You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Como Nautica, un distretto per rilanciare il settore. Como capofila tra gli artigiani
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Nautica, un distretto per rilanciare il settore. Como capofila tra gli artigiani

Como capofila per il Distretto regionale della nautica lombarda, che potrebbe ottenere fino a 23 milioni di euro di finanziamenti grazie al programma Driade

Como capofila per il Distretto regionale della nautica lombarda, che potrebbe ottenere fino a 23 milioni di euro di finanziamenti grazie al programma Driade (Distretti regionali per l’innovazione, l’attrattività e il dinamismo economico locale). Il progetto vede coinvolte sei province lombarde (Como, Lecco, Varese, Milano, Bergamo e Brescia) ed è stato presentato in anteprima la scorsa settimana a Bergamo e a Brescia.

 

L’industria nautica sta soffrendo infatti per l’eccessiva frammentazione e altri fattori di criticità quali il rapporto con le banche e con le società di leasing. La crisi lambisce quindi anche il mondo delle barche, se non nella fascia più alta degli yacht, in quella media da diporto.

A rappresentare Como e il comitato Nautica Lariana, sorto tre anni fa per rilanciare il settore sul territorio, l’imprenditore Meco Lillia, Enzo Fantinato, funzionario di Cna Nautica, e per il mondo dell’industria la Bellotti di Cermenate, che ha un proprio settore di legnami per la nautica.

Il caso dei cantieri Lillia è stato citato come esempio della nautica di successo. «In effetti il nostro è un cantiere nato dal nulla, ma che è diventato famoso nel mondo - dice Lillia - Abbiamo portato il made in Italy e il made in Lago di Como sulle acque di tutto il pianeta. Il nuovo cantiere di Pianello è un concentrato di moderna tecnologia e innovazione».

Per aderire al progetto di filiera nautica lombarda (che coinvolge Camere di commercio, Api, Confartigianato e Cna) entro il 30 marzo dovrà essere costituito un comitato esecutivo con la partecipazione istituzionale delle sei province. «L’assessore Alessandro Fermi - spiega Enzo Fantinato - è stato molto disponibile a portare avanti la proposta, anche le varie Camere di commercio credono nel distretto. Certo, i tempi sono brevi». In provincia di Como vi sono circa 150 aziende nella nautica pura e a livello artigianale alle imprese lariane associate a Confartigianato e alla Cna è già stata riconosciuta l’eccellenza a livello lombardo nel progetto di distretto.

«Oltre alle 150 realtà del territorio non possiamo dimenticare che la nautica fa lavorare i mobilieri, il tessile, le imprese metalmeccaniche - sottolinea Fantinato - Per costituire il comitato del distretto regionale della nautica lombarda servono 30-40 imprese e da questo punto di vista non vi sono problemi. Speriamo che venga raggiunto anche l’accordo tra le amministrazioni provinciali, è un’occasione da non perdere».

Il distretto sarebbe naturalmente il motore per un’altra iniziativa annunciata nei giorni scorsi proprio da queste colonne, la fiera della nautica a Villa Erba, che il presidente dell’ente fiera, Marco Ambrosini, vorrebbe presentare già nel 2010.


Paolo Annoni

http://www.corrierecomo.it/frm_articoli.cfm?ID=93671

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali