You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Lodi Centrale sull’Adda «ecologica e sicura»
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Centrale sull’Adda «ecologica e sicura»

Maxi investimento da circa 19 milioni di euro per realizzare una centrale idroelettrica a Castelnuovo Bocca d’Adda.

Il progetto attualmente fermo in Provincia di Lodi e che ha messo in allarme il territorio cremonese è stato presentato nel gennaio 2010 dalla Vis srl, che fa capo ad Antonio Biancardi di Maccastorna e ai suoi figli. L’investimento prevede la costruzione di una centrale della potenza di 20mila megawatt da realizzarsi al confine fra Castelnuovo e Maccastorna, ancora entro i confini del Parco Adda Sud. In buona parte sugli stessi terreni di proprietà di Biancardi, noto imprenditore agricolo del Basso Lodigiano e patron della nota azienda di pomodori Solana di Maccastorna. «C’è sempre più bisogno di energia pulita e che costa meno - ha spiegato Biancardi - e l’energia idroelettrica ha entrambe queste caratteristiche». «Con l’energia prodotta da questa centrale, in particolare, vogliamo alimentare la cabina di Solana - ha spiegato Biancardi - vendendo il resto». Sui timori che in queste settimane hanno messo in allarme il Comune di Crotta e la Provincia di Cremona e in modo particolare gli agricoltori della zona, Biancardi ha assicurato: «Non c’è da temere: si tratta di un progetto innovativo, all’avanguardia, che prevede la realizzazione di una centrale non più grande di un impianto di biogas come quelli del territorio, e di una struttura in buona parte interrata e caratterizzata da lamiere particolari (contraddistinta da parti gonfiabili) che si alzano e si abbassano a seconda della portata delle acque».

 

    fonte: il cittadino di lodi
Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali