You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Monza e Brianza Monza, torna il Festival degli orti La passione green in Villa reale
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Monza, torna il Festival degli orti La passione green in Villa reale

Monza - La primavera è arrivata e allora mano al giardino. E perché no, anche all'orto. Per saperne di più meglio però mettere in agenda la seconda edizione del Festival degli orti di Monza, uno dei nuovi eventi cittadini di maggiore succeso un anno fa. L'appuntamento è tra poco più di un mese, ancora una volta a fianco della Villa reale, nei giardini delle serre, dal 23 maggio al 2 giugno.

Con qualche novità, assicura l'organizzazione di Terralab 3.0, «un nuovo format allargato ai temi della città e un grande orto fiorito all'ingresso della Villa. Per dodici giorni, i giardini delle serre, si animeranno di incontri, corsi e lezioni di orticoltura, di cucina e di conoscenza delle piante curative e aromatiche, laboratori per bambini, show cooking e una mostra d'installazioni sul tema "Coltiviamo la città"».
Quindicimila visitatori nella prima edizione l'obiettivo minimo da replicare per una manifestazione che rientra negli Expo days. «Ideata e curata dall'associazione Terralab3.0, la manifestazione sarà introdotta da un grande orto fiorito, posto proprio all'ingresso della Villa. L'evento è organizzato in collaborazione con la Reggia di Monza e con il patrocinio del Comune di Monza, dalla Provincia di Monza e Brianza, di Expo, della Camera di Commercio di Monza e Brianza, di Coldiretti Monza e Brianza e del Consorzio Florovivaistico alto lombardo».
«Un parte importante dell'esposizione sarà dedicata alle scuole primarie di Monza per realizzare, con il contributo di bambini e insegnanti, un orto collettivo. In programma inoltre incontri dedicati al tema dell'agricoltura urbana, alla sua regolamentazione, ai nuovi stili di vita, ai metodi alternativi di acquisto e distribuzione degli alimenti, ai recenti modelli di alimentazione. Lo scopo è quello di diffondere la cultura dell'orto, sensibilizzando l'attenzione all'ambiente, l'innovativo utilizzo della città, l'alimentazione sana e a Km 0, la sua funzione educativa e curativa».
La mostra Coltiviamo la città vedrà impegnati architetti, artisti, agronomi, giardinieri e scuole specialistiche nel pensare a una rappresentazione dell'orto inserito nel contesto urbano con funzioni sociali, educative o semplicemente paesaggistiche. Tra le novità di Festival degli Orti 2013 c'è il coinvolgimento diretto delle scuole primarie di Monza, che realizzeranno un grande orto collettivo, attenendosi al tema dei Micro orti in cassetta. «Ciascuna classe dovrà presentare un minimo di 5 vasi allestiti e piantumati con ortaggi, fiori, piante, composte secondo un disegno generale, come tessere di un variopinto mosaico, all'interno del quale i bambini potranno riconoscere il proprio lavoro».
L'inaugurazione si terrà giovedì 23 maggio alle18 alla presenza delle autorità locali; l'evento inaugurale sarà presentato da Susanna Messaggio. «Dopo il successo dell'anno scorso ci prepariamo ad accogliere la seconda edizione del Festival degli orti all'interno delle suggestive serre della Villa Reale – ha dichiarato il sindaco di Monza e presidente del Consorzio Parco e Villa Reale, Roberto Scanagatti - Questa manifestazione è un'occasione che il Comune accoglie con piacere per aiutare tutti a riflettere su tematiche, quella degli orti urbani e dell'economia green, di grande importanza per lo sviluppo delle nostra città e per la promozione di un modo di vivere, e di lavorare, che possa essere più sostenibile».

fonte: il cittadino di monza

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali