You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Brescia Ufficio addio, meglio la campagna. In un anno 15 nuove aziende
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Ufficio addio, meglio la campagna. In un anno 15 nuove aziende

Abbandonano tablet e pc in cambio di falci e trattori. Lasciano l'ufficio e si trasferiscono nei campi. Un fenomeno ribattezzato controesodo, ma che, più semplicemente, è il ritorno dei giovani verso le campagne.

Coldiretti lo conferma: in Lombardia fra il primo trimestre 2015 e lo stesso periodo del 2016 l’incremento di imprese giovani ha sfiorato il 78%, con le iscrizioni passate da 148 a 263. E anche Brescia fa la sua parte, con le sue 15 nuove aziende guidate da ragazzi e ragazze.

Sempre secondo Coldiretti, a livello nazionale la metà dei giovani alla guida di aziende agricole ha una laurea. Andrea Alessandrini è uno di loro: laureato in scienze ambientali, ha lasciato il lavoro come giornalista per coltivare frutta e verdura a Cadignano di Verolanuova. Ma c'è anche chi, come Davide e Marco Folli, a Puegnago, hanno deciso di proseguire nell'attività di famiglia ed oggi rappresentano la quinta generazione dell'omonima azienda agricola.

Il tasso di occupazione dei laureati in agraria è in linea con quello dei colleghi che hanno scelto altri indirizzi, la retribuzione mensile è leggermente più bassa, ma – assicurano da settore – la soddisfazione è alta. E dai giovani altro non ci si può aspettare che innovazione: Andrea punta su varietà rare, come la zucchina trombetta e il banano di montagna; Davide invece porta avanti la scelta bio dei suoi predecessori.

fonte: giornale di brescia

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali