You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Monza e Brianza Meda: Frattini, tentazione Brasile «Paralimpiadi di Rio? Un sogno»
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Meda: Frattini, tentazione Brasile «Paralimpiadi di Rio? Un sogno»

Meda Marco Frattini, per la terza volta consecutiva, è campione italiano iridato FSSI (federazione sport sordi Italia) nella maratona. E' successo in Toscana, durante la Firenze Marathon andata in scena domenica scorsa in una cornice suggestiva e ricca di sport: un evento da ripetere che ha regalato al 40enne medese la terza vittoria consecutiva dopo quelle di Roma nel 2012 e di Padova nel 2009. Frattini, non udente, ha concluso il percorso con una buona prova in 2.53'.22" e nel suo curriculum ha anche tre vittorie nella categoria del Cross e un libro dal titolo «Vedere di corsa e sentirci ancora meno». Un atleta di quelli che vanno dritti all'obiettivo, qualunque esso sia. E che non solo non si arrendono, ma neanche si fermano...

Presentati: Marco Frattini è...
Uno che ci prova e a volte gli va anche bene

Come è nata la tua passione per la corsa?

Per tanti anni ho corso senza impegno. Nel 2006 è arrivata la prima maratona a Milano e succede che non riesci più a smettere.

Dopo la terza vittoria nazionale di fila, ti, senti arrivato?

Assolutamente no, c'è ancora tanta strada da fare per migliorarsi.

Il sogno delle Paralimpiadi di Rio 2016 è tanto lontano oppure ci stai pensando?

Ogni tanto ci penso e mi dico che a 40 anni non sarebbe affatto male, ma non dipende da me. Mi auguravo di partecipare a Londra, ma nulla. L'anno prossimo ci saranno a Sofia le Olimpiadi dei sordi, ma a quanto pare la maratona è in forse. E' una questione di burocrazia federale a livello mondiale... apriti cielo! (i medesi lo vorrebbero vedere a Rio. E basta - Nda).

Quale è stata la tua vittoria più bella?

Quella che deve arrivare.

Hai dedicato l'ultima vittoria a Giorgia: perché? Parlaci di lei...

E' un'amica preziosa che conosco da una vita. Poi, come spesso capita, ci si perde di vista. O solo non si ha nel tempo il modo di conoscersi realmente a fondo. Per una serie di eventi favorevoli, ci siamo ritrovati e la corsa ha svolto un ruolo importante: da comune denominatore. In sostanza: Giorgia mi ha chiesto di tagliare il traguardo mettendomi nella posa di Supermariobros, che lei ha simpaticamente ribattezzato ?Supermarcobros? per l'occasione. Ho corso tutti i 42 km ripensando e ridendo tra me al pensiero di questa benedetta posa. Al traguardo è tanto se non mi sono accasciato e l'ho superato strisciando, perché gli ultimi sette chilometri li ho pescati non so dove nelle mie forze. Mi hanno fatto sedere subito sulla sedia a rotelle. La posa è solo rimandata.

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

Obiettivi sportivi: abbassare il mio crono e prepararmi al meglio in caso di una convocazione azzurra.

Nel tuo CV c'è anche un libro: di che cosa si tratta? Hai intenzione di scriverne altri?

Il primo è un anno della mia vita: il 2008. La perdita dell'udito nel 2006 mi ha messo nella prospettiva di rivedere totalmente la mia condizione. Ne è scaturito questo libro auto-prodotto che da due anni ormai sto presentando in tutta Italia. Ne è pronto già un altro e ne ho uno in stand by. Ma cerco un editore forte che mi aiuti.

Il sasso è stato lanciato. E intanto, forza Marco...
 

fonte: il cittadino/monza

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali