You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Sondrio Dal 31 luglio la due giorni di «Armonie del Bernina»
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Dal 31 luglio la due giorni di «Armonie del Bernina»

Arrampicata di note sui monti lombardi promossa dal gruppo giovani del Cai di Sondrio. Jazz, classica, folk e djset tra vette e rifugi. E la band «le Radeau de la Musique suona sotto il Pizzo dei tre Signori

MILANO - Nel 1998, a 68 anni, è entrato nel Guinness dei Primati con un concerto alle pendici dell’Everest, a 5050 metri di altitudine. «Ma ho suonato anche sui monti della Lombardia, qualche volta con l’orchestra», racconta il pianista bergamasco Gianni Bergamelli. Nel 1998, a 68 anni, è entrato nel Guinness dei Primati con un concerto alle pendici dell’Everest, a 5050 metri di altitudine.

«Ma ho suonato anche sui monti della Lombardia, qualche volta con l’orchestra», racconta il pianista bergamasco Gianni Bergamelli. Secondo Bergamelli «lassù si suona in libertà, ci si accontenta di poco, non bisogna vestirsi eleganti come a teatro, si sta come si è». Il che piace agli artisti come al pubblico, basti pensare al successo del festival «I suoni delle Dolomiti», che ogni estate raduna sulle cime del Trentino musicisti e camminatori da tutto il mondo.

Sulle vette lombarde non abbiamo una manifestazione così prestigiosa, ma le note non sono mai mancate. La novità è che sempre più a portarle sono giovani che considerano la cultura montana un patrimonio da salvaguardare. «Unire musica e montagna mi viene naturale, sono le mie più grandi passioni», spiega il cantautore lecchese Sauro Giussani, che con la sua band Le Radeau de la Musique, Premio De André nel 2003, porta avanti il progetto «Rifugi in musica». «Con gli strumenti in spalla siamo arrivati in cima alla Grigna. All’inizio i nostri amici ci aiutavano, ora si sono impigriti, così abbiamo diminuito l'armamentario e proponiamo live acustici». Il prossimo sarà il 25 luglio al rifugio Falc, ai piedi del Pizzo dei Tre Signori, raggiungibile in tre ore di trekking. Il tempo necessario per arrivare al Marinelli-Bombardieri (2813 metri), dove il 31 il Gruppo Giovani del Cai di Sondrio darà il via ad «Armonie del Bernina», due giorni di passeggiate e concerti folk-rock. I più arditi sono gli ideatori di «Urca Urca!», compagnia under 35, che sabato prossimo, con 12 ore di dj-set tra funk e drum’n’bass, trasformerà in discoteca un pratone del Pian dei Resinelli, nel parco delle Grigne. Dice uno degli organizzatori, Davide Franceschini: «Rivalutiamo il paesaggio tenendo conto delle esigenze dei ragazzi».

Raffaella Oliva

Corriere della Sera

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali