizzazione e di privatizzazione. Le Fondazioni nate da questo processo avevano come missione istituzionale quella di proseguire nell’attività filantropica di beneficenza svolta fino ad allora dalle Casse.

Dal gennaio 1998, la Fondazione Cariplo ha completato definitivamente il processo di separazione da Cariplo Spa, avviando l’importante progetto industriale di sviluppo che ha portato alla costituzione di BancaIntesa, divenuto il primo gruppo creditizio nazionale, e che ha permesso alla Fondazione, grazie ai proventi derivanti dall’operazione, di entrare a far parte delle prime dieci fondazioni al mondo per patrimonio. In seguito alla fusione BancaIntesa - San Paolo IMI, la Fondazione Cariplo è ora tra i principali azionisti di uno dei gruppi bancari più importanti in Europa.

 

Fondazione Cariplo svolge tre azioni principali:

 

•Sostiene le organizzazioni del territorio supportando attività innovative che rispondano a nuovi bisogni o diano risposte nuove a bisogni radicati, in settori che la pubblica amministrazione o le imprese private non riescono a presidiare.

 

Attività innovative sono quelle che affrontano le esigenze comuni senza ricorrere a modelli tradizionali e desueti. In questo senso, Fondazione Cariplo predilige il sostegno ad interventi che valorizzino il capitale umano (crescita di nuove professionalità, rinnovamento delle professioni tradizionali, etc), considerato un elemento decisivo per  garantire duratura innovazione. La Fondazione privilegia il finanziamento di progetti, anzichè il generico supporto alle organizzazioni, nella convinzione che questo sia il modo migliore per valutare l’impatto sociale e il carattere realmente innovativo di un’iniziativa.

 

•Interviene per creare o rafforzare soggetti sociali dotati di efficienza, in grado di affrontare in modo autonomo i problemi della comunità.

 

Fondazione Cariplo non mira a risolvere i problemi, ma ad accrescere le capacità delle organizzazioni di risolverli autonomamente. Il sostegno offerto dalla Fondazione, di conseguenza, è temporaneo e funzionale al decollo di soggetti che siano poi capaci di procedere da soli, raccogliendo altrove ulteriori finanziamenti o reggendosi sul mercato ove possibile. Diversamente, le risorse della Fondazione sarebbero vincolate per lunghi periodi e difficilmente potrebbero essere impiegate per scopi diversificati.

•Catalizza gli attori sociali impegnati impegnati nella risoluzione di un problema.

 

Fondazione Cariplo può esercitare questa funzione perchè, oltre ad avere un cospicuo patrimonio, si pone come soggetto neutrale e privo di interesse proprio, capace quindi di mediare tra diversi interlocutori ed anticipare la messa a fuoco dei problemi. La Fondazione seleziona in modo particolare enti nonprofit che agiscono in sinergia, per mezzo di partnership e reti.

 

Tutte le informazioni sul sito www.fondazionecariplo.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali