You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Pavia «Riaprire S. Marino dopo 20 anni»
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

«Riaprire S. Marino dopo 20 anni»

Il Comune con scuole e giovani per la chiesa di via Comi a Pavia: «Sarà uno spazio sociale»

PAVIA. Da duecento anni la chiesetta di San Marino appartiene al Comune di Pavia, da vent’anni o poco più è chiusa, dal 2005 il comitato spontaneo per San marino ne chiede la riapertura. E nel frattempo i ladri hanno smurato acquasantiere, portato via cancelli in ferro battuto del Cinquecento che chiudevano le prime due cappelle di destra e sinistra, rivoltato i cassetti della sagrestia e asportato tutto l’asportabile. Mentre la tavola lignea attribuita un tempo al Salaino ed oggi al Giampietrino, allievo di Leonardo da Vinci è oggi conservata provvisoriamente nei locali della curia vescovile. Dentro nidificano piccioni, i cui escrementi vistosamente macchiano le panche e l’organo cinquecentesco, un Antegnati, prende polvere. Ora il Comune la vorrebbe riaprire, per farne uno spazio civile, sociale, persino aperto al culto. E come chiedeva quasi dieci anni fa il comitato spontaneo per San Marino, restituirla alla città pulita e agibile. In che modo? «Abbiamo un progetto da presentare alla fondazione Cariplo – spiega l’assessore al commercio Pietro Trivi – noi stanzieremo centomila euro in due anni, altrettanti dovrebbero essere finanziati dalla Cariplo». Un progetto (San Marino per la città, la città per San Marino) che prevede la pulizia, la sistemazione, il ripristino degli arredi e la possibilità di coinvolgere giovani professionisti d’eccellenza del territorio come ventilato durante gli Stati generali del lavoro, e gli allievi delle scuole superiori

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali