You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Sondrio Da 2012 pedaggio auto per passo Stelvio
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Da 2012 pedaggio auto per passo Stelvio

Arriva il pedaggio a quota 2.758 su una delle strade piu' panoramiche d'Europa: il passo dello Stelvio. La giunta provinciale di Bolzano ha deciso di fare sul serio e dall'anno prossimo sara' approntato il primo casello sul versante altoatesino della strada che, dopo avere raggiunto le pendici del ghiacciaio dello Stelvio, ridiscende nelle piane della Lombardia

Per i ciclisti (che non saranno coinvolti dalla misura) si tratta della mitica Cima Coppi, che si raggiunge dopo avere percorso 48 tornanti mozzafiato, con le vallate verdi di abeti e di larici in basso e le nevi perenni sulle cime che si affacciano lungo il percorso. Immersa nel Parco nazionale dello Stelvio, la strada e' percorsa ogni estate da migliaia e migliaia di automobilisti e di motociclisti che giungono qui da ogni parte d'Europa. La strada fu inaugurata nel 1825 dall'imperatore Francesco I d'Austria per collegare la val Venosta direttamente con Milano, allora territorio austriaco, attraverso la Valtellina. Fino al 1915 il valico era percorso tutto l'anno da un servizio di diligenze grazie all' opera degli spalatori che la tenevano aperta durante tutto l'anno. Oggi la strada viene chiusa durante l'inverno, ma d'estate subisce l'assalto dei turisti e cosi' la Provincia autonoma ha deciso per il pedaggio. Gli importi incassati andranno alle opere di manutenzione della strada e anche a investimenti per la tutela dell'ambiente e del paesaggio alpino.

Dopo il primo esperimento con il pedaggio introdotto sul passo del Rombo, una strada poco frequentata che conduce in Austria, ora Bolzano ha deciso di intervenire su un'arteria certo piu' importante. Per quanto riguarda il versante lombardo - ha sottolineato il governatore altoatesino Luis Durnwalder - ogni decisione spetta alle autorita' locali competenti. E se per lo Stelvio il pedaggio e' ormai cosa fatta, nulla e' stato ancora deciso per le strade dei passi dolomitici. Come ha spiegato Durnwalder, si tratta qui di un territorio che si estende su Alto Adige, Trentino ed anche sul Bellunese ed occorrono quindi decisioni concertate. Tenendo presente che non tutti gli albergatori di una delle zone piu' turisticamente sviluppate delle Alpi (si pensi soltanto a Cortina) sono d'accordo nell'introdurre limitazioni che, temono, potrebbero riflettersi negativamente sui fatturati degli alberghi e dell'economia turistica in generale.

Positivo il giudizio sull'iniziativa da parte di Gustav Thoeni, ex pluricampione dello sci che e' nato proprio a Trafoi, il paesino dove sara' installato il primo 'casello' dello Stelvio: ''Si tratta di una soluzione a prima vista sensata - ha detto - e vediamo ora quali saranno gli effetti concreti''. ''In Austria e in Svizzera - ha commentato Thoeni - sono ormai parecchie le strade sulle quali da tempo si paga per passare. Certo anche sullo Stelvio le auto e le moto che transitano tutta l'estate sono moltissime. Se con il pedaggio saranno gli automobilisti a contribuire alle spese per la manutenzione della strada, questa mi pare un'idea giusta''.

 

Fonte: www.ansa.it

 

17/10/2011

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali