Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Pavia Riscaldamento, a Pavia i consumi più bassi della Lombardia
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Riscaldamento, a Pavia i consumi più bassi della Lombardia

Un’indagine rivela che in provincia si risparmia sul gas più che in altre città. Le associazioni dei consumatori: «Qui la crisi si è fatta sentire di più»

 

La bolletta del gas a Pavia è più leggera che in altre città della Lombardia: secondo un'indagine di SosTariffe, il portale che analizza le tendenze dei consumatori, nel 2015 i pavesi hanno tenuto il riscaldamento più basso rispetto al 2014, con un risparmio del 32%.
"Mancano i soldi " dice Cristiano Maccabruni, di Federconsumatori ". In provincia di Pavia la crisi ha pesato sicuramente di più che in altre città. Lo vediamo ogni giorno: da noi arrivano tante persone che chiedono di rateizzare la bolletta del riscaldamento. In queste condizioni è chiaro che si cerca il più possibile di risparmiare".
Secondo l'osservatorio, Como è la città con i consumi di gas più alti, in media 2073 metri cubi all'anno che corrispondono a 1550 euro di spesa annua.
A Pavia la bolletta pesa in media 450 euro l'anno.
Dopo Como, ci sono Brescia, Bergamo e Mantova, anche se la città più "virtuosa" è Lecco, con una bolletta annua di 420 euro.
A Monza è stato registrato anche il maggior aumento di consumo di gas: rispetto al 2014, nel 2015 i consumi hanno subito un incremento del 32,74%.
La realtà lombarda dove SosTariffe.it registra il calo maggiore di consumo di gas è Milano, con un –32,93% nel 2015 rispetto all’anno precedente.
Nell'analisi sono stati presentati i consumi medi di gas che gli utenti lombardi hanno indicato per ogni città nel 2015, e calcolato l'importo totale che l'utente avrà pagato nell'anno per soddisfare il fabbisogno indicato (sono stati applicati i prezzi aggiornati a gennaio 2016 ma comunque indicativi del costo in bolletta finale).

I consigli per risparmiare.
Cosa fare per ridurre i consumi?
Il primo consiglio è ridurre il riscaldamento: abbassando anche solo di un grado la temperatura del riscaldamento domestico, ad esempio a 19° invece che 20°, consente di tagliare la bolletta del 6% circa.
Valvole termostatiche: installandole si può regolare automaticamente l’afflusso di acqua calda ai termosifoni, impostando adeguatamente la temperatura dell’ambiente ed evitando sprechi di calore fino al 15%.
Caldaia a condensazione: sostituire l'impianto tradizionale con una caldaia a condensazione comporta una spesa iniziale, che però viene ammortizzata con il risparmio in bolletta. Grazie a una caldaia di questo tipo, infatti, si può risparmiare circa il 27% della spesa per il gas.
SosTariffe.it ha stimato che applicando tutti questi consigli gli utenti lombardi potrebbero risparmiare da 277 a 959 euro circa all'anno sulla bolletta del gas.


di Maria Fiore
(Fonte La Provincia Pavese01 marzo 2016)
Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Altro…