You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Monza e Brianza Special Olympics, a Monza i XXVI Giochi nazionali estivi
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Special Olympics, a Monza i XXVI Giochi nazionali estivi

Giulio Boscagli, Monica Rizzi, Roberto Formigoni e Marco Mariani alla presentazione dei XXVI giochi estivi special olimpics. Saranno oltre 1.400 gli atleti impegnati nella XXVI° edizione dei Giochi nazionali estivi Special Olympics Italia dal 28 giugno al 4 luglio

(Ln - Milano) Saranno oltre 1.400 gli atleti impegnati nella XXVI° edizione dei Giochi nazionali estivi Special Olympics Italia, che dal 28 giugno al 4 luglio saranno ospitati nell'Autodromo nazionale di Monza. Atletica, bocce, equitazione, ginnastica, nuoto, tennis e pallacanestro le discipline in programma. L'evento, che coinvolgerà anche i comuni di Giussano, Desio e Villasanta, è stato presentato oggi in Regione dal presidente Roberto Formigoni, e dagli assessori allo Sport e giovani, Monica Rizzi, e alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale, Giulio Boscagli.

"Numeri impressionanti, quelli della manifestazione - ha detto il presidente Formigoni, salutando una rappresentativa degli atleti presenti alla conferenza stampa - che testimoniano la portata di un grande evento, sportivo e umano, che cresce sempre più, e al quale tutti noi diamo un grande abbraccio". Durante la settimana dei giochi, infatti, la Brianza sarà invasa, insieme agli atleti, da oltre 1.000 volontari, 500 tra accompagnatori e tecnici e 100 giudici e arbitri, "che renderanno questo evento - ha sottolineato Formigoni - ancora più straordinario".

"Una iniziativa consolidata - ha detto l'assessore Rizzi - che siamo fieri di ospitare nella nostra regione. L'augurio, agli atleti e alle loro famiglie, i veri protagonisti, è che questo evento sia un'occasione di gioia da condividere tutti insieme".

L'assessore Boscagli ha ricordato la continua attenzione che Regione Lombardia ha assicurato alle politiche per la disabilità, in particolare "per favorire le pari opportunità nel sistema scolastico e nel lavoro, per la piena inclusione nel sistema assistenziale e, infine, per il diritto alla casa, un filone su cui c'è ancora da lavorare".


Martedì 29 giugno, alle 21, la cerimonia d'apertura in autodromo darà il via ufficiale ai Giochi, alla quale il presidente Formigoni e l'assessore Rizzi hanno assicurato di partecipare.

La torcia olimpica, disegnata da Armani, passerà nei comuni di Desio, Giussano e Villasanta per arrivare scortata in autodromo.

"Agli enti locali e al comitato organizzatore, presieduto da Cesare Boneschi - ha aggiunto il presidente lombardo - va il nostro ringraziamento e il plauso per tutto il lavoro svolto, insieme ai ragazzi delle scuole superiori. Siamo orgogliosi di chi come voi ha profuso impegno senza misura, per garantire a questi giovani un'ulteriore opportunità di crescita, sviluppo e socializzazione". Non a caso il motto degli atleti, che recitano al giuramento ("Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze") "è una frase - ha detto Formigoni - che va bene per tutti noi, che vogliamo vincere ogni giorno: ma non dobbiamo demoralizzarci se non ci riusciamo".


(Lombardia Notizie)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali