Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Mantova Uber Pulga, eroe mantovano per riconciliare vincitori e vinti
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Uber Pulga, eroe mantovano per riconciliare vincitori e vinti

I segni ci sono, stanno "sbocciando", come la primavera. Sono quelli di una riconciliazione nazionale a 72 anni dalla fine della Seconda Guerra mondiale e si possono ritrovare in una serie di grandi piccoli gesti, strette di mano e anche lacrime fra i protagonisti diretti e indiretti della tragica guerra civile che venne combattuta in Italia nel 1943-45 e che si concluse con la Liberazione dal nazi-fascismo.

 

A Schio la figlia dell'ex podestà (fascista) ha abbracciato il partigiano che uccise suo padre, ci sono patrioti che ricordano nelle interviste di essere stati salvati da repubblichini, e molte altre vicende rimaste oscure negli anni stanno venendo alla luce. Una di queste riguarda un mantovano, il sottotenente Uber Pulga, nato a Felonica nel 1919. E' stato molte cose diverse nelle sua breve vita, finita a 25 anni: una spia, un disertore, un pluridecorato di Salò, un eroe della Resistenza, un vincitore, un vinto, un rosso, un nero.
Ma dopo 72 anni da quei giorni diventa il simbolo di questa riconciliazione a cui stiamo assistendo.
Nel libro 'Partigiano in camicia nera' (Chiarelettere) il giornalista dell'Ansa Alessandro Carlini, cugino di quarto grado di Pulga, ha ricostruito la sua entusiasmante vicenda attraverso documenti raccolti in tutta in Europa e offrendo ai lettori un racconto in presa diretta nel tentativo di coinvolgere il pubblico più vasto possibile.
La storia di Uber
Uber nasce da una famiglia contadina della Bassa mantovana, allevato negli anni del regime fascista, con libro, moschetto e vanga subito dopo gli studi durati poco, fino alla quarta elementare.
La Felonica di quell'epoca è un 'paesone' in piena crescita, che vive principalmente d'agricoltura, conta circa 5 mila abitanti, con 5 osterie e 4 forni, raccontano i testimoni.
Fin da ragazzo il bracciante Pulga sognava qualcosa di diverso, una carriera militare, lui che aveva un fisico atletico, da pugile dei pesi medi, uno dei dilettanti più forti della Lombardia.
L'occasione arriva con l'entrata dell'Italia in guerra, nel 1940.
Uber viene arruolato nel Regio esercito e nell’aprile 1942 conosce uno dei teatri d’operazione più difficili per gli italiani: la Balcania come la chiamava il regime fascista, ovvero l’ex Jugoslavia.
I fanti della divisione Murge, nella quale Uber era caporale, sono dislocati a Mostar, e partecipano alla guerra anti-partigiana.
Guerra senza esclusioni di colpi, di italiani che fucilano e bruciano le case, di rastrellamenti ed esecuzioni sommarie.
Lo richiamano in Italia ed entra in un corpo d’elite, i parà della divisione Nembo. Con loro si trova in Sardegna l’8 settembre del ’43 e il caporale Pulga i ritrova ancora una volta al centro della storia.
Il suo battaglione, il XII guidato dal maggiore Mario Rizzatti, si ammutina perchè vuole restare al fianco dei tedeschi andando contro la volontà degli alti comandi e del maresciallo Badoglio.
Gli ammutinati giurano col sangue, si potrebbe dire, del tenente colonnello Alberto Bechi Luserna, che cerca di farli desistere, ma loro lo ammazzano.
Diventano così ”pirati”, senza legge e senza patria, inseguono qualcosa che non esiste ancora, sono i primi militari della futura Repubblica di Salò.
Uber non si ferma lì, portato in Germania, viene inquadrato nella divisione Italia, uno dei reparti appena costituiti nell’esercito di Salò, ma fin da subito addestrato dai servizi segreti delle SS per infiltrarsi fra i partigiani di Reggio Emilia e annientare la 77esima brigata Sap.
Si finge un disertore dell’Alto Adige fuggito dall’esercito nazista, un ”mezzo tedesco”, esperto di armi, un uomo utilissimo per i partigiani della zona di Reggiolo che lo prendono fra di loro.
Ma lo isolano, in una casa di latitanza, per settimane, temendo di aver a che fare con una spia, mentre lui ripara loro fucili, mitra e pistole, guadagnandosi giorno dopo giorno la loro fiducia e preparando la sua vendetta.
I sappisti non sospettano nulla e lo fanno partecipare a un assalto contro un presidio della Brigata Nera – Gnr a Santa Vittoria, frazione del Reggiano vicino a Gualtieri.
E’ il 28 dicembre 1944. I partigiani hanno con loro un lanciarazzi tedesco, un Panzerschreck, sicuri di far saltare il portone della caserma.
Ma Uber preparando l’arma aveva manomesso i proiettili per evitare che i ”banditi” facessero strage dei suoi camerati.
Va tutto a monte, i partigiani si sbandano e trovano rifugio in una casa di campagna, sicuri di essere scampati ai repubblichini che li cercano.
Non è così, arrivano i militi e nella fuga rocambolesca di Uber e altri due partigiani, il disertore stramazza al suolo fingendo di essere stato colpito dalle fucilate fasciste, sembra colpito a morte. Gli altri due non possono fermarsi e scappano.
Ma Uber all’arrivo dei militi si rialza, si fa riconoscere e si riunisce ai suoi camerati.
Il suo odio sopito nei mesi si risveglia, contro il nemico di sempre.
Insieme prendono un partigiano, nome di battaglia Marco (Arvedo Simonazzi), che si era nascosto all’interno del fienile vicino alla casa, lo torturano, e lo uccidono.
Un altro, il capo del distaccamento di Reggiolo chiamato “Noli” (Dante Freddi), che si era fidato di Uber e lo aveva preso fra i suoi, viene massacrato dai fascisti.
Uber torna al suo reparto della RSI, alla divisione Italia, e per i meriti da spia viene promosso a sottotenente da Benito Mussolini in persona, che è però l’ombra di se stesso, smagrito e sconfitto.
E’ un ufficiale, il sogno di una vita si è avverato, ma proprio lì invece ha inizio la sua crisi di coscienza. Uber da quel giorno di fine gennaio del ’45 non dorme più, i suoi incubi sono popolati dai suoi morti, vede un’Italia distrutta dal regime fascista, si sente un ”becchino che fa la guardia alle macerie di un Paese”. Quel barlume di coscienza che gli è rimasto lo spinge al tradimento e alla diserzione, vera in questo caso, per passare dall’altra parte, quella della Resistenza.
Ma tenendo sempre la camicia nera, che gli ricorda il fardello delle sue colpe.
Viene catturato dai suoi stessi camerati repubblichini, condannato per diserzione e alto tradimento e infine fucilato all’alba del 24 febbraio 1945 dietro il cimitero di Gaiano, in provincia di Parma.
Muore gridando ”viva l’Italia”, a due mesi dalla fine della guerra.
Si chiude così la storia di Uber Pulga, quella di un Paese che da fascista ha cercato la via della democrazia, passando attraverso la morte di troppi suoi figli.
E' giusto quindi oggi, a distanza di 72 anni, ricordare un 'eroe' che è caduto nella terra di nessuno, già però sperando in una realtà, quella dell'Italia liberata, che non ha mai potuto conoscere.

 

Di Alessandro Carlini

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…