You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Monza e Brianza Economia: Monza e Brianza superano le 90.000 imprese
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Economia: Monza e Brianza superano le 90.000 imprese

Monza e Brianza superano le 90.000 imprese, comprese le unita' locali, e vanta la densita' industriale nel manifatturiero piu' elevata di Italia, con 34,5 imprese manifatturiere per chilometro quadrato, superando Milano (32), Prato (30,4) e Napoli (24,7). Monza e Brianza primeggia anche in Europa per densita' industriale se confrontata con alcune aree metropolitane come Vienna (9,6 imprese manifatturiere per kmq), Londra (8,2) Manchester (4,9) Madrid (2,6), Berlino (0,8) e Amburgo (0,6).

Sono 64.483, informa una nota della Camera di Commercio di Monza e Brianza, le imprese attive a settembre 2011, in crescita dell'1,2% rispetto allo stesso periodo del 2010, un aumento in controtendenza rispetto alla media lombarda (-0,3%). Il 62,9% sono imprese attive nei servizi, che in un anno registrano un +3,2%. Tra queste pesano di piu' le attivita' di commercio all'ingrosso e al dettaglio, che valgono il 25,8% del totale, in crescita dell'1,9%. Seguono le attivita' di noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (2.207 imprese), le attivita' di trasporto e magazzinaggio (1.995) e le attivita' immobiliari (5.858). Tra le attivita' industriali invece, che rappresentano piu' di un terzo del totale (22.861), tengono le costruzioni (che in un anno segnano un +1,6%). Il settore manifatturiero, che pesa il 15,5% sul totale, fa registrare in un anno una variazione lievemente positiva dello 0,5%. Sulle imprese attive a Monza e Brianza al terzo trimestre 2011, il peso maggiore e' rivestito dalle imprese individuali (il 51,9% del totale, in crescita del +1,4% rispetto allo stesso trimestre 2010), seguono le societa' di capitale (che rappresentano il 24,3% sul totale, +2,3% in un anno) e le societa' di persone (22,1%, -0,4%).

L'industria e' il settore piu' "brianzolo". Se in Italia le attivita' manifatturiere pesano il 10,2% sul totale, in Brianza si arriva al 15,5%, con una differenza specifica di 5,2 punti percentuali. Tra le attivita' dei servizi, sono piu' "brianzole" le attivita' immobiliari (4,4 punti percentuali al di sopra della media italiana) e le attivita' professionali, scientifiche e tecniche (1,6 punti percentuali al di sopra del dato nazionale).

La vocazione imprenditoriale si conferma "nell'area del mobile", tra Meda e Lissone, dove il 39,6% delle imprese e' attivo nell'industria. Nell'area di Monza e dei comuni limitrofi sono invece i servizi a rappresentare il 72% del totale delle imprese. E rispetto alla crescita media provinciale attestata all'1,2%, l'area che si dimostra piu' dinamica e' quella del vimercatese che cresce dell'1,5% in un anno.

"In questi ultimi tempi l'economia reale delle piccole e medie imprese della Brianza che conta oltre 90.000 attivita' tra sedi d'impresa e unita' locali", ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza, "ha dovuto confrontarsi con una crisi dalle dimensioni globali dalla quale l'intero sistema Paese fatica ad uscire in modo definitivo e duraturo con una crescita ancora troppo debole. Certamente l'estero, vocazione e sbocco naturale per molte aziende brianzole, rappresenta ancora un'opportunita'. Anche se, perche' la ripresa sia effettiva, e' indispensabile rilanciare i consumi, e piu' in generale il mercato interno, ancora in sofferenza sul fronte dell'occupazione. E per far questo sono necessari, come auspichiamo da tempo, provvedimenti e misure mirate"

"Il prolungarsi di una significativa debolezza delle imprese italiane", ha sottolineato il presidente di Confindustria Monza e Brianza, Renato Cerioli, "evidenziata da un calo della produzione industriale nel mese di ottobre, rende ancor piu' difficile il cambio di marcia che l'economia lombarda tenta di attuare. Si fatica a ritrovare un ritmo di crescita soddisfacente che possa allontanare lo spettro della stagnazione e possa far ripartire il mercato del lavoro. E' in momenti come questo che ognuno e' chiamato a fare la propria parte cercando nella propria azienda e nel territorio le forze propulsive del fare impresa e del fare rete tenendo a mente i punti focali che fanno della nostra regione e in special modo della Brianza un terreno fertile di crescita e innovazione". com/alb

 

 

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.

Fonte: www.borsaitaliana.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali