You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Como Addio Giannino Brenna, padre del tessile «Cavaliere senza macchia e paura»
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Addio Giannino Brenna, padre del tessile «Cavaliere senza macchia e paura»

LIPORNO- Scomparso a 84 anni, nel 1960 aveva fondato la stamperia di Liporno

Capacità imprenditoriale e umanità in pari misura, e una lungimiranza fuori dal comune, alla quale non è eccessivo attribuire, fra le altre cose, la rinascita del Setificio.

Questo e molto altro era Giannino Brenna, l’imprenditore tessile, fondatore e titolare della Stamperia di Lipomo, scomparso ieri a 84 anni. Un protagonista della vita economica della città, nato in una famiglia contadina e capace di costruire dal nulla con le proprie mani una delle più solide, brillanti e innovative realtà del tessile comasco.

Aveva fondato la Stamperia di Lipomo nel 1960, dopo una gioventù passata a svolgere i mestieri più diversi. Brenna aveva trovato tre soci - il fratello Giovanni Battista, detto Felice, Giuseppe Terzi, detto Peppino e Angelo Noseda - e con loro aveva costruito su un terreno agricolo del papà contadino un capannone di 800 metri quadri, costato 32 milioni di lire. Avevano fatto debiti per 12 milioni, e in capo a un anno li avevano saldati e avevano iniziato a lavorare in attivo, avviando una storia di imprenditoria virtuosa che li ha portati, mezzo secolo dopo, a un fatturato vicino agli otto milioni di euro e a un organico di 75 dipendenti in uno stabilimento di 10mila metri quadri.

«Era una persona di grande umanità e carisma - lo ricorda Antonello Regazzoni, direttore di Unindustria - dotato di una sensibilità speciale e doti imprenditoriali non comuni».

«Una persona straordinaria sotto il profilo umano - è la testimonianza di Ambrogio Taborelli, titolare della tessitura Taborelli di Paré ed ex presidente di Unindustria - Uno dei cavalieri senza macchia e senza paura che hanno fatto grande Como, partendo dal nulla. Ha creato una grande azienda e ha formato moltissime persone, operando sempre con grande discrezione per favorire i più deboli e aiutarli».

Il funerale si terrà martedì alle 15 nella chiesa parrocchiale di Lipomo.

fonte: la provincia di como

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali